Niente Adeste Fideles a scuola: "È troppo cristiana"

Il brano della tradizione natalizia “Adeste fideles”? "Troppo cristiano, non si può suonare". La pensa così, almeno, il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Casazza, la professoressa Maria Antonia Savio, che, nell’imminenza del consueto appuntamento annuale della festa della scuola, ha fatto pervenire i suoi rilievi al Corpo parrocchiale musicale che sarà protagonista dell’appuntamento, riservato ai ragazzi e alle loro famiglie

Il brano della tradizione natalizia “Adeste fideles”? "Troppo cristiano, non si può suonare". La pensa così, almeno, il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Casazza, la professoressa Maria Antonia Savio, che, nell’imminenza del consueto appuntamento annuale della festa della scuola, ha fatto pervenire i suoi rilievi al Corpo parrocchiale musicale che sarà protagonista dell’appuntamento, riservato ai ragazzi e alle loro famiglie.

Una presa di posizione, quella della preside, che naturalmente non ha mancato di suscitare polemiche nel paese bergamasco. "Cosa significa “troppo cristiano”?", sbotta qualche anziano nella piazza all’ombra del campanile della chiesa. "Dovremo forse chiedere il permesso a qualcuno per intonare i nostri canti di Natale? E un concerto di Natale se non è cristiano cosa è?".

Secondo la dirigente Savio, bisogna attinmgere a un repertorio meno legato alla sensibilità cristiana, visto che l’istituto è frequentato anche da figli di immigrati. Una spiegazione che tuttavia appare poco convincente. Così come la preside appare più realista del re, visto che nessuno tra le famiglie degliu alunni aveva sollevato il problema.

"Ci è stato fatto presente - dice Silvia Micheli, 28enne componente del consiglio direttivo della banda al Giorno - che, siccome Casazza è un paese multiculturale, occorre non urtare la sensibilità di nessuno. La richiesta ci ha un po’ sorpresi perché noi siamo una banda parrocchiale. In ogni caso, essendo ospiti, abbiamo deciso, senza polemica, di optare per “Jingle bell rock”, meno connotato". Infine il consigliere regionale della Lega Nord, Silvana Santisi Saita, ha subito rilanciato la notizia sulla propria pagina Facebook rilevando che "La scuola, che dovrebbe formare e integrare, dopo il Presepe adesso censura anche la musica". Ma alle accuse risponde la preside dell'istituto che smentisce i fatti affermando che nel ruolo di dirigente scolastica non ha mai bloccato il brano. "È tutto falso. Nessuno - spiega la Savio - ha vietato niente a nessuno. 240 bambini avrebbero dovuto imparare a cantare in latino una canzone difficile come Adeste fideles. Che non aveva poi nulla a che vedere con lo spettacolo, che non doveva diventare un concerto di Natale, ma essere la conclusione di un lavoro scuola/ banda. La intera vicenda è stata costruita ad arte per danneggiare un dirigente serio e impegnato, per invidia e per distruggere un clima positivo che si è creato. Smentisco tutto quanto".



Raccontateci altri episodi simili nelle scuole italiane a segnala@ilgiornale-web.it

Commenti

leo_polemico

Lun, 23/11/2015 - 12:24

Due osservazioni: 1)- Se a qualcuno non sono gradite le tradizioni cristiane del Natale, i nostri usi e costumi può liberamente, e sottolineo liberamente, andarsene anche in un paese islamico dove c'è di sicuro molta più libertà per manifestare i propri "sentimenti" e convinzioni. 2)- Visto che il Natale e le feste cristiane per qualche dirigente scolastico sono "indigesti" dovrebbe tenere aperta la scuola di cui è responsabile durante il periodo di chiusura natalizio e, ovviamente, anche tutti i sabati e domeniche.

maurizio50

Lun, 23/11/2015 - 12:27

Ecco che torna alla ribalta la stupidità della scuola italiana gestita dalla CGIL; la dirigente scolastica, o Preside, di Casazza , si preoccupa certamente non già di quanto è desiderato dai cittadini di un alacre borgo bergamasco, ma ,mi pare ovvio, dal possibile turbamento per i quattro musulmani che girano in paese! Ovvio la sinistra bada ai musulmani, non agli Italiani!!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 23/11/2015 - 12:27

Ma vogliamo BUTTARE FUORI tutti coloro che pensano di IMPORRE le proprie idee sul NOSTRO CRISTIANESIMO??? A questo punto, se vogliamo farci proprio male, perchè non fare un REFERENDUM così l'ITALIANO decide??? MA LA VOGLIAMO FINIRE??? Ma cosa ci servono MORTI per prendere visione della gravità??????

cgf

Lun, 23/11/2015 - 12:29

Bella Ciao e Bandiera Rossa invece potranno essere ancora insegnate ai bambini...

Pax

Lun, 23/11/2015 - 12:34

Adeste, fideles, laeti triumphantes..... Troppo Cristiana... Al netto del solecistico e FORMALE "troppo", siamo proprio alla SOSTANZIALE follia. Che vergogna....

pc64

Lun, 23/11/2015 - 12:37

Un coro parrochiale canta canzoni troppo cristiane a Natale? E cosa dovrebbe cantare? Bandiera rossa????

Luigi Farinelli

Lun, 23/11/2015 - 12:41

Quella preside e la banda di "progressiste" non sono "più realiste del re", sono solo più malate di ideologia laicista ereditata dallo sfascismo sessantottino. Ma ormai di presidi, maestre, direttrici e compagnia brutta di presunte "paladine della lotta contro le discriminazioni" la scuola è appestata. Con tanto di avallo e appoggio subdolo della sinistra (al potere senza mandato popolare) e quello vigliacco dei media progressisti e "moderati" (che magari pretendono il canone per fare disinformazione o coprire sempre e comunque le notizie scomode non congrue con gli indirizzi laicisti di regime).

momomomo

Lun, 23/11/2015 - 12:45

A proposito di sensibilità urtata di qualcuno: E se tutti gli insegnanti che decidono di NON fare il Presepe, che vogliono togliere il Crocefisso dalle aule, di non lasciar intonare canti "troppo cristiani", per non "offendere" la sensibilità di chi è di un credo diverso, RINUNCEREBBERO ALLE VACANZE NATALIZIE 23.12.2015-07.01.2016, così, per semplice COERENZA con le loro idee e le loro azioni?

