Morto Totò Riina, il capo dei capi di Cosa Nostra

Totò Riina, il capo dei capi di Cosa Nostra, è morto oggi dopo più di 20 anni di carcere duro e una serie di interventi al cuore

Era soprannominato Totò “o curtu”, “la belva”, “il capo dei capi” ma per gli uomini di legge Totò Riina resterà sempre il mafioso più pericoloso di Cosa Nostra e la sua morte segna la fine di un’epoca.

L'infanzia di Totò Riina

Salvatore Riina nasce a Corleone il 16 novembre 1930 e, a soli 13 anni la sua vita viene sconvolta dalla morte padre Giovanni e del fratello minore Francesco, mentre stavano cercando di estrarre la polvere da sparo da una bomba inesplosa per rivenderla insieme al metallo. È in questi anni che Totò conosce il boss Luciano Liggio, che lo affiliò nella cosca mafiosa locale, di cui faceva parte anche suo zio Giacomo. A 19 anni Riina viene condannato a 12 anni di carcere per l’uccisione di un suo coetaneo, Domenico Di Matteo, ma viene scarcerato nel 1956 e due anni dopo diventa uno dei sicari più spietati di Liggio nella guerra contro Michele Navarra. Riina, nel 1963, viene arrestato una seconda volta per cinque omicidi “consumati dal settembre 1958 al luglio 1962, in concorso con Bernardo Provenzano, Calogero Bagarella e altri ignoti”. Nel 1969, però, dopo aver minacciato di morte i giudici, viene assolto per insufficienza di prove per gli omicidi che gli erano stati attribuiti e riceve solo una condanna a un anno e sei mesi di reclusione (già scontati a titolo di custodia cautelare) per furto della patente esibita al momento dell’arresto. Tornato a Corleone, viene nuovamente arrestato e mandato al confino per quattro anni in San Giovanni in Persiceto (Bologna) ma, da quel momento, inizia una latitanza che durerà per ben 24 anni.

L'ascesa dentro Cosa Nostra

Riina, in questi anni, punta a scalare i vertici di Cosa Nostra e diventa l’esecutore materiale di molti sequestri di persona e vari omicidi. Il 10 dicembre del ’69 uccide il boss Michele Cavataio nella cosiddetta “strage di Viale Lazio”, mentre nel ’71 è la volta del procuratore Pietro Scaglione. Nel 1974 Riina, dopo l'arresto di Liggio, assume il ruolo di reggente della cosca di Corleone e quattro anni più tardi fa espellere dalla “Commissione” Tano Badalamenti, accusato di aver fatto uccidere Francesco Madonia, legato ai Corleonesi. Il suo potere cresce grazie all’influenza che riesce ad esercitare su Michele Greco, nuovo capo della “Commissione” e ai legami con i politici democristiani di Palermo, Salvo Lima e Vito Ciancimino. A contrastare politicamente quest’ultimo erano Piersanti Mattarella, presidente diccì della Regione, e Pio La Torre, segretario regionale del Pci, che vengono uccisi rispettivamente il 6 gennaio 1980 e il 30 aprile 1982. Sempre Riina è il mandante dell’uccisione dell’allora prefetto di Palermo, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, di sua moglie e della sua scorta. Sono questi gli anni della “seconda guerra di mafia” che vedono l’assassinio di Stefano Bontate e di oltre 200 mafiosi della fazione Bontate-Inzerillo-Badalamenti. Il massacro finisce nel 1982 quando Riina si insedia a capo della nuova "Commissione", composta soltanto dai suoi fedelissimi. “Mai c’era stato tutto quel sangue, mai c’era stata quella ferocia. La regola prima era un’altra: uccidere solo quando era necessario, quando era utile”, dirà Tommaso Buscetta.

