Moglie infedele risarcisce l'ex marito: "I figli sono dell'amante"

La donna è stata condannata a corrispondere all'ex 208mila euro perché i loro figli erano nati da una relazione extraconiugale

Lo ha tradito per anni, facendogli credere che i due figli nati dal loro matrimonio fossero i suoi e invece erano dell'amante: la moglie infedele è stata condannata dal Tribunale a risarcirlo con oltre 200mila euro.

La vicenda in Puglia, a Bari, dove la donna ha rivelato all'ex la verità soltanto dopo la separazione, dicendogli chiaro e tondo che non era lui il padre dei due figli maschi. Glielo rivelò durante una lite, perché l'uomo, dopo il divorzio, chiedeva di trascorrere più tempo con i figli. La donna in aula ha ammesso di non aver sollevato questioni in merito alla paternità dei due bambini per superficialità e per quieto vivere.

Duecento ottomila euro di indennizzo: lo ha statuito il Tribunale Civile di Bari, che ha accolto la richiesta di un imprenditore. Dopo un primo processo per il disconoscimento di paternità, l'uomo ha chiesto e ottenuto il riconoscimento del danno biologico.

Commenti

Alfa2020

Dom, 04/08/2019 - 16:02

come mai questo giudice a fatto qualcosa di buono

cgf

Dom, 04/08/2019 - 16:16

ed ora la moglie vada dall'amante a chiedere gli alimenti

bruco52

Dom, 04/08/2019 - 16:47

vittime sono anche i figli, privati di un padre e dati ad un altro padre che non conoscono, andrebbero risarciti anche loro e tolti alla madre...

Demetrio.Reale

Dom, 04/08/2019 - 17:36

cosa impensabili fino a 30 anni fa, specialmente al sud. Altra meraviglia della società secolarizzata. Chiediamoci semmai come sarebbe andata a finire se il giudice fosse stata una donna, i cui effetti si vedono già sulle adozioni, dove i figli vanno a sempre alla madre..