Napoli, minacce e intimidazioni per l’inaugurazione della sede della Lega

È stato fatto girare sui social network un volantino dal carattere minatorio nei confronti dei leghisti. Nel documento, firmato “zona antifascista”, si convocano gli oppositori della Lega in strada a Boscotrecase, comune del vesuviano

È sempre difficile il rapporto tra i cittadini napoletani e la Lega. Nonostante il partito del vice premier Matteo Salvini oramai abbia i suoi seguaci affezionati anche nel sud Italia, non mancano le polemiche per l’organizzazione sul territorio del gruppo politico che è al governo del Paese. A Boscotrecase, in provincia di Napoli, l’ultima presa di posizione di alcuni residenti contro l’inaugurazione di oggi della sezione cittadina della Lega.

“Ancora minacce, intimidazioni ed insulti contro la Lega. A Boscotrecase – afferma in una nota il segretario provinciale del partito di Salvini, Biagio Sequino – è stato fatto girare sui social network e in città un volantino dal carattere minatorio nei confronti dei leghisti”. L’esponente politico allega anche il volantino firmato “zona antifascista”, in cui si convocano gli oppositori della Lega in strada a Boscotrecase, comune del vesuviano, per protestare contro l’inaugurazione della sede della Lega.

“Siamo davvero preoccupati – continua Sequino – ma non intimoriti dal volantino redatto da una fantomatica “zona antifascista”, in cui si incita all’odio e alla violenza in occasione dell’inaugurazione di questo pomeriggio di una nostra sede a Boscotrecase. Noi a queste intimidazioni rispondiamo con il sorriso e con la voglia di fare. Andiamo avanti, più forti che mai, ed invito tutte le persone oneste e perbene ad intervenire all’inaugurazione della sede cittadina. Ringrazio le forze dell’ordine che con il loro encomiabile lavoro ci consentiranno lo svolgimento della manifestazione”.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 28/12/2018 - 09:58

Cosa aspetta la Chiesa a rigettare il comunista Bergoglio, che è il mancante morale della dei malviventi?

aleppiu

Ven, 28/12/2018 - 10:36

questo e' il clima di terrore che ha voluto salvini. e poi forse i napoletani non sono poi cosi stupidi o senza memoria e si ricordano bene i cori a favore del Vesuvio...di salvini quanto girava con la felpa padania libera

blues188

Ven, 28/12/2018 - 10:40

Io mi vergogno di essere conterraneo dei napoletani di cui non ho nessuna stima

DRAGONI

Ven, 28/12/2018 - 10:55

E' LA CAMORRA !!

aleppiu

Ven, 28/12/2018 - 10:59

blues188 il suo capitano non le ha detto che ora i napoletani si osannano perché portano voti???Lei e' fermo alla lega di bossi/salvini prima dell'arrivo al governo giallo-verde.....

vince50

Ven, 28/12/2018 - 11:03

Non facciamo di tutta l'erba un fascio(magari fosse!!) e non parliamo a vanvera dei Napoletani.Vorrei vedere o meglio sentire da chi fa intimidazioni,cosa significa essere pseudo Fascisti oppure cosi nobilmente antifascisti.Senza suggeritori rimarrebbero muti.

Nick2

Ven, 28/12/2018 - 11:42

Cari i miei napoletani, voi sapete qual è il vero programma della Lega che, fortunatamente, al 90% non andrà in porto? In primo luogo uscire dall’UE e dall’euro (e questo lo sappiamo tutti). Ma non tutti sanno che, con il “fardello” del sud, sarebbe una follia, uno stupido harakiri, perché la nostra povera Italia, lasciata da sola, non sarebbe in grado di reggere la concorrenza dei grandi paesi industrializzati dell'occidente e dei paesi emergenti e sarebbe destinata a sicuro default. Quindi qui entrerebbe in gioco il vero piano B, che si chiama SECESSIONE. La Lega ha in mente di governare un’Italia del nord con annesse Toscana e Marche, ricca, competitiva e all’avanguardia e di lasciare tutto il sud al suo destino, che si chiama AFRICA. Ricordatevi, un meridionale che vota Lega è come un ebreo che tiene sul comodino la fotografia di Hitler…

Ritratto di Turzo

Turzo

Ven, 28/12/2018 - 13:04

Ma quando mai i vesuviani sono stati in tutti i sensi fior di virtù men che meno in democrazia! Sono democratici solo se la pensi come loro, vedi De Magistris.... Oggi l'Etna, domani Sromboli....