Milano, città futura di una mobilità ancor più sostenibile

In giugno si terrà il Congresso internazionale Uitp sul trasporto pubblico. Attesi duemila delegati da 75 Nazioni e 350 espositori

Mobilità urbana e città che sorridono, alla luce di un nuovo urbanesimo più a misura d'uomo, tendenzialmente teso a un vivere maggiormente ecosostenibile e vicino alla natura. I cittadini cambiano e variano, quindi, anche gli aggregati metropolitani, dove tendenze, architetture e nuove visioni prendono forma. Non poteva così mancare a questo appuntamento epocale, all'inizio di un nuovo millennio che sembra voler ridisegnare tutto e tutti, il mondo dei trasporti e della mobilità.

Il trasporto pubblico sta cambiando direzione: il panorama della mobilità urbana è in rapida trasformazione così come cambia il modo di muoversi delle persone nelle città di tutto il mondo. I cambiamenti e le sfide che attendono il trasporto pubblico e il modo in cui questo settore può riaffermare il proprio ruolo essenziale a livello urbano, sono i temi al centro del prossimo Congresso & Esposizione mondiale Uitp (l'Unione internazionale del trasporto pubblico) che si terrà a Milano dall'8 al 10 giugno prossimi, presso il Centro Congressi Mico FieraMilanocity.

Un appuntamento molto prestigioso per Milano promosso da Ferrovie Nord Milano (Fnm) - fondata nel 1877, la holding che controlla la seconda azienda ferroviaria italiana - che gestisce una rete di trasporto di oltre 300 km, con 120 stazioni, inclusa la nuova linea per l'aereoporto internazionale di Malpensa, e Atm, l'Azienda trasporti milanesi, nata nel 1931, che ogni anno trasporta più di 700 milioni di passeggeri. La città ambrosiana, che si è candidata a ospitare eventi di rilievo mondiale, prima tra tutti Expo 2015, sul tema mobilità e trasporti, ha battuto la concorrenza di metropoli quali Montreal e Francoforte, anch'esse candidate a ospitare il Congresso Uitp 2015.

I fattori vincenti sono stati la natura cosmopolita e fortemente internazionale, il contesto economico, la qualità dei servizi, la sua atmosfera «sorridente» che declina la città moderna e dinamica, in un ambiente dove è piacevole vivere. Milano è l'unica in Italia tra le «città globali» del Foreign policy's global cities index, l'indice internazionale sul livello di sostenibiltà unito al grado di globalizzazione delle metropoli mondiali.

Milano è anche un centro ricco di arte, cultura e tradizione: musei, tesori architettonici e artistici, capoluogo della regione, la Lombardia, con il maggior numero di siti Unesco d'Italia (ben 9). Centro finanziario, economico e del business mondiale, capitale della moda e del design. Molto importanti i numeri dell'evento. Per le presenze si prevedono più di 2.000 delegati, 350 espositori, 25.000 visitatori, 200 giornalisti e operatori dei media da tutto il mondo, 75 Paesi rappresentati. Il calcolo stimato di indotto economico per la città ospitante è di 20 milioni di euro.

«Si tratta di una grande opportunità per Milano, la Lombardia e l'intero Paese - spiega Norberto Achille, presidente del Gruppo Ferrovie Nord Milano - Uitp porterà in città i più grandi operatori del trasporto pubblico mondiale, sarà un importante momento di confronto e riflessione, un modo per conoscere ciò che il mondo sta facendo in questo settore mettendo anche in rete le conoscenze del gruppo Fnm che in questi anni è cresciuto ed è stato capace di grandi innovazioni».

Tra gli ospiti spiccano figure di alto profilo nel panorama internazionale dei trasporti. Basti citare João Aguiar Machado, direttore generale della Commissione europea Dg Move e Men Leong Chew, ceo di Lta, Land transport authority Singapore. Nell'ambito delle società private sarà presente Jean-Pierre Farandou, executive chairman di Keolis, società francese di trasporto pubblico presente in 14 Paesi che conta 2,5 miliardi di viaggiatori l'anno.

L'Esposizione offrirà anche uno spaccato unico delle più recenti innovazioni dell'industria per autobus, treni e It, che stanno trasformando il volto della mobilità urbana come lo abbiamo conosciuto finora.