Il "modello Riace" di Lucano: false prestazioni per gonfiare i finanziamenti

Nelle intercettazioni e nelle carte dell'inchiesta il modo con cui il sindaco otteneva più finanziamenti per l'accoglienza

A Riace l’accoglienza era un vero “business”. Il “modello”, divenuto famoso nel mondo, andava mantenuto. Certo, non era facile farlo, soprattutto perché i soldi destinati agli immigrati, i famosi 35 euro al giorno, come riportato dagli investigatori, venivano utilizzati per concerti, feste, manifestazioni e pranzi. Lucano e i suoi avevano bisogno di soldi. Molti soldi. I migranti protestavano e, la tensione nel piccolo comune calabrese, cresceva giorno dopo giorno. Liti, proteste, scioperi. Gli immigrati si facevano sentire la loro voce e Lucano non poteva fare finta di nulla. Tutti, compreso Papa Francesco, lo avevano lodato, incensato, celebrato. “Mimì”, il bronzo di Riace famoso nel mondo, non poteva tornare indietro. Il “modello” doveva crescere, essere esportato in altri Paesi. Non si doveva arenare, ma il rischio era concreto come abbiamo visto. (Oggi il sistema di accoglienza è fallito e i migranti hanno lasciato il piccolo paese)

Il Ministero dell’Interno, dopo alcune ispezioni, decise di chiudere il rubinetto, di dosare le gocce, e “Mimì” studiava il modo per ricevere più soldi. Come? Con delle false prestazioni occasionali, scrivono gli inquirenti. Lucano dava indicazioni alla sua collaboratrice su come fare per “gonfiare i costi sostenuti dall’associazione, (Città Futura) al fine di ottenere un maggiore finanziamento.” Si legge tra le carte dell’inchiesta “Xenia”. I finanzieri si concentrano in particolare su una conversazione tra Mimmo Lucano e Cosimina Ierinò.

È l’8 settembre del 2017, i due si trovano sull’alfetta blu del sindaco dell’accoglienza. Lì scoprono che lo SPRAR non ha riconosciuto nella rendicontazione le borse lavoro. I soldi andavano recuperati e, sempre in macchina, studiano la “strategia” da mettere in piedi per fare cassa. Mimmo Lucano informa la sua fida collaboratrice: “...non vengono pagate dallo SPRAR, perché abbiamo fatto l'analisi della rendicontazione e già ci hanno detto in questo modo. Allora, se ci succede qualche cosa gli diciamo che per recuperare quello che hanno fatto, abbiamo passato con borsa lavoro presso la Prefettura ...”. Ma Cosimina “consiglia, invece, di predisporre delle false prestazioni occasionali da parte di persone fidate che poi restituiscono i soldi ricevuti con assegno (per garantire la tracciabilità) all’associazione” E intercettata dice: “... perciò ti dico bisogna trovare persone che pure che gli fai il bonifico i soldi li restituisce a Città Futura...”.

Entrambi non volevano essere fregati. Bisognava coinvolgere nel giro persone amiche, fidate. Nelle intercettazioni ambientali, di cui noi de Il Giornale siamo entrati in possesso in maniera esclusiva, si sente un Lucano pensieroso, preoccupato di essere scoperto: “si però che ne so se poi succede che gli chiedono qualche cosa, ma tu hai fatto ... noi dovremmo fare veramente a quelli che hanno fatto il lavoro perché così poi quando gli chiedono, si si, ho fatto tutto questo. Per quello che io pensavo che era preferibile fare qualcuno che...” confida a Cosimina, che suggerisce: “perciò ti dico (si riferisce a Mimmo Lucano ndr.) bisogna trovare persone che pure che gli fai il bonifico i soldi li restituisce a Città Futura.” Ma “Mimì” è dubbioso: “si ma come facciamo noi per fare questa operazione di pagamento, quelli si vogliono tenersi pure i soldi!” Afferma il sindaco dei migranti. Ma per Cosimina la soluzione al problema è una sola: “L'unica era prestazioni occasionali alle persone fidate ... fidate.” Sottolinea a Lucano, che risponde e conferma di averlo già fatto in passato. Dalla parole del sindaco sembrerebbe quasi una strategia consolidata nel tempo. “Siii come abbiamo fatto all'epoca? - dice Lucano - ... no, non voglio queste cose più, per l'amore della Madonna, per amore della Madonna... Tu ti immagini che mio fratello Sandro mi dice di fargli la prestazione occasionale a lui?” No, giammai. Al fratello di Lucano no, il rischio è troppo alto fa notare la Ierinò: “no che ti bombardano. Da pulito poi entri nello sporco.” Fa notare la fidata collaboratrice. Come se farli a nome dei migranti vicini al sindaco fosse diverso. Fosse consentito. Lucano ammette: “ La forza mia è questa! Questa è la mia forza! Allora a loro questo fa paura? Questo gli fa paura. Altrimenti mi massacravano, porca la puttana. Allora perché mi hanno raccolto 20.000 firme?” Bisognava agire sì, ma senza sporcarsi le mani. Alla luce dei fatti che stiamo raccontando basandoci sulle carte dell’inchiesta, le 20 mila persone rimetterebbero la firma per sostenere ancora una volta Lucano? D’altronde, è lo stesso “Mimì” a chiederselo “Ma tu ti immagini che vedevano che io facevo questi trucchi in questa maniera... omissis...”

