La beffa al Fisco, miliardi di euro spariti in Cina con i money transfer

Un socio dell'agenzia di trasferimento di denaro durante un'intercettazione: "In quel money transfer stanno riciclando i soldi della mafia"

Un flusso di denaro che basterebbe per abolire Imu e Tasi. Oltre 4,5 miliardi di euro sottratti allo Stato e che sono spariti in Cina.

L'inchiesta, come riporta La Stampa, è partita nel 2008 da parte della Guardia di Finanza di Firenze. Le fiamme gialle, all'epoca notano che un operatore di money transfer di Bologna movimenta tanti soldi nell'area fiorentina.

Dopo un incrocio di dati, i conti non tornano: troppo denaro - milioni di euro - per troppo pochi clienti. Si scopre così che nella piccola agenzia bolognese, gestita anche da cittadini cinesi, si utlizza un semplice accorgimento per evitare il limite che farebbe scattare le segnalazioni automatiche per l'antiriciclaggio, fissato a 2mila euro: spezzettare il flusso di denaro in trasferimenti di 1999,99 euro.

A trasferire il denaro, cinesi morti, inesistenti o ignari. In pochi anni il fatturato della Money2Money passa da 85 milioni di euro a oltre 400.

Il giro di denaro porta a galla un nero proventiente da contraffazione, sfruttamento della prostituzione e gioco d'azzardo. Le indagini portano anche alla scoperta di un'evasione fiscale imponente da parte di molti commercianti cinesi: chi dichiara 17mila euro di reddito allo stato italiano e spedisce 1,89 milioni di euro in Cina o chi ne manda oltre 800mila euro e per il nostro fisco non esiste neanche.

La scorsa primavera c'è stata la richiesta di rinvio a giudizio per le oltre 297 persone fisiche e società coinvolte, mentre a marzo 2016 ci sarà l'udienza dal Gup. Nel frattempo, bisognerà tradurre in cinese un'infinità di carte processuali.

L'Erario al momento ha contestato appena 50 milioni di quella marea di denaro che basterebbe allo Stato per rendere migliore la vita degli italiani, con qualche tassa in meno da pagare.

Commenti
Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Lun, 21/09/2015 - 10:50

Ce solo un commento da fare.... Hahahahah!!

Leonardo Marche

Lun, 21/09/2015 - 11:05

Da Prato partono 1,5 milioni di euro AL GIORNO verso il governo cinese. Badate bene verso il governo e non verso i familiari. Così si dice in ambienti ben informati. Sono mezzo miliardo l'anno. Non sembra che sia denaro da attività illecite, ma una sorta di tassa che i cinesi devono pagare al governo per operare all'estero. Quindi denaro che arriva da aziende e aziendine (4.000 solo a Prato). Non si sa se è denaro sottratto allo stato italiano. E' bene che le istituzioni finalmente indaghino e speriamo che lo stato italiano finalmente realizzi che stiamo combattendo (perdendo da anni in realtà) una grande guerra economica con Pechino. Ci hanno portato via produzioni, lavoro, crescita e futuro e i nostri politici manco l'hanno capito.

evuggio

Lun, 21/09/2015 - 11:17

un proverbio napoletano dice che ogni giorno nasce un cucco, beato chi lo cucca. Qui il cucco principale è il sistema fiscale italiano che ci fa diventare cucchi tutti noi ialiani, vessandoci con limitazioni bancarie assurde e terzomondiste, facendosi poi cuccare IN MILLE MODI dagli stranieri (cinesi e non). L'articolista da già per irrecuperabile il maltolto, probabilmente non si tenterà nemmeno; ma siamo sicuri che altri Paesi, non cucchi come noi, non riuscirebbero a recuperare almeno una parte se non tutto?

Fradi

Lun, 21/09/2015 - 11:35

Come se non bastasse in giro per l'Italia ci sono delegazioni di cinesi che noi accogliamo con tutti gli onori, in visita alle nostre aziende, con la scusa di investire, e che invece sono orientate solo a copiare i prodotti e i processi di produzione. E' guerra. E' ora che qualcuno lo capisca.

forzatricolore

Lun, 21/09/2015 - 12:18

Ma esisterà in tutta Italia un giornale o un giornalista che abbia il coraggio di pubblicare quanti soldi escono ogni giorno e ogni anno con i Money Transfer? E verso quali nazioni???? Un giornale che voglia mettere in evidenza che se fai un trasferimento all'estero in banca ci sono controlli mentre i Money Transfer si possono aprire in qualsiasi tipologia di negozio. Giornale voi lo avete questo coraggio????