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Lun, 23/11/2015 - 12:49

La Dirigente Scolastica, in un paese serio, dovrebbe essere lasciata a casa oppure inviata a sovraintendere un Centro per immigrati. La signorina Micheli componente del corpo direttivo della banda parrocchiale, dovrebbe cortesemente dimettersi per avere supinamente accettato tale ridicola imposizione mentre invece, a mio modesto parere, doveva rifiutare le proposta della Dirigente scolastica. Auspico, infine che i genitori cattolici disertino senza se e senza ma, la festa della scuola, pensate un poco dedicata proprio al Natale, quindi non una festa laica.

agosvac

Lun, 23/11/2015 - 12:50

Questa dirigente scolastica, o preside che sia, andrebbe immediatamente licenziata e, per giunta, senza diritto alla pensione. E' gente come lei che favorisce la mancanza d'integrazione tra islamici e cristiani. Gli islamici , infatti, per loro natura, neanche concepiscono che si possa venire meno ai dettami della propria religione pertanto questa professoressa contribuisce alla disistima che hanno islamici ed integralisti islamici nei confronti di chi si professa cristiano e non si "comporta" da cristiano. Se la "vecchia Europa" è riuscita a resistere per secoli ai vari tentativi d'invasione degli islamici è proprio perché in quei tempi il cristianesimo era ben radicato. Oggi che non lo è più, resistere è sempre più difficile. Tanto più che oggi abbiamo a che fare non solo con l'islamismo ma con l'integralismo islamico.

Garganella

Lun, 23/11/2015 - 12:53

A Silvia Micheli: hai ceduto. Così hanno vinto loro! Personalmente avrei pubblicizzato il fatto, rifiutando di fare presenza musicale presso la scuola.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 23/11/2015 - 13:00

Insegnanti come la Sig.ra Savio,dovrebbero lasciare la scuola per altro incarico.Siamo in un paese con circa 2000 anni di storia e Natale fa parte della nostra storia . I Musulmani celebrano il Ramadan e nessun Cristiano si sente offeso .Qualcuno ad adeguato livello faccia smettere queste idiozie che ,come se non bastassero le attuali difficoltà, creano un antagonismo assolutamente gratuito ed inutile.

Ritratto di fluciano

fluciano

Lun, 23/11/2015 - 13:00

Ma siamo fuori con la testa? FUOPRI SUBITO DALLA SCUOLA questi dirigenti o checche ne siano. FUORI !!!!!!!!!!!!!!

montenotte

Lun, 23/11/2015 - 13:02

Per premio mandate il Dirigente scolastico ad arruolarsi con ISIS

Ernestinho

Lun, 23/11/2015 - 13:02

Ecco, questi sono i nemici dell'Italia! Questi "buonisti" ipocriti che si permettono di prendere inziative pro-musulmani ed anticristiane!

carpa1

Lun, 23/11/2015 - 13:03

E la lista dei cxxxxxxi si allunga sempre più. Quando qualcuno prenderà provvedimenti seri affinchè le nostre tradizioni vengano fate rispettare?

Ritratto di fluciano

fluciano

Lun, 23/11/2015 - 13:04

Accorrete fedeli Felici ed esultanti Venite, venite a Betlemme Vedete, è nato il re degli angeli Venite adoriamo Il Signore Lasciato il gregge all'umile culla I pastori convocati si affrettano E noi, esultanti al passo, festeggiamo Venite adoriamo Il Signore .... Se a qualcuno non piace, non legga

sergio_mig

Lun, 23/11/2015 - 13:05

Siamo un paese che ci facciamo soggiogare x paura e i mussulmani questo lo sanno e cavalcano la tigre. È ora di finirla, le nostre radici cristiane sono sacre e chi pensa di imporre la sua religione libero di andarsene a cantare in un altro cortile. Questi invasori arroganti fingono solo di condannare gli estremismi e il terrorismo ma tacitamente approvano le violenze anche perché lo impone la loro religione.

Tormanhero68

Lun, 23/11/2015 - 13:05

bisogna espellere coattivamente chiunque abbia dubbi sulla cultura giudaico-cristiana della NOSTRA PATRIA

Ritratto di Sig. A

Sig. A

Lun, 23/11/2015 - 13:05

Questa signora di savio ha soltanto il cognome, evidentemente. Senza la pretesa di scomodare ancora una volta Oriana Fallaci, è evidente che le prese di posizione di certi benpensanti costituiscono sintomo evidente e preoccupante della nostra arrendevolezza di fronte alle altre culture. Rispettare, come è doveroso, le altre religioni non significa vietare canti che sono nella nostra tradizione (piaccia o no, cristiana, presepe, albero di natale, mostre di pittura con soggetti sacri. Mi sorprende anche, e non poco, l'acquiescenza espressa dalla banda parrocchiale. Insomma, in nome del cd. multiculturalismo, ci stiamo avviando verso il monopolio islamista...

Ritratto di sitten

sitten

Lun, 23/11/2015 - 13:07

Ha me urta vedere nelle città donne incappucciate, e allora? Se ha certe maestre non piacciono le nostre tradizione, che se ne vanno fuori dalle balle, con i loro stracci rossi.

andrea120374

Lun, 23/11/2015 - 13:07

Sempre peggio!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 23/11/2015 - 13:09

@momomomo: ECCELLENTE proposta. Vediamo cosa rispondono????

carmine pagano

Lun, 23/11/2015 - 13:09

Mi piacerebbe conoscere il parere del parroco del paese e di quello del Ministro della Pubblica Istruzione. Quello della Dirigente non interessa più di tanto... E' GIA' TANTO ESPLICITAMENTE RIDICOLO IL SUO MODO DI AGIRE..!