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 18/07/2019 - 17:48

come le evasioni fiscali! proprio quelle con le quali si giustificava l'aumento delle tasse..... :-) e i babbei comunisti grulli e legaioli ci cascano puntualmente :-)

grandeoceano

Gio, 18/07/2019 - 18:23

E' un modello perfetto per la sinistra di come fare soldi e poi la morale. Un capolavoro!!!

aldoroma

Gio, 18/07/2019 - 18:28

Complimenti

fgerna

Gio, 18/07/2019 - 18:29

come mai non è ancora in galera questo tizio, se ha truffato giusto che ci vada, che dicono i suoi amici piddini, tutto regolare?

Reip

Gio, 18/07/2019 - 18:35

OK si e’ bello che capito che si tratta di un delinquente... A quando il processo???

dedalokal

Gio, 18/07/2019 - 18:36

..Anvedi..il pappone comunista….osannato da Zingaretto & C......

zadina

Gio, 18/07/2019 - 18:36

Era la sinistra paladina della trasparenza, della onestà, della legalità e gli avversati tutti disonesti da condannare, sono onesti se nessuno della finanza fa controlli, ma se controllano le amministrazioni delle coop che hanno fatto accoglienza di clandestini saltano fuori tutti gli altarini di speculazioni al danno dello stato e dei clandestini stessi, e lo dimostravano come esempio da copiare in tutto il modo ottimi sinistroidi.

delenda_carthago

Gio, 18/07/2019 - 18:37

è il famoso sistema "Magna Grecia" dei bronzi di Riace

Ritratto di tox-23

tox-23

Gio, 18/07/2019 - 18:45

Qualsiasi cosa abbia fatto probabilmente era per "un bene superiore".

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 18/07/2019 - 18:51

Cosa risponde Lucano alla collaboratrice che gli suggerirebbe di fare qualcosa d'illegale, di fronte ad un sistema cambiato in corsa, che dall'oggi al domani toglie i rimborsi di spese già fatte sulla base del sistema precedente? Di agire comunque onestamente, sempre e comunque! "Noi dovremmo fare veramente a quelli che hanno fatto il lavoro". "Tu ti immagini che mio fratello Sandro mi dice di fargli la prestazione occasionale a lui? No, giammai". "La forza mia è questa! Questa è la mia forza!". "Ma tu ti immagini che vedevano che io facevo questi trucchi in questa maniera".

ilritornodigesù2000

Gio, 18/07/2019 - 18:55

Ho l'impressione che qui comandavano e gestivano le donne e lui era nella confusione più totale.Un sistema fondato sull'ignoranza e quando una cosa è fondata sull'ignoranza la fine è brutta. E poi...... questi laboratori dove lavoravano questi migranti producevano utile oppure era tipo un'apparenza e per impiegare il tempo.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 18/07/2019 - 18:56

"Oggi il sistema di accoglienza è FALLITO", falso, E' STATO BOICOTTATO. "I migranti HANNO LASCIATO il piccolo paese", falso, SONO STATI DEPORTATI, persone che lavoravano, bambini che frequentavano le scuole, gli oratori i gruppi sportivi, che avevano i loro amici e la loro rete di relazioni. Come disse il maestro Camilleri, "fate ciò che volete, se la FORZA dei numeri e l'uso della FORZA ve lo consente, ma non lo farete in mio nome".

carlottacharlie

Gio, 18/07/2019 - 18:57

Lo conosciamo da anni ed anni il metodo comunista; che poi si voglia chiamarlo Lucano o vattelapesca è sempre lo stesso metodo nato per imbrogliare chiunque incrocino sulla loro strada. Fa specie che solo pochi se ne siano accorti mentre tutti gli altri si fecero fregare come allocchi.