La stagione delle stragi

Il 29 luglio 1983 Riina ordina l’uccisione del giudice Rocco Chinnici, uno degli ideatori del “pool antimafia” ma, nel 1984, l’estradizione di Tommaso Buscetta e la sua decisione di collaborare dà una svolta nella lotta alla mafia. “Non sono un infame, non sono un pentito, non ho tradito Cosa Nostra. È Cosa Nostra che ha tradito se stessa”, dirà Buscetta davanti a Giovanni Falcone. Il 30 gennaio 1992 la Cassazione sancisce l'attendibilità delle dichiarazioni rese da Buscetta e conferma gli ergastoli del Maxiprocesso. Da quel momento fioccano le condanne all’ergastolo per gli innumerevoli omicidi commessi o commissionati. Questo segna l’inizio della stagione delle stragi di mafia che portano all’uccisione del politico Salvo Lima e dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

La cattura di Riina

II 15 gennaio del 1993 Riina viene finalmente catturato dal Capitano Ultimo dei Ros e dal colonnello Mario Mori davanti alla sua villa dove aveva trascorso alcuni anni della sua latitanza, insieme alla moglie Antonietta Bagarella e ai suoi figli. Alcuni anni dopo la sua cattura dirà:“Io latitante? Per più di vent’anni nessuno mi ha cercato, io prendevo l’autobus, il treno, l’aereo, ho lavorato, ho viaggiato...”. A far discutere, però, è soprattutto la sua deposizione al processo di Palermo del 4 marzo 93, trasmessa dalla Rai, dove Riina dichiarò di essere soltanto un piccolo agricoltore ma questo non lo sottrae dal carcere duro del 41-bis. Il 24 maggio ’94, mentre si trova in Aula per uno dei suoi tanti processi, rilascia a un giornalista delle dichiarazioni minacciose contro il procuratore Giancarlo Caselli e si lamenta per le condizioni imposte dal carcere duro.

Gli ultimi anni di vita

Dal dicembre 1995, Riina è stato rinchiuso nel supercarcere dell'Asinara, in Sardegna, poi trasferito al carcere di Marino del Tronto, ad Ascoli Piceno, dove, per circa tre anni, è stato sottoposto al carcere duro che, poi, gli viene prolungato. Nel 2003 subisce un intervento chirurgico per problemi cardiaci e nel maggio dello stesso anno viene ricoverato nell'ospedale di Ascoli Piceno per un infarto. Tre anni dopo si trova nel carcere milanese di Opera quando viene nuovamente ricoverato per problemi cardiaci. Nel 2017 gli avvocati di Riina chiedono i domiciliari al Tribunale di sorveglianza di Bologna ma il 19 luglio questa istanza viene negata dal momento che Riina "non potrebbe ricevere cure e assistenza migliori in altro reparto ospedaliero, ossia nel luogo in cui ha chiesto di fruire della detenzione domiciliare”. Il 17 ottobre arriva la notizia della sospensione del processo che lo vede imputato a Milano per le minacce al direttore del carcere di Opera in quanto Riina avrebbe subìto un nuovo intervento al cuore.

Commenti

Ernestinho

Ven, 17/11/2017 - 07:40

Adesso, se esiste un Essere Supremo, non potrà nascondere più nulla e dovrà rendere conto dei suoi tremendi peccati. TUTTO finisce. l'importante è andarsene con la coscienza pulita!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 17/11/2017 - 07:42

È arrivata la tua ora,nessuna pieta'.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Ven, 17/11/2017 - 07:56

Gli è andata bene. Un paese serio lo avrebbe buttato nell'umido.

entropy

Ven, 17/11/2017 - 08:01

Titolo di testa perchè ?

macommmestiamo

Ven, 17/11/2017 - 08:03

era ora... adesso avra' un ovile di demoni

greg

Ven, 17/11/2017 - 08:05

In questi caso non dico neppure che rispetto una vita che si è spenta, perché penso che anche il demonio si sentirà imbarazzato, a farlo entrare all' inferno.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 17/11/2017 - 08:09

oggi è un giorno migliore !

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Ven, 17/11/2017 - 08:23

Adesso incontrerà il vero capo. E non sarà piacevole.

Ritratto di duliano

duliano

Ven, 17/11/2017 - 08:27

Ce ne faremo una ragione

Ernestinho

Ven, 17/11/2017 - 08:30

TUTTO finisce!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 17/11/2017 - 08:33

17 Novembre 2017 Venerdì. Due numeri diciassette nel giorno di venerdì, e nel mese dei morti, Novembre. La Smorfia arricchirà i napoletani. Così come la Corte d'Appello di Milano ha messo sul lastrico l'impudica divorziata. Pace alle loro anime. -8,33 - 17.11.2017

giovanni951

Ven, 17/11/2017 - 08:53

embé? tutti dobbiamo morire.

jaguar

Ven, 17/11/2017 - 08:54

Un personaggio del genere non doveva nemmeno nascere.

