Dopo la svolta su Fortuna la Lega torna alla carica: serve la castrazione

Il partito di Salvini torna a chiedere pene più severe per gli "orchi". "Se è colpevole merita di marcire in carcere"

"L'orco arrestato deve marcire in carcere. La giustizia non deve permettere nessun tipo di sconto per quest'uomo che ha abusato e ucciso la piccola Fortuna". Sono queste le parole con cui Barbara Saltamartini, vicepresidente dei deputati del gruppo leghista, commenta l'orrore avvenuto a Napoli.

La parlamentare leghista torna a riproporre una punizione su cui in passato ha spesso battuto la Lega, chiarendo che se "davvero ha commesso quanto raccontano i fatti, questo animale merita di marcire in carcere ed essere castrato. Non esiste altra pena per chi si macchia di simili efferatezze contro i bambini".

Raimondo Caputo, compagno di una vicina di casa di Fortuna Loffredo, la bambina gettata dall'ottavo piano di un palazzo di Napoli nel giugno 2014, è stato arrestato oggi. L'accusa è che abusasse da tempo di lei e che sia stata lanciata dal alcone perché si era rifiutata di subire un'ennesima violenza.