Fjr

Lun, 23/11/2015 - 13:10

Ma quanta sensibilità' e delicatezza ,allora lavorate anche nei giorni di festività' visto che sono giornate dedicate alle feste cristiane, massa di scansafatiche

Ernestinho

Lun, 23/11/2015 - 13:11

Manderei questo dirigente scolastico in un paese musulmano per fargli vedere se lì usano la stessa "delicatezza" con i cristiani e per i loro simboli di pace!

hectorre

Lun, 23/11/2015 - 13:13

quando anche i pirl@ sinistrati capiranno che stiamo perdendo non solo le nostre tradizioni e radici ma anche la libertà,sarà comunque troppo tardi!!!!...un pd al 30% è un'insulto all'intelligenza,sempre che faccia parte del corredo sinistro.

Ritratto di libere

libere

Lun, 23/11/2015 - 13:16

Prima o poi questa pseudo-preside che non presiede nulla ed è stipendiata, ahimè, coi nostri soldi, finirà chiaramente per indossare il burqa. Si potrebbe accelerare il processo di conversione lasciandola a casa senza stipendio a riflettere e meditare sui suoi errori, con accompagnamento di stomachevoli nenie mediorientali politicamente corrette.

silvano45

Lun, 23/11/2015 - 13:17

I dirigenti pubblici e'certificato dalle graduatorie europee e mondiali sulla scuola e della PA. non brillano certo per capacità e la colpa non è solo e sempre delle risorse ma dalla scarsissima flessibilità dalla politicizzazione e forse dalla stupidità spero di pochi

florio

Lun, 23/11/2015 - 13:17

Non sono solo finti buonisti, ma trogloditi ideologici Komunisti sinistrati, si può essere più idioti e anti Italiani di questi insegnanti politicizzati. Una vergogna, verrà il giorno del giudizio, maledetti distruttori di un popolo e delle sue tradizioni. Che il cielo vi fulmini!

hectorre

Lun, 23/11/2015 - 13:19

dobbiamo bandire anche "bella ciao" dalle manifestazioni sinistre...non mi rappresenta!!!!!...e il solo sentirla lede la mia sensibilità!!!!

Ritratto di mauri20-15

mauri20-15

Lun, 23/11/2015 - 13:21

Per rispetto del popolo italiano la dirigente dovrebbe essere sospesa dal suo incarico. Basta con questa sottomissione psicologica nei confronti degli "altri". Ma che insegnamento state dando ai nostri figli. BASTA !

Sleeper

Lun, 23/11/2015 - 13:24

Questo è terrorismo. Peggio di qualsiasi bomba! Perché in grado di distruggere una società, la sua storia, la sua cultura meglio di qualsiasi ordigno. Mi fa schifo sempre di più essere italiano. Suona come un'offesa ormai.

altanam48

Lun, 23/11/2015 - 13:27

Dopo la sacralità dell'indipendenza della magistratura, che senz'altro mi starebbe bene se talora non fosse invocata solo a proteggere i più terreni interessi di casta, ora arriva altro intoccabile tabù che è l'autonomia di insegnamento attraverso la quale si proteggono ideologie distorte e patologiche identità culturali, coi risultati che incominciano drammaticamente a deflagrare

ermejodermonno

Lun, 23/11/2015 - 13:34

esulo dai commenti già esposti che condivido, voglio solo dire una cosa QUEI GENITORI PRONTI A SCATENARE LA III GUERRA MONDIALE SE UN INSEGNANTE RIPRENDE I LORO PARGOLI A CAUSA DI UN CELLULARE USATO IN CLASSE, DOVE SONO QUANDO VENGONO PRIVATI NEL LORO PAESE DELLA LORO IDENTITA' DI ITALIANI E DI CRISTIANI DA UN'INSIGNIFICANTE "pseudo dirigente educatrice"" genitori buffoni pensate a cosa state costruendo per i vostri figli.

giosafat

Lun, 23/11/2015 - 13:40

Ritirate i figli dalla scuola: ma davvero li odiate a tal punto da far loro frequentare una scuola così 'stupidamente' gestita? Male ha fatto la banda a cedere al ricatto; avrebbe dato un messaggio forte e chiaro rinunciando all'esibizione con tanto di pubblica spiegazione. Permettere alle capre, purtroppo in Italia sei non sei tale non puoi dirigere, di imperversare ci porterà alla rovina.

elgar

Lun, 23/11/2015 - 13:42

A sto punto aboliamo il Natale. E' troppo cristiano. Ma aboliamo pure il Ramadam. Troppo mussulmano. E aboliamo le feste ebraiche. Aboliamo tutto. Perchè? Ogni appartenente ad un religione si offenderebbe con le altre. Curioso il fatto che i comunisti che hanno sempre diffuso lo slogan "più case e meno chiese" vadano in piazza con il mussulmani che chiedono più moschee.

Tommaso_ve

Lun, 23/11/2015 - 13:43

E' una guerra persa: non so se Maria Antonia Savio o M a r i o V a l e n z a si siano resi conto di ciò che scrivono: per l'islam la musica (ed il canto) non sono né ammessi né tollerati. Quindi “Jingle bell rock” è altrettanto offensivo. Che il dirigente scolastico prenda immediati provvedimenti!!!

ectario

Lun, 23/11/2015 - 13:45

Ma nessuno gli può dire a questa capra comunista che l'art 3 della costituzione prevede che LO STAtO si adopererà sempre e comunque a tutelare ogni religione?. Non è con i divieti che si tutela ma permettendo a tutti di esprimere il proprio credo nei modi che ritengono più opportuni. Capra!. Capra lei e tutti i mentecatti comunisti.

peter46

Lun, 23/11/2015 - 13:45

Appuntamento natalizio riservato ad alunni e loro 'genitori' ,appunto:che i genitori incomincino da ora a 'memorizzarsi' l'inno 'incriminato' e 'cantarlo',a tempo debito,alla faccia della 'cretina' di turno che non ha ancora compreso che 'integrazione' è 'inclusione',non 'divieto',dell'uno o dell'altro.Proprio,'per niente cara cretina',al massimo fai suonare una loro 'marcetta',ma non vietare...o 'rapportati' con loro per una 'loro' usanza' da condividere(ma non il taglio della tua testa,s'intende,qualora ci fosse il terrorista di turno 'dormiente'))

obiettore

Lun, 23/11/2015 - 13:46

Ed con i pidioti che si ostentano quando inizia e finisce il ramadam come la mettiamo ?

