Musile di Piave, 38enne uccisa a coltellate dall'ex marito

La vittima si chiamava Maria Mennella e aveva 38 anni. A ucciderla a coltellate l'ex marito 43enne Antonio Ascione. La coppia aveva due figli di 9 e 15 anni

Ennesimo caso di femminicidio. È successo a Musile di Piave (Venezia), dove stamattina un uomo ha telefonato ai carabinieri per confessare di avere ucciso a coltellate l'ex moglie. "Venite, l'ho ammazzata io". La vittima si chiamava Maria Mennella e aveva 38 anni. Era divorziata da tempo dall'uomo che l'ha uccisa, l'ex marito Antonio Ascione, di 43 anni. La coppia aveva due figli di 9 e 15 anni, che non si trovavano in casa perché in vacanza.

L'omicidio si è consumato nell'appartamento di Musile di Piave dove la donna viveva da qualche tempo insieme ai due bambini. La vittima, originaria di Torre Del Greco, lavorava in un centro commerciale di Noventa. Maria Mennella, soprannominata dalle amiche "Mariarca", aveva chiesto il divorzio dal marito dopo ripetuti maltrattamenti.

L'anno scorso aveva pubblicato sui social una sua foto con la scritta "No alla violenza sulle donne", mentre di recente aveva condiviso alcune frasi dove attaccava "la stupidità di certi uomini. Mi fanno paura quelli che sono attenti alle cose che indossi e non alle cose che dici e quelli che non capiscono che amare un donna, significa amare la sua libertà".

Il femminicidio di Venezia si va ad aggiungere a quello confessato ieri da Dimitri Fricano, il 30enne biellese che ha ammesso l'omicidio della fidanzata Erika Preti. "L'ho uccisa perchè mi aveva rimproverato per le briciole sul tavolo", l'incredibile giustificazione dell'assassino. L'omicidio era avvenuto il mese scorso a San Teodoro, dove si trovavano in vacanza.