Multe, arriva lo Scout Speed. Ecco come funziona

Si chiama Scout Speed ed è un vero e proprio terminator per gli automobilisti. È mobile, non si vede e non viene segnalato. Con questo apparecchio che rileva la velocità gli automobilisti sono fregati

Multe a raffica per il controesodo, quello che riporterà nelle città milioni di persone dai luoghi della vacanze. Ma per gli automobilisti, oltre il rischio code, c'è un altro pericolo: si chiama Scout Speed.

A rischio il portafoglio e la patente

Lo Scout Speed sarà il vero nemico degli automobilisti. Il rientro a casa dai luoghi di villeggiatura potrebbe costare caro. Ma cerchiamo di capire come funziona questo strumento di rilevazione della velocità: l'apparecchio viene montato sulle vetture della Polstrada, come un normale autovelox, è in grado di rilevare la velocità di tutti i veicoli che la circondano, a 360 gradi. Non solo quelli che sfrecciano davanti a lui ma anche quelli che procedono accanto, dietro, e persino quelli nella viaggiano direzione opposta.

Un dettaglio che lo rende letale. Inoltre, come se non bastasse, si distingue dagli autovelox tradizionali e dei sistemi di monitoraggio della velocità Tutor perché non deve necessariamente essere segnalata agli utenti della strada, che sono quindi del tutto ignari della sua presenza. Dimenticate pure il TomTom e il navigatore, tanto lo Scout Speed non può essere rilevato nemmeno da loro, poiché mobile e mai posizionato in un luogo fisso.

Questo terminator per fare le multe è costruito dalla Sintel Italia di Pomezia e ha un costo molto elevato: 46.000 euro a esemplare e sono una sessantina quelli dispiegati in questi giorni sulla rete autostradale. Ma per ripagare il loro costo sarà sufficiente appena qualche giorno di contravvenzioni.

Commenti

Angelo664

Gio, 25/08/2016 - 12:00

Ci risiamo ! La velocità non è che uno dei fattori che determinano il pericolo della guida. Misurare solo quella e stangare per questo solo fattore è una cavolata. Il vero problema è il comportamento in strada. Ormai in auto si fa di tutto tranne che guardare la strada. Le distanze di sicurezza in relazione alla velocità. Se la strada è deserta, tipo di notte e faccio la Gravellona Toce fino ad Ovada a 200 km/h non arreco danno a nessuno . Al limite se mi scoppia una gomma me la vedo io con le conseguenze. Se vado a 50 all'ora a 1 metro da quello davanti passando di fronte ad una scuola all'orario di uscita creo molto ma molto più pericolo agli altri che a 200 nel caso di prima. In Germania in autostrada si misurano le distanze di sicurezza e le multe arrivano anche per questo fattore.

nem0

Gio, 25/08/2016 - 12:03

ulteriore dimostrazione che non gliene frega un (niente) della sicurezza basta fare cassa. Veri epigoni dei bravi di don rodrigo

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Gio, 25/08/2016 - 12:05

Bene, però multino pure chi cammina sulla corsia centrale in autostrada invece che alla destra come prescrive il codice, quasi fosse vergogna stare a destra. Altro che vergogna stare a destra, se questo paese fosse stato più a destra avremmo molti meno problemi sociali economici e politici.

Ritratto di T1000

T1000

Gio, 25/08/2016 - 12:15

Solito squallidume italico per far cassa. All'estero le multe italiche sono cartastraccia, perchè sanno tutti che al 90% dei casi è una mera estorsione.

01Claude45

Gio, 25/08/2016 - 12:23

E poi dicono che lo utilizzano per EDUCARE GLI AUTOMOBILISTI, NON PER FAR CASSA. Dov'è l' AUA? Circa 40 mln di automobilisti non è in grado di formare un partito per fermare i ladri politici che sull'auto fanno cassa?

gran79

Gio, 25/08/2016 - 12:49

è un furto come lo sono il 90%delle tasse di questo mxxxa di stato..dall'iva in poi..

Zizzigo

Gio, 25/08/2016 - 13:00

Com'è possibile che non debba essere segnalato, se è, in tutto e per tutto, equivalente all'autovelox? Spiegatecelo. Comunque, la solita caxxxxx.

maxxx666

Gio, 25/08/2016 - 13:20

Montatevi una dashcam in auto così se una pattuglia vi sorpassa per fermarvi andando più forte di voi ma senza lampeggianti e sirene accese come prevede l'art.177/2° c. del cds. sono passibili anche loro delle vostre stesse sanzioni

Mechwarrior

Gio, 25/08/2016 - 13:25

In autostrada le multe le prendi solo se te le cerchi. Il limite è chiaro e andare a 125 km orari non è un'onta. La vergogna è nelle statali o nei paesi dove a volte ci sono limiti assurdi che sembrano messi apposta per fare cassa!!!!

amicomuffo

Gio, 25/08/2016 - 13:26

se qualcuno farà ricorso (e sicuramente ci sarà) e vincerà, state ben certi che farà giurisprudenza e si ricomincerà da capo.