Ritratto di tangarone

tangarone

Ven, 17/11/2017 - 09:03

Carcere non troppo duro, direi, se è arrivato a 87 anni.

scarface

Ven, 17/11/2017 - 09:05

Una maledetta, inutile, forma di vita che, troppo tardi, ha finito di rubare ossigeno su questo misero pianeta. Oggi è una bellissima giornata. Che sia maledetto per sempre...

VittorioMar

Ven, 17/11/2017 - 09:09

..E CHE ORA TROVI PACE !!..IN TUTTI QUESTI ANNI NON HA MAI PARLATO,NON HA MAI ACCUSATO NESSUNO,CON LUI SI PACIFICA E SI CHIUDE(SPERIAMO) IL PERIODO ORRENDO DELLE STRAGI!!..SI PORTA CON SE MOLTI SEGRETI DELL'ITALIA ,E MOLTI TIRERANNO UN FORTE SOSPIRO DI SOLLIEVO!!...NON E' MAI STATO UN PENTITO !!

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 17/11/2017 - 09:11

Un animale in meno da mantenere

MelalavoDomenica

Ven, 17/11/2017 - 09:13

Era oea . 1 in meno da mantenere

nopolcorrect

Ven, 17/11/2017 - 09:14

Credo che per assassini seriali e conclamati come l'oggetto in questione la pena di morte sarebbe la soluzione migliore.

ex d.c.

Ven, 17/11/2017 - 09:23

Ha sbagliato ed ha pagato. La giustizia Divina non funziona come quella terrena. Ci mancherebbe, con il giustizialismo senza freni attualmente di moda saremmo tutti all'inferno

Ritratto di panteranera

panteranera

Ven, 17/11/2017 - 09:32

Mi associo a @ entropy 08,01 non comprendendo il motivo di un titolo di testa, un trafiletto era già troppo... E pur se non credente spero esista un inferno dove questo essere possa bruciare in eterno a fuoco lento...

vinvince

Ven, 17/11/2017 - 09:36

... e quindi ?

titina

Ven, 17/11/2017 - 09:43

Deo gratias. P.S. avrei voluto ringraziarlo mooooooooooolto prima, ma pazienza.

Reip

Ven, 17/11/2017 - 09:44

Mah... La morte di un fetente del genere non meriterebbe neanche di essere ricordata! Tuttavia alla fine lui il nome dei mandanti, dei politici e degli uomini di governo, che lo hanno ingaggiato, non lo ha mai detto. Questa persona dopo aver commesso delitti atroci, è rimasto per anni nascosto, ma libero di poter sposarsi, andare al battesimo, essere presente in numerose piazze, e continuare a vivere nel suo paese... Insomma quando si parla di Toto’ Riina si parla di trattative Stato Mafia! Lo Stato italiano è la Mafia!

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 17/11/2017 - 09:46

Date meno pubblicità a questo delinqiente.

Rainulfo

Ven, 17/11/2017 - 09:47

manco fosse morto uno statista!! capo dei capi, super boss, ma vi siete ammattiti? è stato uno dei peggiori è schifosi criminali d'Italia, una vergogna per il nostro Paese. Date la notizia della sua morte ed oscuratelo!!!!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 17/11/2017 - 09:52

E' già durato fin troppo sulle spalle dello Stato!

arkangel72

Ven, 17/11/2017 - 09:54

con la pena di morte inflitta a suo tempo avremmo risparmiato tanti soldi della sanità pubblica!!!! Invece non solo lo abbiamo curato con i soldi dei contribuenti, ma ha continuato a comandare dal carcere "duro"!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 17/11/2017 - 09:54

E poi dicono che il venerdì 17 porta male. Nell'anno 2017 per giunta.

antipifferaio

Ven, 17/11/2017 - 09:59

Starà già laggiù in buona compagnia...(con Attila, Stalin, Hitler, Ceausescu, Pol Pot...ecc.ecc.)...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 17/11/2017 - 10:05