UNITALIANOINUSA

Lun, 23/11/2015 - 13:52

meglio ancora:ritirate gli studenti da quella scuola... italiano in usa

Romolo48

Lun, 23/11/2015 - 13:55

Quanta stupidità! Allora aboliamo il Natale già che ci siamo e convinciamo pure gli "ospiti" a rinunciare al Ramadan. Non c'è più niente per nessuno; ben inteso, neppure le vacanze natalizie. Tutti a scuola, sicuramente la dirigente scolastica la vogliamo lì il 25 Dicembre (festa "troppo" cristiana).

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 23/11/2015 - 13:56

Ormai siamo oltre la follia!. Ma questi presidi oltranzisti non possono essere cacciati via immediatamente. Fanno più danni loro dei terroristi dei Parigi!

Maura S.

Lun, 23/11/2015 - 13:58

E dai! Allora, già che ci siamo, perché non cancellare pure il S. Natale, la Pasqua e le altre feste Cristiane! E poi parlano dei fascisti....... questi Comunisti sono peggio di loro, anzi il peggio del peggio.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 23/11/2015 - 14:00

L'anticristo sta avanzando, altro che ISIS. Ecco che arrivano i falsi profeti portatori di odio e distruzione.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 23/11/2015 - 14:02

Un altro significativo passo avanti per l'integrazione: la nostra!

luigi.muzzi

Lun, 23/11/2015 - 14:03

che volete cantare a natale ? il repertorio di iva zanicchi ?

Clericus

Lun, 23/11/2015 - 14:08

L'ignoranza della sig.ra Maria Antonia Savio è veramente incredibile. Probabilmente crede di rabbonire questa gente e indurli alla moderazione ma l'effetto è esattamente il contrario. Quella che lei forse intende come disponibilità viene interpretata come debolezza: "guardate, gli infedeli riconoscono la superiorità della vera fede"; chi fa satira sul Cristianesimo come Dario Fo prende un premio Nobel, chi la fa (anche) sull'Islam come Charlie Hebdo viene sterminato, e poi tacciato di "essersela cercata". Se non ci rispettiamo noi stessi, come possiamo pensare che ci rispettino gli altri? Questi atteggiamenti di sottomissione non fanno altro che eccitare i più intransigenti e spingerli verso sempre maggiori richieste ed anche alla violenza. A Bruxelles già da anni non si tiene più il tradizionale "mercato di Natale" sostituito da un'animazione chiamata "plaisirs d'hiver" spogliata da qualsiasi riferimento cristiano, e abbiamo visto i risultati.

km_fbi

Lun, 23/11/2015 - 14:11

Il problema vero della scuola italiana, partendo da questi episodi e da tante altre circostanze che si rendono evidenti attraverso il riesame critico delle comunicazioni tra insegnanti e dirigenti della scuola stessa ed i relativi utenti (genitori e figli) è l'imprescindibile necessità di rieducare insegnanti e dirigenti a svolgere correttamente la loro missione, che è quella di formare dei cittadini consapevoli della loro identità e delle loro radici in un paese libero e non succube di incomprensibili quanto intollerabili tabù.

Giovanni Alvaro

Lun, 23/11/2015 - 14:11

Pur essendo ATEO vorrei chiedere a questa preside (volutamente in minuscolo): "Ma non pensa che vietando riti cristiani URTA LA SENSIBILITA' DEI CATTOLICI? O forse aspira ad entrare nel pantheon della sinistra?

Ritratto di wilcoyote53

wilcoyote53

Lun, 23/11/2015 - 14:15

1) Questo provvedimento offende la sensibilità dei non mussulmani. 2) Prima di assumere un dirigente scolastico servirebbe un esame psichiatrico. 3) Mi autocensuro su cosa penso di questi individui

46gianni

Lun, 23/11/2015 - 14:21

le solite boldrinate

gio777

Lun, 23/11/2015 - 14:22

genitori: DOVETE COMBATTERE La unica alternativa è portare i figli alle scuole Cattoliche, ma vi scongiuro COMBATTETE COMBATTETE CONTRO QUESTI MALEDETTI COMBATTETE ANCHE CONTRO IDEOLOGIA GENDER

unosolo

Lun, 23/11/2015 - 14:27

è da cacciare non può ella decidere per una nazione intera di cui fa parte , primo sono ospiti o non possono imporci di fermare la nostra fede , come può cambiare le nostre origini e modificare riti sacri del cristianesimo abbiamo sopportato troppo anche di farci offendere , addirittura togliere crocifissi o modificare riti per non offendere gli " ospiti " mi sembra che ella non sia all'altezza per decidere , se non vogliono assecondare riti e religioni devono isolarsi o andare in scuole nei loro paesi d'origine ma non possono farci o imporci cambiamenti. Possono sempre saltare riti e ore di religione cristiana , ma non farci togliere crocifissi o modificare usi.,.,

michetta

Lun, 23/11/2015 - 14:28

QUEL dirigente scolastico,e' la vera rovina dell'Italia e degli Italiani. Egli, e' esattamente come quelli, che al semaforo, fuori dei supermaket o chiese, consegnano oboli, a chi mette loro, le mani davanti! Questi nullafacenti, non se ne andranno mai piu', tanta e' la scempiaggine, di soggetti come questi perbenisti, buonisti ed assistenzialisti inutili. Inutili perche', appunto, favoriscono gli arrivi dei genitori e nonni di quelli che mettono la mano a mo' di elemosina, attratti dalle sirene, troppo disponibili nei confronti..... di chi NON dovrebbe essere quì, per fare accattonaggio, ma in nordafrica o nell'est-europa! ANDIAMO/ANDATE TUTTI A VOTARE !!!!