Marcolux

Gio, 18/07/2019 - 19:01

Ma se questo delinquente invece di essere del PD fosse stato della Lega, non sarebbe già in galera da tempo?

florio

Gio, 18/07/2019 - 19:03

Il compagno Lucano é pulito dentro, un benefattore, loro sono gli onesti, buffoni, ipocriti, ladri sono sinistri!

umbe65it

Gio, 18/07/2019 - 19:08

Faccia da o di bronzo di Riace?

kennedy99

Gio, 18/07/2019 - 19:08

smettiamola una volta per tutte con questa benedetta accoglienza. serve solo a arrichire questi loschi personaggi.

claudioarmc

Gio, 18/07/2019 - 19:08

Premio Nobel anche per lui?

Ernestinho

Gio, 18/07/2019 - 19:09

Certi sindaci si credono i "padreterni"! Sono solo "povera cosa"!

Italianocattolico2

Gio, 18/07/2019 - 19:12

Ma che novità !!! Un altro comunista che ruba e che ingrassa le sue cooperative. E Zingaretti, Martina, Del Rio, Fiano, Cirinnà, Boldrini e soci tutti zitti. Tutti voltati dall'altra parte anche quando si parla di orchi in Emilia e al Forteto. Tutti a disquisire sul sesso degli angeli quando le coop vengono chiuse per estorsione e truffa. Nessuno ne ha mai saputo nulla, ma tutti erano al corrente dei soldi russi alla Lega o delle connivenze dei sottosegretari con criminali. Dei loro kompagni che rubano, truffano e corrompono non ne sanno mai nulla !!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 18/07/2019 - 19:22

accolto come eroe al tempo che fa!!

BoycottPolitica...

Gio, 18/07/2019 - 20:36

Mi pare che ‘sto “modello Riace” non sia poi ‘sta gran novità alla fine, soprattutto nel pubblico e soprattutto in ambito di “accoglienza” dei clandestini. Speriamo che partano presto indagini su tutti i comuni “virtuosi” in accoglienza del pd. Nel caso, fossi in loro, comincerei a selezionare i candidati per le prossime amministrative perché mi sa che più di uno degli attuali amministratori potrebbe trovarsi con le mani diciamo legate (più precisamente, ammanettate) il prossimo giro.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 19/07/2019 - 00:52

Abbagliato, sulla strada di Riace, dalla luce dell'ideologia terzomondista, il "divinizzato" Mimì ha creduto di poter fare tutto quello che voleva! Adesso gli si deve presentare il conto.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 19/07/2019 - 08:13

siete in errore, quello non è il modello riace ma il modello p.d.!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 19/07/2019 - 08:18

era stato presentato al tempo che fa come un eroe nazionale.fara' le scuse in diretta il fazio?? seeeee troppo occupato a salvaguardare il suo contratto a senso unico milionaria

Marzio00

Ven, 19/07/2019 - 09:10

Solo i gonzi possono pensare che si tratti di accoglienza e solidarietà! E sono anche talmente ipocriti e privi di amor proprio che, svelato loro il giochino, continuano nella strenua difesa di questo sistema. Patetici

Tip74Tap

Ven, 19/07/2019 - 09:43

Io non so perché ma sono anni e anni che mi chiedo se sia mai stato fatto un serio controllo sulle Feste dell'Umidità, tra concessioni e affitti dei Comuni, affitti commerciali, offerte dei vari privati etc... Nella mia testa c'è sempre il dubbio che se ne escano con un bel gruzzoletto non dichiarato.

Rixga

Ven, 19/07/2019 - 10:00

Pignorate tutti i beni di Lucano finché non restituisce tutto fino all'ultimo centesimo. I cattivi amministratori devono pagare.

florio

Ven, 19/07/2019 - 10:01

@stamicchia 18:51, ma che stamicchia scrivi, mai una volta che ammettiate che il buffoncello ha sbagliato, piuttosto vi arrampicate sui vetri, si sente lo stridolio delle unghie, e aggiungete smicchiate...!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 19/07/2019 - 10:21

SCHIFOSA ZEKKA LUI E TUTTI QUELLI CHE LO INNEGGIANO !!! in galera a vita maledetto

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 19/07/2019 - 10:22

stamicchia, Bla Bla Bla, portateli tutti a casa tua se vuoi e nn rompere le BALLE .

giolio

Ven, 19/07/2019 - 10:22

se e vero come mai il giornalicchio repubblica non lo sa É .....saVIANICCHIO neanche ?

Epietro

Ven, 19/07/2019 - 11:12

Com'è che non sono ancora in galera questi fenomeni di Mimmo e i suoi aiutanti (complici)? Se fosse stato di altro partito cosa sarebbe invece successo. Queste vicende fanno dubitare che la legge sia eguale per tutti.