Angelo664

Gio, 25/08/2016 - 14:17

Esatto MechWarrior. Questo è un secondo problema non da poco. Chi vigila sui limiti assurdi troppo bassi ? Perché ogni paesino deve poter mettere il limite che vuole sulle statali e provinciali ? O assurde strettissime rotonde ? Le strade nazionali dovrebbero essere sotto responsabilità' statale e se c'è un limite sarà quello per tutta la rete.

alberto cambiano

Gio, 25/08/2016 - 15:19

Non vedo il problema. Se io non supero i limiti di velocità (e mi sembra che 130 km/h sia un limite decente) non ho nulla da temere. Il fatto che vengano prodotte automobili sempre più potenti e veloci non ha come logica conseguenza che si debba o possa andare a 180 km/h, perchè altrimenti sarebbe un'escalation (180, poi 200, poi 220, 240 ecc). Altro non problema: la segnalazione degli strumenti con apposita segnaletica: io davanti ad una banca non vedo scritto da nessuna parte che se entro per rubare vado in prigione... Sono assolutamente d'accordo sul fatto che vadano multati gli automobilisti che stazionano nella corsia centrale.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 25/08/2016 - 16:06

Bene ora che per "predare" gli automobilisti ne hanno inventate di tutte serve un "mezzo" che rilevi le "imperfezioni" del manto stradala, la cattiva manutenzione delle stesse, la carente segnaletica verticale e orizzontale e ogni altro accorgimento idoneo a rendere sicure e percorribili le strade, individuando costestualmente i responsabili a vario livello a cui inviare notifiche per la mancata "manutenzione".

linoalo1

Gio, 25/08/2016 - 16:25

Come si dice???Fatta la Legge,trovato l'Inganno!!

isolafelice

Gio, 25/08/2016 - 16:26

@alberto cambiano: purtroppo qui non si parla di sola autostrada ma anche di piccole tangenziali su cui magari si trova il limite di 40km/h perchè lo stesso Comune che installa l'autovelox non provvede alla riasfaltatura o a riempire le buche. Così oltre a rovinare i cerchi e pneumatici ti becchi anche la multa. Per quanto riguarda i "centristi" dell'autostrada andate in Germania e vedrete che TUTTI mantengono la destra e non perchè siano krukki bravi soldatini ma solo perchè in D gli allievi delle autoscuole sono obbligati alla guida anche in autostrada, anche di notte. @angelo664: sempre in germania sono in funzione, specialmente nei pressi dei grossi centri urbani, sistemi di cartelli che modificano il limite di velocità in automatico proporzionalmente al traffico rilevato.

sparviero51

Gio, 25/08/2016 - 17:05

E CI RISIAMO,AAAAALTRE TASSE !!!

Ritratto di bergat

bergat

Gio, 25/08/2016 - 18:20

Che vergogna !!! Si parla tanto di prevenzione e questo strumento serve solo a derubare gli automobilisti. A quando uno strumento che educhi senza rubare?

papik40

Ven, 26/08/2016 - 05:48

MA CHE BELLA SCOPERTA! In Germania la polizia lo usava gia' almeno 20 anni fa (ne ho fatto le spese personalmente)! L'obbligo per fare una multa era di seguire o precedere la vettura da multare per almeno 1 km. L'autovelox calcolava la velocita' media ed in base a cio' veniva elevata la multa rilasciando il filmino con l'indicazione del km da dove e' partita la registrazione fino alla fine!!!! Due particolari in piu' sicuramente non secondari: Nel verbale era indicato la data in cui l'apparecchio era stato tarato/revisionato per eventuali contestazioni e son pronto a scommetere che non costava Euro 46mila!!!!!!!!

Cogito postea dico

Ven, 26/08/2016 - 08:27

Una volta si annullavano le contravvenzioni per velocità eccessiva dimostrando che era stata elevata in modo "subdolo", essendo gli addetti nascosti, per cui si faceva prevalere il principio che non si doveva "reprimere" ma si doveva privilegiare il "prevenire", mettendosi, le pattuglie o chi per esse, ben in mostra e visibili da lontano, quindi, per esempio, non dietro a una curva, o altro.

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 26/08/2016 - 09:10

non ci sarebbe niente da dire se le strade del paese fossero regolate da limiti di velocità sensati e pensati sia per la sicurezza sia per la celere circolazione del traffico, come in svizzera o in svezia o in francia per esempio, invece noi spendiamo milioni per fare le strade a doppia corsia e poi ci mettiamo un bel 70 all'ora per fregare chi supera il limite assurdo (praticamente tutti quelli che passano su quella strada). Nelle vallate svizzere alpine, ci sono strade a doppia corsia con curve dove il limite è 100km/h o 110km/h, loro si che spendono i soldi per accorciare i tempi di collegamento, non per rubare dalle tasche dei cittadini con tasse occulte...... poi gli italiani dovrebbero avere piu' senso civico quando il governo è il primo truffatore e il primo ladro del paese......

chicasah

Ven, 26/08/2016 - 12:47

se si facessero le auto che vanno solo fino a 130 nessuno andrebbe oltre,quindi risolto il problema.