SATANA,ha dovuto aspettare tanto, ma adesso....

zadina

Ven, 17/11/2017 - 10:08

Finalmente la vera giustizia è arrivata, ma troppo tardi per che un letame del genere non è utile nemmeno per la vegetazione, mi ha fatto meraviglia che i suoi legali che anno provato a chiedere la libertà per una morte dignitosa, quale morte dignitosa ah concesso a tutti quelli che ha personalmente ucciso, e a tutti quelli che ha ordinato di uccidere, grazie a Dio ah ricevuto quello che ha procurato molte altre persone.

pardinant

Ven, 17/11/2017 - 10:12

Per il suo curriculum avrebbe meritato una fine prematura, magari con prelievo di organi, per compensare il male fatto. Adesso che è morto, solo pietà per lui e i suoi familiari con l'augurio che vogliano dissociarsi da tali natali.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 17/11/2017 - 10:14

Nessuna pietà umana per un criminale bestiale come questo essere immondo che ha sterminato centinaia di persone, dai migliori servitori onesti di uno Stato corrotto e compromesso, ai più innocenti dei figli e nipoti dei suoi "colleghi" criminali, passando per altra feccia come lui.E' stato il peggiore di tutti al punto da non poter essere più controllato e pertanto venduto dagli stessi suoi compari.Quello che ha fatto questo animale non ha

antipifferaio

Ven, 17/11/2017 - 10:15

E poi non dite che VENERDI' 17 porta sfortuna...Anzi!!!......

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 17/11/2017 - 10:15

Nessuna umana pietà per questo bestiale assassino.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 17/11/2017 - 10:18

bel titolone. ma scusate, questo tizio è stato un premio nobel? o forse era uno che si è prodigato a salvare la vita a tanta gente? o magari era una persona in odore di santità? chiedo questo perché se mai fosse stato un assassino, un mafioso o altro, allora non capisco perché portarlo agli onori della cronaca con cotanta enfasi.

dagoleo

Ven, 17/11/2017 - 10:31

Non meritava alcun commento e tantomeno le prime pagine dei giornali. E' morto, seppellitelo e basta. Il resto spetta a Colui cui alla fine tutti dovremo rendere conto, senza sconti.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 17/11/2017 - 10:36

Che bello: non dovrò più contribuire, attraverso le mie tasse, al mantenimento, in un albergo a tre stelle, di uno scarafaggio.

dietricheckart

Ven, 17/11/2017 - 10:36

A leggere che Mattarella contrastava politicamente Ciancimino sembra che questo era contro la mafia,quando in realtà la storia dice che lo zio Bernardo era il mandante della strage di Portella della Ginestra...per non parlare dei legami con le cosche di Castellammare che si erano trasferite in America.Se Totò Riina si fosse fatto pentito forse avremo visto crollare un bel po di democrazie...

maximilian66

Ven, 17/11/2017 - 10:38

Brucia all'inferno INFAME !!!!

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 17/11/2017 - 10:54

Lui e andato ma la mafia no. E in più proliferano le mafiette di quartiere, quelle nigeriane già insediatesi, quelle cinesi da tempo presenti e discrete, quelle sudamericane, albanesi, russe, slave e non ultime e non meno pericolose, le ROM, come ci ricordano i fatti di Ostia ! Non dimentichiamo la mafia islamica che è pure peggio. Non sbaglio, anzi, l'islamismo è peggio della mafia perchè si presenta come religione ma propugna principi sociali della famiglia e dello Stato che sono incostituzionali e che dovrebbero essere causa di non professabilità di questa fede entro i confini patri di tutte le civili nazioni occidentali. L'altra negatività è che tutto il mondo riporta la notizia rinverdendo l'immagine di Sicilia=Mafia. Se qualcuno può essere fiero di ciò .................

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 17/11/2017 - 10:57

@Dietricheckart,Portella della Ginestra avviene in un periodo storico in cui provenzano e riina erano manovalanza del vecchio boss di corleone, il dottor Navarra,esecutori quindi e non mandanti.La vecchia mafia, quella dei Navarra e poi a Palermo dei Bontade etc...aveva rapporti stretti e consolidati con una parte della DC, non tutta la DC, ma una parte, quella corrotta per l'appunto.Piersanti Mattarella, fratello dell'attuale PdR, era dall'altra parte della barricata e pagò con la vita la sua scelta.Quando i Riina presero il potere, ribaltarono i ruoli con i politici, non più soci alla pari, ma cani al guinzaglio dei corleonesi, cosa che poi pagarono.

baio57

Ven, 17/11/2017 - 10:57

EKKISSENEFREGA !