Un idealista

Lun, 23/11/2015 - 14:30

Caspita! È così che funziona l'integrazione? Io pensavo che per integrazione si intendesse l'adattamento dell'immigrato alle consuetudini e ai modi di vita del paese ospitante. Ora mi accorgo che è vero il contrario, ossia è il paese ospitante che deve adattarsi agli immigranti.

antipifferaio

Lun, 23/11/2015 - 14:30

Siamo alla follia! Quand'ero bambino, ahimè molti anno orsono, facevo le recite in costume e spesso, siccome ero paffutello e biondiccio, mi facevano vestire da angioletto con tanto di ali dietro. Le maestre non si sognovano nemmeno d'impedire canti natalizi religiosi o crocefissi appesi. Anzi, vi era l'obbligo. Altri tempi. Spero davvero che le mamme italiane e cristiane, se tali ancoro sono, ritirino ad tale scuola il figlio con un gesto significativo ad evidenziare lo sfacelo prodotto dalla politica scellerata di questo governo d'intrallazzatori...

Ettore41

Lun, 23/11/2015 - 14:31

Questa e' fuori di testa, ha il cervello spappolato come tutti I sinistri. Tutti I canti natalizi come tali ricordano il Natale, la Nativita', quindi la nascita' di Gesu', che guarda caso, e considerate dai mussulmani un profeta e nominato piu' volte nel Corano :Quando gli angeli dissero: “O Maria, Dio ti annuncia la lieta novella di una Parola da Lui proveniente: il suo nome è Messia, Gesù figlio di Maria, eminente in questo mondo e nell'altro, uno dei più vicini. Dalla culla parlerà alle genti e nella sua età adulta sarà tra gli uomoni devoti.” Ella disse: “Come potrò avere un bambino se mai uomo mi ha toccata?” Disse: “È così. Dio crea ciò che vuole. Se decide una cosa dice solo ‘Sii!’ ed essa è.” (Corano, 3:45-47). E' solo un pretesto perche' secondo l'ideologia comunista la Scuola Laica non non deve parlare del Natale. Continua........ 1/2

Felice48

Lun, 23/11/2015 - 14:32

Siamo proprio fritti grazie a certe persone ultra pensanti. Quindi ai bambini insegneranno solo cose che loro piacciono e fanno comodo senza metterli davanti ai vari risvolti che la vita offre. Per le festività non solo natalizie però godono dei vari giorni senza lavorare.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 23/11/2015 - 14:34

FUORI DALLA SCUOLA E DELL?INSEGNAMENTO QUEST PRESIDE, SIMO IN CASA NOSTRA ABBIAMO LA FEDE CRISTIANA E DOBBIAMO RISPETTARLA. CI SONO DIVERSE RELIGIONI IN ITALIA,E MAI SI SONO SENTITE OFFESE. A QUESTA PRESIDE LE CONSIGLIO DI FARE UN VIAGGIO NEI PAESI MUSSULMANI, CONE HA FATTO IL SOTTOSCRITTO SI RENDERA COSI CONTO CHE SARA' LEI A DOVERE RSPETTARE LA LORO FEDE,IL LORO MODO DI VIVERE.E VERAMENTE UNA VERGOGNA DISGUSTOSA VEDERE UN L'INSEGNANTE COSI.

njc66

Lun, 23/11/2015 - 14:35

NIENTE AEDES FIDELIS, NIENTE VACANZE DI NATALE, SIA COERENTE

Ettore41

Lun, 23/11/2015 - 14:36

....... 2/2 Non capisco poi perche' Jingle Bell Si ma Adeste Fideles NO. Una e' cantata in Inglese, l'altra in Latino, ambedue ricordano il Natale e sfido qualsiasi mussulmano a comprendere quello che viene detto in latino. Questa preside non puo' fare la preside, non ne ha le capacita' educative e' solo un agglomerato di ideologia, frasi fatte, luoghi comuni imparati in anni di indottrinamento comunista.

Un idealista

Lun, 23/11/2015 - 14:37

Allora, nella stessa maniera, se un cristiano va a vivere in Arabia Saudita, lì scuole, piscine pubbliche, ogni luogo di raduno si adatta alle usanze cristiane. Così alla fine in Italia prevarranno le usanze musulmane e in Arabia Saudita quelle cristiane. Oh, adesso ho compreso come stanno le cose. Grazie, signora presida (dico presida per integrarmi con la Boldrina).

zadina

Lun, 23/11/2015 - 14:41

La professoressa Savio se ha avuto la intelligenza di diventare professoressa e fare parte dei dirigenti della scuola che collabora, dovrebbe fare uno sforzo e capire che in un paese democratico la maggioranza ha la prevalenza e adotta le ragioni di abitudini usanze locali, dal momento che in Italia grazie a Dio per ORA la maggioranza è ancora cristiana, lei stessa per prima dovrebbe adattarsi a quelle usanze, ma visto il suo comportamento contro il cristianesimo si comporta esattamente come quei terroristi che pretendono di imporre la loro religione le loro usanze con le parole e la prepotenza, a tutti coloro che pensano e vivono diversamente, mi permetto di darle un suggerimento, provi andare a vivere in un paese mussulmano per 3 anni come ho fatto io personalmente per ragioni di lavoro, quando rientra vediamo se è rimasta dello sesso parere nei confronti dei mussulmani che oggi protegge e con tanto rispetto, PROVARE PER CREDERE signora Savio,

paco51

Lun, 23/11/2015 - 14:45

quello che mi fa specie il "capataz" della chiesa che nulla dice! io sono per la chiesd tradizionale, messa cantata in latino, sulla bacheca " vietato l'ingresso ai comunisti" e l'elenco delle letture proibite! che piaccia o no!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 23/11/2015 - 14:45

