Neonato nasce sull'aereo: volerà gratis per sempre

Il regalo della compagnia Jet Airways

Ha dato alla luce un neonato a 11mila metri d'altezza. È successo a una donna indiana a bordo di un aereo della compagnia Jet Airways partito dalla città saudita di Dammam e diretto a Kochi, in Kerala. La donna ha accusato le doglie del parto mentre l'aereo sorvolava il Mar Arabico. L'equipaggio ha chiesto se a bordo ci fosse un medico e fortunatamente si è presentata una esperta infermiera che ha facilitato lo svolgimento normale del parto. A dare la notiza è l'agenzia di stampa Pti, aggiungendo che la compagnia aerea ha deciso di assegnare al neonato un passe-partout che gli permetterà di viaggiare gratis per tutta la vita negli aerei della compagnia. In un comunicato la compagnia ha reso noto che "essendo il primo bambino nato a bordo di un volo di Jet Airways, abbiamo il piacere di offrirgli un lasciapassare che gli permetterà libero accesso per tutta la sua vita ai nostri voli".

Commenti

Trinky

Lun, 19/06/2017 - 10:27

Fosse stata Alitaglia avrebbero mandato il conto da pagare alla madre del bambino.......

marygio

Lun, 19/06/2017 - 11:01

trinky ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

Sonia51

Lun, 19/06/2017 - 11:08

In India evidentemente non vale la regola di non volare dopo il settimo mese di gravidanza. Già, ma loro sono civili!

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 19/06/2017 - 11:15

Apprezzabile il gesto, sempre condizionato alla speranza che la compagnia non abbia a fallire, cosa molto frequente tra le compagnie aeree.

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Lun, 19/06/2017 - 12:31

MA CON LO IUS SOLI SU UN VOLO ALITALIA SAREBBE DIVENTATO AUTOMATICAMENTE CITTADINO ITALIANO ???

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 19/06/2017 - 12:49

probabilmente l compagnia sta per fallire e da qui a tre mesi non esisterà più e siccome il bimbo è piccolo e non può viaggiare da solo ecco che il premio non lo potrà più sfruttare......ma a proposito non c'è una regola che un adonna in gravidanza non può più volare dal settimo mese? Le regole se le fanno le compagnie aeree a modo loro ?

manfredog

Lun, 19/06/2017 - 12:54

..Volare oh oh..partorire..oh oh..nel blu dipinto di blu..felice di esser nato quassù..!! mg.

GrifoXV

Lun, 19/06/2017 - 13:03

@ Sonia51. Visto il post a gamba testa sembra che tu sia dell'ambiente, nel qual caso credo che tu sappia che - specifico che le regole possono variare (di poco) da Compagnia a Compagnia - fino al settimo mese non servono certificati medici, fino all'ottavo e mezzo il certificato è necessario, e dopo l'imbarco non è permesso. Tra l'altro, è scritto da qualche parte che il parto è avvenuto al compimento del nono mese?

Divoll

Lun, 19/06/2017 - 13:17

Stando allo ius soli, visto che e' nato su un aereo, sara' un volatile...

Marioga

Lun, 19/06/2017 - 13:55

Sonia51, ma che dici... la regola di non volare dopo il 7mo mese è per salvaguardare la vita di madre e neonato. E se non ci fosse stata l'infermiera ed il parto avesse avuto complicazioni?

Ritratto di Blent

Blent

Lun, 19/06/2017 - 14:04

se nasceva in italia altro che voli gratis , vitto, alloggio, telefono luce, gas, ecc ecc

umberto nordio

Mar, 20/06/2017 - 08:02

Anche lui ha avuto il suo "Jus soli".