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 17/11/2017 - 11:00

non per essere maligni, ma è morto sul serio? Oppure ce lo fanno credere? Ormai oggi possiamo aspettarci di tutto, anche se lo vedremo nella bara prima dei funerali.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 17/11/2017 - 11:01

buttatelo in un fosso a marcire!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 17/11/2017 - 11:02

venerdi (17) dell'anno 20(17) Miiiii!!!! E lo chiamano, il giorno sfortunato!!!!

giovanni951

Ven, 17/11/2017 - 11:09

doveva morire qualche decennio fa, anzi non doveva neppure nascere. Ma ció detto, cambia nulla, la mafia esisterá sempre.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 17/11/2017 - 11:13

Gli istituti di Anatomia sono a corto di materiale didattico...

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 17/11/2017 - 11:18

COSA VOLETE, non sento di nutrire il violento odio di tanti per questo personaggio, che ascrivo alla identica natura di altri 'nati male', come il mostro di Rostov, il cannibale di Denver, il norvegese Breivik, eccetera. Anche se con differenti potenzialità criminali. Piuttosto, sento esserci stato un vuoto di attenzione della società, che crede di avere soltanto il dovere di occuparsi dei tombini intasati, oppure della riscossione delle bollette, eccetera, voltando le spalle alla natura dei singoli individui, nei loro percorsi esistenziali, inclusi gli anziani anziani soli al mondo. Argomento che si può facilmente sviluppare. Le responsabilità per l'orrore disseminato, in tutti i versanti, ricadono sull'organizzazione tutta dell'Uomo. Non si è perfetti. Vanno individuate le imperfezioni, anche quelle della Magistratura che usa la toga nera per affrancarsi da colpe gravissime come e più di quelle dei mostri sopra indicati. --11,18 - 17.11.2017

pony

Ven, 17/11/2017 - 11:18

hippp......hippp.....hipp.....URRRRRRRRRRAAAAAAAA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di ilmax

ilmax

Ven, 17/11/2017 - 11:19

è il decorso della vita e nonostante quello che ha fatto, la salute lo ha accompagnato fin troppo in la.

Angelo664

Ven, 17/11/2017 - 11:20

Per questa gente non ci vuole pieta' ma solo leggi speciali che permettano di fare cose speciali. Ovvero abbattimento preventivo, rastrellamenti e pugno di ferro. Autorizzazione a sparare ed eliminare fisicamente questi esseri senza processo. "a soli 13 anni la sua vita viene sconvolta dalla morte padre e del fratello, mentre estraevano polvere da sparo da una bomba inesplosa.... ". Faccio notare che a 13 anni anche mi padre e' mancato ma mentre lavorava duramente ed onestamente. Per infarto e non per traffici di esplosivi. Per cui e' un peccato vero che anche il figlio non fosse stato li in quel mentre cosi' intere generazioni non sarebbero state sconvolte dalla sua lurida presenza. E nonostante cio' io a 19 anni non ho iniziato ad ammazzare persone per scalare la societa' ma sono andato a lavorare. Abbiamo rappresentatni della mafia tra le alte cariche dello stato, mai uno Shulzen che forse avrebbe fatto meglio e piu' onestamente il suo lavoro.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Ven, 17/11/2017 - 11:33

POTEVA ALMENO DIRCI QUALCOSA DELLA TRATTATICA STATO MAFIA,giusto per vedere chi lo proteggava.

MAGNUS1969

Ven, 17/11/2017 - 11:45

parole sante quelle di Angelo664. ma vi rendete conto che razza di topi di fogna sono stati questi qui? Riciclare polvere da sparo delle bombe della II guerra mondiale; nemmeno le Nutrie dei canali di scolo dei campi...

roseg

Ven, 17/11/2017 - 11:50

dario maggiulli-- Magistratura che usa la toga nera...TOGHE NERE??? Spero si tratti di un refuso(per usare un eufemismo) Caro mio le toghe in itaglia sono tutte rosse.

