Multe fino a 7.000 euro a chi acquista merce contraffatta a Sanremo

Oggi è partita la campagna informativa, con un serie di manifesti e locandine in te lingue (italiano, francese e inglese) distribuiti in varie parti della città. "No Fakes - Di tarocco compro solo le arance", recita lo slogan dell’iniziativa

Il Comune di Sanremo dichiara guerra al commercio abusivo, che ha subito un’impennata nel mese di agosto, in concomitanza con l’afflusso di turisti, soprattutto dalla vicina Francia. E lo fa colpendo chi acquista “patacche”, con multe fino a settemila euro e il rischio di una denuncia per ricettazione, qualora l’acquirente faccia man bassa di false griffe, magari con l’intento di rivenderle altrove.

Oggi è partita la campagna informativa, con un serie di manifesti e locandine in te lingue (italiano, francese e inglese) distribuiti in varie parti della città. "No Fakes - Di tarocco compro solo le arance", recita lo slogan dell’iniziativa. "Il mercato dell'abusivismo commerciale prospera in presenza della domanda - ha affermato oggi il comandante della polizia municipale di Sanremo, Claudio Frattarola, alla presentazione della campagna di sensibilizzazione, in Comune -. Riteniamo che un’azione informativa in tre lingue possa già avere un effetto deterrente su una parte di potenziali acquirenti di merce contraffatta".

I controlli, dunque, verranno intensificati attraverso una attività di intelligence, le cui telecamere sono soltanto un aspetto. L'acquirente, infatti, verrà filmato e segnalato all'agente in borghese, chiamato a intervenire durante l'acquisto di merce contraffatta che sarà ripreso in diretta, in modo da avere una prova della compravendita.

"E' una campagna informativa e repressiva in favore del commercio legale e sano - ha poi aggiunto l'assessore alle Attività produttive, Barbara Biale - che a Sanremo costituisce un comparto economico essenziale". Per il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri: “Il problema dell’abusivismo commerciale vede impegnati molti agenti, di giorno e di sera, in un’attività che li vede numericamente inferiori. Per questo riteniamo che diversificando l’approccio e andando a colpire direttamente gli acquirenti, si possano ottenere buoni risultati”.

La polizia municipale sta anche proseguendo con un'attività contro le locazioni abusive ovvero contro chi mette in affitto il proprio appartamento, senza le prescritte autorizzazioni. Una ventina i verbali già emessi.

Commenti

criceto

Sab, 11/08/2018 - 04:48

il solito sistema del cavolo, l'acquirente che deve fare il poliziotto per scoprire se il rivenditore è in regola e la merce sia stata contraffatta, ed io come la riconosco ?

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Sab, 11/08/2018 - 06:19

Cosa accade se un villeggiante acquista da un vucumprà merce non contraffatta, diciamo paletta e secchiello o un aquilone per il pupo? Non ho contezza di formine griffate... Un oggetto senza marca rientra nella casistica della contraffazione? Sekhmet.