Ritratto di stufo

stufo

Lun, 21/09/2015 - 12:50

L'ho sempre detto (forse anche scritto) e ne sono convinto: coi money transfer (e quell'altro, hawala mi pare) i soldi europei si volatilizzano e non vengono spesi sul territorio. E cambierei più spesso le banconote, tutte, non solo quele di taglio 5 e 10. Meno contraffazioni e fuori corso l'esportato illegalmente. O no ?

libertyfighter2

Lun, 21/09/2015 - 12:52

"basterebbe per abolire IMU e TASI". Ma sappiamo tutti che non avverrebbe comunque. Quindi bene così, almeno in Cina quei soldi li usano per cose serie non per i po**ini a Fiorito, o per altri due trecento migranti per sovvenzionare le COOP. BRAVI CINESI. Respect

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Lun, 21/09/2015 - 13:10

Che buffo, non ho mai letto sul Giornale degli altri 195 miliardi evasi ogni anno dagli Italiani che il fisco non vedra` mai piu`...Anzi si`, dice che gli evasori fanno bene. Lo ha detto e lo ha fatto anche il Padrone. Proprio buffo...

Duka

Lun, 21/09/2015 - 13:19

Diciamola più ruspante: I cinesi ci hanno inc.... a dovere e a 360° - Per essere considerati il paese dei "furbi" non c'è che dire.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 21/09/2015 - 13:53

una situazione davvelo inculabile, aha aha...

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 21/09/2015 - 14:21

Komissar carissimo, proprio perche abbiamo gia i nostri EVASORI NOSTRANI, non vedo la necessita di IMPORTARNE altri dall'estero!!!lol lol Stammi bene li in COCOMERLANDIA.

enemy_of_all

Lun, 21/09/2015 - 14:22

195 miliardi evasione di italiani.... stanno imparando bene... a no è vero, secondo i lettori di questo simpatico giornaletto le tasse sono troppo altre quindi è giusto evadere.... quindi vale anche per i cinesi?

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 21/09/2015 - 14:26

Questa maialata non avviene solamente per i cinesi, ma tutti gli stranieri in Italia, specialmente gli arabi mussulmani, inviano da sempre denaro ai loro paesi, eludendo così il fisco. Poi la nostra Guardia di Finanza fa multe salate al bar che non ha fatto lo scontrino per un caffè offerto alla sorella della titolare.

exbiondo

Lun, 21/09/2015 - 14:53

Komissar, aspetta la pubblicazione anche della notizia dei 3 miliardi in soli sei mesi che un esercito di dipendenti e funzionari pubblici si è rubato. Ora la guardia di finanza si è messa di impegno anche con voi statali.

Mechwarrior

Lun, 21/09/2015 - 15:13

@ enemy_of_all: sfortunatamente io sono un schiavetto sottopagato ma se avessi una impresa mia evaderei certo visto quando si prendo lo stato e quante belle truffe combina coi nostri soldi...

Alessio2012

Lun, 21/09/2015 - 15:26

E Vauro continua a fare le sue vignette contro Berlusconi... ma i cinesi non si toccano, in quanto operai. W gli operai... eh, sì...

Zizzigo

Lun, 21/09/2015 - 15:27

L'errore è sempre dei nostri politici. Eccedere nella tassazione fa male alle tasse! Ma se i cretini non capiscono, c'è anche di peggio... diffondere false notizie, circa il controllo serrato, della A.E., che verrebbe eseguito sulle transazioni bancarie da e verso l'estero. Così si bloccano anche i commerci legali!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 21/09/2015 - 16:00

Deficiente lo Stato che li lascia entrare questi. Chi glielo ha detto il medico di farlo? Ma lo sapete che un'azienda cinese per i primi due anni non paga le tasse comunque? Poi questi chiudono, cambiano ragione sociale e riaprono per altri due anni. Comunque di tasse non ne pagano questi. SVEGLIA STATO ADDORMENTATO!