Antimafioso

Ven, 17/11/2017 - 11:51

I commenti sono anche giusti, li condivido, pero' l'ipocrisia sta nel fatto che, quando muore qualcuno dei politici corrotti, "toghe sporche" o "divise vendute", che proteggevano questo mostro e i suoi simili, la reazione alle loro morti e' sempre ben diversa, nonostante sia del tutto uguale la loro mancanza di scrupoli e disprezzo per la vita umana. Quando morirono Andreotti e Gava, per esempio, ci si cominciava subito a piagnucolare "Aaaaaaaaaaaahhhhh, sono morti dei grandi statisti, ci mancheranno per l'eternita'!!!", invece di avere la stessa reazione di adesso alla morte di Riina (reazione GIUSTA in questo caso).

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 17/11/2017 - 11:55

R.I.P. eppure se Riina si iscriveva al partito democratico, faceva assumere i figli in Bankitalia dove si fanno i cedolini stipendio e con essi corrompeva un inquirente giudiziario omologo a Di Pietro che lo stava indagando, così poteva svaligiar le banche, e vivere nel lusso più smodato come l'avvocato Giorgio Napolitano.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 17/11/2017 - 11:58

E' morto il re della mafia, però è quello della camorra è ancora vispo e arzillo.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 17/11/2017 - 12:03

---antipifferaio--la crapa pelata del musso non la vuoi inserire nell'elenco assortito???---boh----------l'odio viscerale post mortem è sintomo rivelatore di pavidità---quelli che commentano con più vigoroso disprezzo sono gli stessi che se lo avessero incontrato in vita si sarebbero profusi nel più classico dei "baciamolemani"---se lo stato italiano fosse stato più serio --si sarebbe concesso delle particolari licenze legali verso quest'uomo quando ancora era in salute---ossia quelle di sciogliergli la lingua a botte di tiopental sodico--ma lo stato non è mai masochista a tal punto da evidenziare la propria connivenza col figuro--

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Ven, 17/11/2017 - 12:17

Che la sua animaccia non trovi pace in eterno.

killkoms

Ven, 17/11/2017 - 12:21

come direbbe Tex Willer "..un altro spalatore di carbone per le fornaci di satanasso.."!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 17/11/2017 - 12:41

Dopotutto questo gran capo della Mafia, in decenni durante i quali ha letteralmente dominato, complice un’ipocrita e deleteria concezione pietosa dell’esistenza, qualcosa di buono è riuscito anche a fare: ha mantenuto economicamente per decenni tanta gente. Per certi versi è stato un benefattore. E’ vero che ne ha uccisa di gente, ma prevalentemente altri criminali che tentavano di opporsi a lui. Quella poca gente onesta o innocente, che egli ha fatto uccidere, ha costituito il fisiologico sacrificio necessario attraverso il quale si è pensato prevalentemente di preservare quella suddetta concezione ipocrita e deleteria. Quando un cancro si rivela, non bisogna dare ad esso il tempo di crescere. Bisogna subito estirpare. Senza umana pietà. Invece il cancro Mafia – oltre a tante altre organizzazioni criminali - è cresciuto a dismisura fino a diventare di fatto un potente anti-Stato.

Ciro81

Ven, 17/11/2017 - 12:42

Dopo tutto quello che è costato allo Stato in carcere e in ospedale, tra interventi, degenza, guardie, personale, eccetera, direi che finalmente ce ne siamo liberati. Chi paga tutto questo? Secondo me a certi individui, colpevoli di certi reati, andrebbe negato l'accesso all'ospedale. Marciscano in carcere, e basta.

PAOLINA2

Ven, 17/11/2017 - 13:21

entropy: titolo di testa, perche'? Perche' oggi non hanno news sulla Boldrini e Renzi.

venco

Ven, 17/11/2017 - 13:32

Troppo tardi, era meglio se fosse morto 80 anni fa.

bobo55

Ven, 17/11/2017 - 13:34

@Dario Maggiulli....non stia a fare dei POEMI su questo ASSASSINO.....lo,sappiamo che vuole fare il DOTTO.... ma visto la sua FEROCIA....lo dovrebbero scioglierlo nell'acido ...come quel povero BAMBINO..... senza dire neanche un AMEN per la sua anima. PUNTO... tutto il resto son CHIACCHERE.

manfredog

Ven, 17/11/2017 - 13:42

..mah..è assai probabile che ora, all'inferno, il diavolo lo aspetti con ansia, si..per farsi dare una mano..!! mg.

