Napoli: rapinavano i postini per rubare e clonare carte di credito

Questa mattina a Napoli è stata fermata una pericolosa organizzazione criminale specializzata in truffe informatiche, che era dedita a rapinare i postini per sottrarre loro le carte di credito destinate ai clienti, per poi clonarle

Nella mattinata odierna, a Napoli, la Polizia di Stato ha fermato una pericolosa organizzazione criminale dedita alle truffe informatiche, operante su tutto il territorio nazionale. I criminali si occupavano di rapinare i postini, a cui rubavano le carte di credito, per poi clonarle successivamente. Grazie a tali frodi, la banda di malviventi riusciva a guadagnare oltre centomila euro al mese.

La Polizia di Stato, questa mattina, è riuscita a sgominare la banda criminale, procedendo all'arresto di 5 persone, tutte residenti tra Frattamaggiore e Giugliano in Campania, nella provincia di Napoli. Le accuse nei loro confronti sono di associazione a delinquere finalizzata al furto aggravato, di frode informatica e indebito utilizzo di carte di pagamento elettronico.

L'organizzazione criminale, seppur radicata nella provincia di Napoli e in tutta la Campania, agiva lungo tutta la Penisola; secondo gli investigatori, infatti, i furti delle carte di crediti sarebbero avvenuti in oltre 90 province italiane. Il modus operandi usato dei criminali era sempre lo stesso e si basava sul pedinamento dei postini, che in seguito venivano derubati delle carte di credito che trasportavano, indirizzate ai clienti, con dei veri e propri agguati.

Successivamente, i malviventi si occupavano di clonare le carte di credito rubate e di attivarle, servendosi di sofisficate tecnologie per riuscire così ad entrare nei sistemi bancari e sostituirsi ai legittimi proprietari. Infine, per ottenere i pin delle carte di credito, contattavano i clienti con l'inganno, fingendosi operatori delle banche, e li convincevano a fornire i codici pin.

Commenti

Giorgio5819

Gio, 22/11/2018 - 15:35

Uuuuuuu ! Che strano, a napoli...