Napolitano di nuovo testimone a un processo di mafia

Dopo la trattativa, il Borsellino quater: l’ex capo dello Stato dovrà deporre a Palazzo Giustiniani davanti alla corte d’Assise di Caltanissetta sugli anni delle stragi. Lo ha citato Salvatore Borsellino

Il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano di nuovo sul banco dei testimoni a un processo di mafia. La Corte d’Assise di Caltanissetta, di fronte alla quale è in corso il processo cosiddetto Borsellino quater, ha accolto l’istanza di Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso il 19 luglio del ’92 nella strage di via D’Amelio, e ha detto si all’audizione dell’ex capo dello Stato.

È la seconda volta che, in poco più di un anno, Napolitano si trova a dover testimoniare a un processo sulle stragi del ’92. A ottobre del 2014, quando era ancora al Quirinale, è stato costretto a testimoniare al processo sulla trattativa Stato-mafia, nonostante avesse comunicato di non avere nulla di rilevante da raccontare. E quella deposizione era stata preceduta da uno scontro istituzionale senza precedenti con i pm di Palermo titolari dell’accusa, visto che proprio lui, presidente della Repubblica, era stato intercettato indirettamente in quattro telefonate con l’ex ministro dell’Interno ed ex presidente del Senato Nicola Mancino, che al processo sulla trattativa è imputato di falsa testimonianza. Lo scontro sulle intercettazioni, finito davanti alla Consulta, è stato vinto da Napolitano, visto che la Corte costituzionale ha imposto la distruzione di quelle intercettazioni. Ma poi i pm avevano insistito per interrogarlo.

Allora la deposizione è avvenuta al Quirinale. E anche questa volta non sarà Napolitano ad andare in un’aula di giustizia. Sarà infatti la corte d’Assise di Caltanissetta a spostarsi per interrogarlo a Roma sugli anni delle stragi mafiose tra Palermo, Roma, Milano e Firenze, tra il 1992 e il 1993. La deposizione, a Palazzo Giustiniani, è stata fissata per il prossimo 14 dicembre.

Commenti

vince50

Lun, 16/11/2015 - 20:19

Testimone?

ziobeppe1951

Lun, 16/11/2015 - 21:14

Questo personaggio è l'Andreotti della sinistra

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 17/11/2015 - 12:17

E come imputato in un processo per alto tradimento no eh?

montenotte

Mar, 17/11/2015 - 15:08

Ma ora che non è più Presidente perchè deve ancora avere il privilegio di fare spostare a Roma tutta la corte per essere interrogato? Non può andare a Palermo direttamente?