LupoSol

Ven, 17/11/2017 - 13:48

Nessuna pietà per questo essere schifoso. E ora che venga seppellito accanto ad un lampione dove sono soliti fermarsi molti cani a passeggio.

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Ven, 17/11/2017 - 13:52

E' una goccia nel mare,ma finalmente la collettivita' non dovra' piu' mantenere questo parassita con vitto,alloggio e cure mediche.

scorpione2

Ven, 17/11/2017 - 14:10

si parla di un grande capitale accumulato da costui, perche' non e' stato seguestrato?

antipifferaio

Ven, 17/11/2017 - 14:16

Mi sembra che i TG e tutti i media stiano esagerando...lo stanno trattando come una capo di stato....Oppure lo era?????..............

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 17/11/2017 - 14:26

Dicono che "la belva", intestatario di 26 ergastoli, non ha mai mostrato il minimo segno di pentimento. Pochi giorni orsono il Sedicente vestito di bianco ha dichiarato che tutti, alla fine, andranno sotto la tenda di Dio. Secondo me Bergoglio ha saltato qualche riga, qualcuno glielo dica e si corregga.

antipifferaio

Ven, 17/11/2017 - 14:26

Elkid...quello che definisci "la crapa pelata del musso" (questo si che è odio post mortem...) facendo un bilancio costi/benefici ha prodotto meno danni che tutta la successione di Pifferi Dittatorelli da 4 soldi che si sono succeduti al governo negli ultimi 4 anni. Poi, per non parlare del più che ridicolo quanto dannoso, inetto e clownesco penultimo. Quanto al prostrarsi alle autorità, di qualunque risma e specie, lasciatelo dire... è solo mero costume italico che gli italiani tutti, orgogliosamente o meno, si tramandano di generazione in generazione. E sono certo che tra queste ci sia anche la tua...

Ritratto di panteranera

panteranera

Ven, 17/11/2017 - 14:53

@ antipifferaio Come hai osato citare tre idoli comunisti tra i meritevoli di eterno castigo? ;) ...e fortuna che hai omesso Mao... lol

Pippo3

Ven, 17/11/2017 - 16:36

“la crapa pelata del musso” elkid come al solito sei indietro di qualche giro, il musso è in Paradiso, questo lo disse Padre Pio alla moglie, perché si era pentito delle sue colpe.

Ermanno1

Ven, 17/11/2017 - 17:35

PENSARE COLPEVOLE SOLO RIINA È DA STUPIDI!!! RIINA SI PORTA NELLA TOMBA TANTI SEGRETI: FRA QUESTI NOMI DI UOMINI DI STATO, POLITICI, E SERVIZI SEGRETI, DI CUI È STATO AL SERVIZIO E CHE ANCORA POTREBBERO ESSERE AL POTERE... CHISSÀ QUANTI COLLETTI BIANCHI COMPLICI SONO AL POTERE!! LA VERITÀ È QUELLA CHE SI VUOL FARE CREDERE COME DICEVA PIRANDELLO....

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 17/11/2017 - 18:48

bobo55 - Io sono dotto, non è che voglia farlo. Sono un erudita. Piuttosto ho avuto un cane che ho chiamato Bobo dall'83 al 96. - Comunque, continua a leggermi con assiduità che forse riuscirai a toglierti la palla che ti trascini alla caviglia. 18,47 - 17.11.2017

un_infiltrato

Ven, 17/11/2017 - 19:32

Dario Maggiulli - è vero, sinceramente scrivi troppo, di tutto e di più. Ma dimmi un po'.... sei un "erudita" - un "erudito" oppure un ermafr(omissis)?

pony

Ven, 17/11/2017 - 19:45

u curtu è morto hip.....hip....hip...urrrraaaaa !