Gli Italiani "da secoli calpesti, derisi, perché non siam popoli, perché siam divisi" confermano il loro destino grazie a queste truppe cammellate sessantottesche di cui in molti ne abbiamo piene le p@lle. E' ora di dire basta: arabi, africani e altri che vivono qua accettino la situazione o tornino nei rispettivi paesi. Basta con questi rigurgiti di un sessantotto morto e sepolto dalla storia.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 23/11/2015 - 14:48

i musulmani se non gradiscono le noate feste e tradizioni fuori dalle palle! che se ne ritornino al loro paesi senza romperci i coglioni

settemillo

Lun, 23/11/2015 - 14:49

Tanto per cambiare i nostri cervellotici amministratori sono disposti ad inclinarsi a NOVANTA GRADI, pur di NON offendere i loro,NON MIEI, ospiti che sinceramente NON gradisco. Io manderei la sig.ra Savia a quel paese e NON porterei a scuola i miei figli per festeggiare: COSA? Una domanda all'insegnante in questione: CHI LE PAGA LO STIPENDIO ? lo stato italiano o i gentili ospiti? Alla demenza NON c'è limite!

fedeverità

Lun, 23/11/2015 - 14:49

Chi di competenza,faccia qualcosa...BASTA!! NOI SIAMO CRISTIANI...E SE NON CI RISPETTI VAI A CASA! OPPURE SARà UN BEL CASINO!

APG

Lun, 23/11/2015 - 14:50

E' un dato di fatto che la nostra scuola pubblica primaria e secondaria di primo grado è ormai diventata una scuola coranica a tutti gli effetti. Quindi, nulla di nuovo sotto il sole. Presto i presidi verranno scelti fra gli imam locali, così da ufficializzare il passaggio.

redy_t

Lun, 23/11/2015 - 14:50

Sono andato a leggermi il testo di questo canto natalizio.Pensare che possa offendere la sensibilità di qualcuno è da completi imbecilli.

eqcman

Lun, 23/11/2015 - 14:52

E magari invitare davanti alla scuola un bel quartetto di zampognari per suonare l' adeste fidelis e gli altri bei inni natalizi, no?

snips

Lun, 23/11/2015 - 14:54

Si canti il brano, senza tante storie. Ne abbiamo le tasche piene del "..non fare questo, non fare quello per non non suscitare..". Siamo in Italia, il ns. paese! Se gli altri vengono quà debbono sapere cosa gli "ACCOGLIE"(a buon intenditor poche parole.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 23/11/2015 - 14:55

...radunarsi altrove e mandare la festa scolastica in bianco

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Lun, 23/11/2015 - 14:58

Di savio questa ha si e no il cognome.

Prameri

Lun, 23/11/2015 - 15:01

Le teste bacate vogliono distruggere il cristianesimo attraverso l'islamismo. Non è agli islamici che danno fastidio i simboli cristiani ma ai nostri sinistri concittadini. Sono peggiori dell'islam e sono 'i maestri' dei nostri figli. Sono loro che aizzano gli islamici a essere intolleranti.

Libertà75

Lun, 23/11/2015 - 15:02

se non è razzismo e discriminazione verso i cristiani, non so cosa altro possa essere... non capisco perché in Italia non si possa avere una sinistra che sia distante dal razzismo e dalle xenofobie

01Claude45

Lun, 23/11/2015 - 15:06

Regaliamo un bel BURKA alla savio e mandiamola ad insegnare in Afganistan ormai libero e per lei, simpatizzante dell'Islam, SICURO. Non avrà problemi di "urtare la sensibilità dei cattolici cristiani". Ma da dove viene sta savio? Perché DECIDE lei quello che deve essere fatto o non fatto nella scuola dove c'è sicuramente un comitato scolastico. Ha preso le pecche del rensi "dittatorino"? Provi, savio, ad andare in Afganistan e fra 5 anni torni a riferire.

UNITALIANOINUSA

Lun, 23/11/2015 - 15:10

Immagino in America,una scuola che abolisce cori e inni per il natale,che qui onorano come in poche parti del mondo...Ci vergogniamo di essere italiani. italiano in usa

vince50_19

Lun, 23/11/2015 - 15:18

Saremo mai padroni a casa nostra o dobbiamo sopportare personaggi del genere che vogliono alienare qualsiasi tradizione religiosa in terra italica? Se c'è qualcuno cui non piace questo tipo di celebrazione con l'Adeste fidelis può tranquillamente restarsene a casa, porca miseria! Questa storia del "disturbo" di chi cattolico non è, ha veramente rotto i co@@@@ni. Capito signora Savio? Resti pure a casa sua quel giorno, nessuno ne farà un dramma, nessuno la incolperà.

Ritratto di elisa65

elisa65

Lun, 23/11/2015 - 15:31

Qualcuno dica al dirigente scolastico che esiste una versione italiana di "Adeste Fideles"...se questo fosse il motivo :-( leo_polemico: sono d'accordo con lei, se qualcuno non gradisse le nostre tradizioni potrebbe serenamente andare via dal nostro Paese, non ne sentiremmo la mancanza...

cameo44

Lun, 23/11/2015 - 15:35

Un'altra tradizione e pezzo di storia del nostro paese annullata da una ebete anche se dirigente scolastica non credo sia corretto che per far contenti un sparuto numero di non cristiani si debba umiliare e privare la maggioranza dei nostri ragazzi di una tradizione che non offende nes suno se questi immigrati si sentono offesi se ne tornassero ai loro pae si di origine e non ci vengano ad imporre la loro cultura annullando la nostra

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/11/2015 - 15:37

E FRANCESCO,CHE DICE?????? Pax vobiscum.

gian65

Lun, 23/11/2015 - 15:39

il dramma non è la questione sulla laicità della scuola o sul rispetto delle religioni. il dramma è che a scuola ci siano simili presidi

woofer65

Lun, 23/11/2015 - 15:46

Ettore41 e Jingle Bells: capisco che Lei non conosca l'inglese; altrimenti saprebbe che questa canzoncina non ha assolutamente nulla a che fare col natale.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Lun, 23/11/2015 - 15:47

