Napoli, inaugurata una targa con i discorsi di Mussolini

Svelata a Pianura una targa con il discorso pronunciata dal Duce in occasione della fondazione dell'Impero. È collocata vicino a un busto per i caduti di guerra

Fa discutere, a Napoli, l'inagurazione di una targa inneggiante a Mussolini nel quartiere di Pianura alla periferia occidentale del capoluogo partenopeo.

A piazza San Giorgio, riferisce tra gli altri Rete News 24, è stata inaugurato ieri un busto in onore ai caduti di guerra, a sostituzione di quello rubato a luglio. Insiema al bronzo, però, è stata svelata una targa storica con le parole del discorso del Duce pronunciato in occasione della fondazione dell'Impero, nel maggio del 1936.

L'inagurazione è avvenuta alla presenza del vicepresidente del Consiglio comunale Marco Nonno, di diversi consiglieri della IX municipalità e di alcuni esponenti delle forze dell'ordine. Presente anche una delegazione di CasaPound Italia, mentre non è ancora chiaro se il sindaco Luigi De Magistris fosse a conoscenza dell'accaduto.

Queste le parole riportate sulla targa: "Il popolo italiano ha creato col suo sangue l’impero. Lo feconderà col suo lavoro e lo difenderà contro chiunque con le sue armi. In questa certezza suprema, levate in alto, o legionari, le insegne, il ferro e i cuori, a salutare, dopo quindici secoli, la riapparizione dell’impero sui colli fatali di Roma. Ne sarete voi degni? Questo grido è come un giuramento sacro, che vi impegna dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini, per la vita e per la morte."

Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Sab, 28/11/2015 - 17:20

Cosa volete discutere, fa parte integrante della nostra Storia e come tale va accettata l'esistenza di una targa che ci rammenta il passato, nel bene e nel male.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 29/11/2015 - 00:42

Solo la enorme incommensurabile ignoranza dei trinariciuti può cancellare il nostro passato. George Orwell fu profeta quando descrisse la violenza dittatoriale del comunismo nel romanzo "1984".

Anonimo (non verificato)

imperator

Lun, 30/11/2015 - 18:22

In verità la lapide che ricorda la proclamazione dell'impero è del 1936 stava già lì ed ora il Comune ha deciso di toglierla... cose da pazzi con tutti i problemi di Napoli pensano ad eliminare un segno del passato. Si vede che al Comune non sanno che le lapidi sono tutelate da Codice dei Beni Culturali

imperator

Lun, 30/11/2015 - 18:25

In verità la lapide che ricorda la proclamazione dell'impero è del 1936 stava già lì ed ora il Comune ha deciso di toglierla... cose da pazzi con tutti i problemi di Napoli pensano ad eliminare un segno del passato. Si vede che al Comune non sanno che le lapidi sono tutelate da Codice dei Beni Culturali.