peterjac

Ven, 17/11/2017 - 20:14

avrebbe potuto chiarire omicidi, attentati, stragi, per conoscenza di tutti. ma i nomi dei colletti bianchi, dei gessati blu o di quelle facce di c..o che siedono nelle alte stanze del potere e che tirano le fila, quei nomi che erano importantissimi non li ha fatti neanche in punto di morte. quei nomi fatti da lui avrebbero significato la fine un sistema di potere e la libertà per tutti noi. dovremo ancora aspettare e sperare che quei serpenti si avvelenino da soli.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Ven, 17/11/2017 - 20:17

250 milioni ogni 6 mesi per 20 anni a Riina da Berlusconi erano per generosità? Mangano lo ospitava per generosità? Milano 2 con quanti assegni è stato pagato. Facile. A me risulta con valigiate di soldi .Di chi erano? non è morto il capo della mafia .Quello c'è ancora anche se vecchiotto e messo male di salute

sukram

Ven, 17/11/2017 - 20:20

Io sono per la pena di morte... si risparmia in tutti i sensi.

Ritratto di gangelini

gangelini

Ven, 17/11/2017 - 20:28

No funerale in chiesa ... il minimo. La figlia chiede il silenzio ... ma gli hanno mai spiegato chi era suo padre ?

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 17/11/2017 - 22:17

Che servizio stasera al TG2, manco fosse morto Padre Pio !

federik

Ven, 17/11/2017 - 22:19

...un dolore incredibile per tutti quelli che si alzano al mattino e vanno a lavorare

aredo

Ven, 17/11/2017 - 22:56

MA QUANTI FESSI ! Riina .. uno dei tanti piccoli criminali ... specchietto per le allodole. E' grave che la gente sia così rincretinita da convincersi davvero che un contadino analfabeta anche se sanguinario assassino possa essere mai stato a capo di tutta la mafia! AH,AH,AH ! La vera mafia è la sinistra! La sinistra=mafia ha creato il mito di Riina per nascondere i suoi baroni a capo della piovra=mafia=sinistra! Il resto sono tutte balle per il popolo scemo! Ed ora la sinistra=mafia tenterà per l'ennesima volta di raccontare al popolo bue che il grande capo mafia sarebbe l'odiato nemico Berlusconi, che osa di nuovo ribellarsi e tentare di ottenere democraticamente il voto del popolo. Ma tanto il popolo bue continuerà a credere alle favole della sinistra=mafia che controlla ogni cosa da oltre 30 anni dalla tv alla stampa a scuola ed università alla magistratura... La sinistra=mafia fatta da '68ini drogati criminali lanciatori di molotov filo-islamici.

aredo

Ven, 17/11/2017 - 22:58

@Ermanno1: esatto! Ma il popolo è scemo! Il popolo sono oramai quasi 40 anni che è sotto il martellamento continuo di vaccate propinate dal regime della sinistra=mafia che ha fatto il lavaggio del cervello diffondendo droghe e follia, con cui ha anche reso normale e moda il fare i gay, il trattare i cani come bambini e tutte le altre follie.

Antonio Chichierchia

Ven, 17/11/2017 - 23:02

Finalmente siamo su tutti i giornali del mondo:una menzione al "Padrino" come capo indiscusso della mafia della quale abbiamo la D.O.C. gliela hanno tributata tutti, Italia ed esttero !.Anche Putin ci attribuì la paternità della Mafia.Altro che mondiali di calcio ......

Reip

Sab, 18/11/2017 - 01:10

Beh.. Il funerale in chiesa sarebbe stato il colmo anche in Italia... Va bene il matrimonio dei Casa Monica in pieno centro a Roma, con il benestare del sindaco, della prefettura, centinaia di partecipanti, e con l’elicottero che in uno spazio aereo proibito al volo quello del centro della capitale appunto, gettava fiori sui novelli sposi... Ma Toto Riina, o’curto, il capo dei capi, condannato a 26 ergastoli per lui il funerale in chiesa no, assolutamente no, neanche in un paese come il nostro! I mafiosi incluso quelli che stanno al governo e in parlamento potranno piangerlo in privato magari...

un_infiltrato

Sab, 18/11/2017 - 17:15

Capo dei capi dei TOPI DI FOGNA