Napoli, falò Immacolata diventano occasione per minacciare pentiti di camorra

A Castellammare i tradizionali falò della vigilia della festa dell’Immacolata diventano l’occasione perfetta per lanciare un messaggio di esplicita minaccia ai collaboratori di giustizia

Scandalo e forti polemiche a Castellammare di Stabia Napoli, a causa di quanto si è verificato in occasione delle celebrazioni per la vigilia della festa dell’Immacolata concezione.

Tradizione vuole che, nella notte tra 7 ed 8 di dicembre, vengano appiccati dei falò attorno ai quali si riuniscono festosi i residenti.

Tuttavia, in questa occasione, la camorra ha approfittato della circostanza per lanciare un messaggio chiaro e diretto ai collaboratori di giustizia. Si fa riferimento ad una catasta di legna creata nel rione periferico di Aranciata Faito, sulla sommità della quale è stato collocato un manichino impiccato, recante una più che esplicita intimidazione. “Così devono morire i pentiti, abbruciati”, recita il testo, scritto a chiare lettere su un telo bianco di grandi dimensioni.

Le immagini, che stanno scatenando un’autentica bufera a Napoli, hanno fatto rapidamente il giro del web e di tutti i principali social media. Alla mezzanotte, come consuetudine, la pira è stata incendiata e con essa anche il manichino con le scritte ingiuriose. Tutt’attorno una folla festante, che ha acclamato con grida ed applausi all’accensione del falò.

Tutto ciò si viene a verificare a soli tre giorni di distanza dal blitz anticamorra effettuato dalle forze dell’ordine, che ha portato a colpire i vertici di alcune associazioni mafiose presenti sul territorio, tra Castellammare ed i monti Lattari. Tra i colpiti anche alcuni personaggi di spicco nel mondo dell’imprenditoria locale, da sempre sospettati di appartenere a qualche cosca, come ad esempio Adolfo Greco. Proseguono le indagini della polizia alla ricerca dei responsabili.

Commenti
Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Sab, 08/12/2018 - 19:53

Abbrucciati anche i camorristi!

Minimalista

Sab, 08/12/2018 - 20:02

Manco in Sud America. Come le immagini schifose della retata di mafiosi compiuta dalle Forze dell'Ordine, con gli applausi PER i mafiosi da parte della folla. Le avete viste ? E' per questo che dico che l'Italia esite ma é composta da realtà completamente diverse. Lo schifo mi viene guardando questa gente, il popolo, che applaude, urla, incita i "baronetti". Il meridione é veramente rimasto in un'altra epoca.

frapito

Sab, 08/12/2018 - 20:37

Ma loro hanno de Magistris che li protegge e che fa di tutto per procurare manovalanza fresca a basso costo, addirittura vuole andare a prenderli con i gommoni. Siate buoooooniiii!!!

rigadritto

Sab, 08/12/2018 - 23:14

i terroni non cambieranno mai