Ennesima dimostrazione che il problema, prima ancora che con gli islamici, è tra le nostre stesse fila. Da commentare poi l'arrampicata sugli specchi della dirigentessa: a parte che la direttrice del coro parrocchiale non parla di difficoltà sul latino, ma di richieste di non urtare la sensibilità di altri, quindi qualcuno non la racconta giusta, che problema ci sarebbe per i bambini a cantare un testo "ad orecchio" senza capire tutte le parole? E Jingle bells rock non è in una lingua straniera ugualmente? Di Adeste Fidelis c'è pure la versione in italiano, volendo! E per finire, si dice che non doveva essere un "concerto di Natale", ma un lavoro tra le classi ed il coro parrocchiale con esibizione finale a Dicembre di che dovrebbe cantare? Di spiagge ed ombrelloni?

woofer65

Lun, 23/11/2015 - 15:49

Vince50_19 e i padroni a casa nostra: la scuola deve essere laica; per la religione c'è il catechismo. Capisco che voi siate fissati coi musulmani, ma vi ricordo che in Italia i frequentatori della chiesa cattolica sono inferiori al 20%. Non capisco quindi perché si dovrebbero imporre le loro abitudini anche all'80% rimanente.

Otaner

Lun, 23/11/2015 - 15:51

Chi scrive si erge a difesa delle nostre radici cristiane. I bambini italiani devo semore ascoltare i canti sacri di una fede millenaria.Le feste cristiane devono quindi continure ad esistere, come è giusto che sia, e ascoltare non solo il brano Adeste fideles, ma anche Tu scendi dalla stelle o re del cielo...ed a onorare il Presepe. .HO ricordi stupendi di un mio maestro delle terza classe elementare (anni 30) che un giorno in classe parlò delle Crociate e il giorno successivo della battaglia navale di Lepanto che avvenne nel 1571 tra la flotta navale turca e quella cristiana che la vinse. Esorto, se mi è consentito la professoressa Scanio a riflettere bene sulla decisione che ha preso che non condivido. .

Antares-60

Lun, 23/11/2015 - 15:51

Certi dirigenti scolastici andrebbero espulsi come gli imam!

scarface

Lun, 23/11/2015 - 15:52

e per completare questa la versione in italiano: « Venite Fedeli, lieti trionfanti, venite, venite a Betlemme. Nasce per noi Cristo Salvatore. Venite adoriamo, venite adoriamo, venite adoriamo, il Signore Gesù. La luce del mondo brilla in una grotta: la fede ci guida a Betlemme. Nasce per noi Cristo Salvatore. Venite adoriamo, venite adoriamo, venite adoriamo, il Signore Gesù. La notte risplende, tutto il mondo attende: seguiamo i pastori a Betlemme. Nasce per noi Cristo Salvatore. Venite adoriamo, venite adoriamo, venite adoriamo, il Signore Gesù. Il Figlio di Dio, Re dell’universo, si è fatto bambino a Betlemme. Nasce per noi Cristo Salvatore. Venite adoriamo, venite adoriamo, venite adoriamo, il Signore Gesù. Sia gloria nei cieli, pace sulla terra un angelo annuncia a Betlemme. Nasce per noi Cristo Salvatore. Venite adoriamo, venite adoriamo, venite adoriamo, il Signore Gesù. »

Rossana Rossi

Lun, 23/11/2015 - 15:52

E poi ci meravigliamo se i tagliagole ci arrivano in casa.........non urtiamo la loro suscettibilità, lasciamo che ci urtino la nostra a suon di attentati........che pir.la!!!!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/11/2015 - 15:54

Ma il "bello" di tutta sta storia addaveni, perche a quanto mi risulta NON sono stati i genitori dei bambini ARABI a chiedere tale soppressione, ma la PRESIDE KOMUNISTA medesima, ed i KOMUNISTI che S/governano cosa ne pensano, pensano che dobbiamo Noi Italiani cattolici assogettarsi (anche se loro gli Islamici per ora non lo stanno chiedendo) alle USANZE ISLAMICHE!!!Ma siamo s/governati da PAZZI??? Questo è il VERO pericolo essere S/governati da una minoranza che ci impone di cambiare le nostre tradizioni e la nostra storia. Pax vobiscum.

ELZEVIRO47

Lun, 23/11/2015 - 16:00

"MINUS HABENS"..o è latino troppo difficile..????

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 23/11/2015 - 16:32

"Tutto falso" credo proprio non possa essere, cara preside, visto che ogni volta di questi tempi, ma anche frequentemente nell'arco dell'intero anno, si scatena una vera e propria gara fra gli sciocchi e rincoglioniti italiani a chi si auto-castra di più per far felice lo straniero, magari clandestino, che, invece di offendersi, dovrebbe solo adeguarsi ai nostri costumi senza nulla chiedere.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 23/11/2015 - 16:33

(2° invio) Ormai queste notizie sono all'ordine del giorno e sono la dimostrazione della dabbenaggine degli italiani incapaci a reagire. Questi sono veri e propri insulti alla nostra religione, alla storia, alla civiltà occidentale. Perché ci si preoccupa tanto di non urtare la sensibilità dei bambini stranieri e nessuno si indigna per gli insulti agli italiani credenti? Perché nessuno reagisce? Subito dopo la fine della guerra, gli ebrei scampati alla shoah, consci di non aver opposto la necessaria resistenza alla deportazione ed allo sterminio, si chiedevano increduli “Come è stato possibile”? Allo stesso modo, noi europei, quando l’islamizzazione sarà completata e saranno distrutti tutti i riferimenti alla nostra civiltà, fra qualche tempo ci chiederemo “Come è stato possibile? Perché non abbiamo reagito?”. Ma sarà troppo tardi.

michetta

Lun, 23/11/2015 - 16:37

....un GRAZIE grosso così, per SCARFACE. Così, si professa la FEDE in Cristo Salvatore, nostro Signore adorato e pieno di misericordia, guardate un po'? Perfino per i maomettani...... Grazie ancora e, pur se in anticipo, Santo Natale a lei e la sua famiglia.

Ettore41

Lun, 23/11/2015 - 16:47

WOOFER65......Vivo e risiedo in UK da parecchi anni; ho un'attivita', frequento un Club inglese, insomma sono inserito nella societa' Britannica. Probabilmente lei, anzi sicuramente lei non comprende la lingua italiana perche' io ho scritto: ambedue ricordano il Natale che non signifca ambedue sono canzoni religiose. Ora lei, inglesista dei miei stivali, mi dica che Jingle Bells non viene cantata e suonata durante il periodo natalizio e che nelle clips non e' spesso associata a Father Christmas sulla slitta trainata da Renne. La prossima volta cerchi di fare la pipi' nel vasino.

rossini

Lun, 23/11/2015 - 16:58

Fatemi capire: sospendere o rimandare il Giubileo non si può e non si deve perché sarebbe un darla vinta agli estremisti musulmani. E invece vietare di cantare Adeste Fideles in una scuola italiana in periodo natalizio che cosa sarebbe?

VittorioMar

Lun, 23/11/2015 - 17:05

..esiste un Ministro della Pubblica Istruzione?...sa scrivere una direttiva ministeriale in materia?...vuole sostenere la nostra Cultura?...se c'è qualcuno non faccia l'ASINO DI BURIDANO...

Jimisong007

Lun, 23/11/2015 - 17:09

Varare ordinanze che impediscano queste provocazioni che innescano odio e intolleranza da parte della maggiore parte della popolaziome Italiana

Ettore41

Lun, 23/11/2015 - 17:10

@WOOFER65...... Con il suo intervento delle 15:49 lei conferma che la non educatrice Maria Antonia Savio ha preso in pretesto i mussulmani per imporre la sua ideologia sinistrata. Questa e' la pura verita'. Metodo Stalinista Leninista per indottrinare e fare il lavaggio del Cervello a bambini, che in quanto tali, sono facilmente influenzabili, come lo e' stato lei che ormai ha il cervello all'ammasso. Se il problema fossero I mussulmani la non educatrice avrebbe potuto chiamare I genitori (genitore uno o genitore due faccia lei) dei ragazzi mussulmani e dire loro che se non gradivano I loro pargoli erano dispensati, per quel giorno dal frequentare la scuola. La prego compagno, la pipi' nel vasino per cortesia.

gneo58

Lun, 23/11/2015 - 17:11

fuori la preside e fuori tutti i figli degli immigrati. ecco.

rudyger

Lun, 23/11/2015 - 17:12

I nostri peggiori nemici non sono i muslim ma gli italiani scristianizzati imbevuti della ideologia comunista. La professoressa dovrebbe convertirsi all'islam ed andare in Arabia saudita dove il venerdì dovrà mettersi col culo per aria.

mastra.20

Lun, 23/11/2015 - 17:17

È la classica atea Che poi festeggia il Natale,

Blueray

Lun, 23/11/2015 - 17:19

La responsabile della banda parrocchiale andrebbe impedita di stravolgere il programma per semplice acquiescenza alla dirigente scolastica sinistra che porta avanti le solite scelte ipocrite e farisee ad uso e consumo degli stranieri. Molto peggio di questi ultimi sono proprio i nostri sinistri, i buonisti e gli acquiescenti che, essendo fondamentalmente invertebrati, impediscono l'esercizio delle nostre usanze e tradizioni per non urtare le sensibilità degli alloctoni. Chiaro che così si creano precedenti pericolosi di alunni stranieri e rispettivi genitori i quali, in capo a breve tempo, pretendono obbligatoriamente un trattamento diversificato che invece di fare integrazione porta disintegrazione.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 23/11/2015 - 17:20

Il prossimo passo per una NOSTRA più concreta integrazione sarà l'abolizione delle vacanze di Natale perché troppo cristiane. Dopo il Natale ci sarà l'abolizione della Pasqua, ma per questa bisognerà attendere solo un po'.

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Lun, 23/11/2015 - 18:03

La Scuola ha il dovere di trasmettere idee, contenuti e valori che sono il collante della società che essa rappresenta. Se non adempie a questa funzione, essa ha fallito nella sua missione di educare ed istruire i futuri Cittadini e Cittadine di una nazione. La Scuola italiana è in crisi e con essa, i Docenti, che sempre più spesso sono chiamati a rinnegare ciò in cui hanno creduto e che è stato loro insegnato, per inseguire un modello di società dove tutto viene messo in dubbio, ripudiato ed abbandonato, nella folle idea di integrare chiunque. Integrare però non significa rinnegare la propria identità, storia e cultura.

Ettore41

Lun, 23/11/2015 - 18:03

Carissimo Hernando45 purtroppo i sinistri nostrani non hanno piu' capacita' di intendere e di volere. Ripetono pappagallescamente quello che sentono nelle sezioni da idioti con la zucca piena di segatura. Purtroppo permettiamo a costoro di educare i nostri figli. Alle Mauritius, ridente archipelago nell'Oceano Indiano, convivono amorevolmente indu' mussulmani e cristiani (cattolici e protestanti); entrato in in negozio dove una ragazza incensava la triade Brahama Shiva e Vishnu chiesi: ma a Natale chiudete o state aperti? La risposta fu: Alle Maurizius tutti festeggiano le festivita' delle religioni presenti e con un sorriso "Il 25 Dicembre siamo chiusi ovviamente. Questo alla faccia della sedicente educatrice comunista italiana. Compatisco e compiango i nostri compatrioti.

ambr.o@tiscali.it

Lun, 23/11/2015 - 18:16

altra sottomissione ? Quo usque tandem abutere islam patientia nostra ? Quanto siamo fessi...almeno nel passato per conquistarci dovevano combattere ..adesso ci sottomettiamo da soli..... Non cé' islam moderato i muslmani calmi sostengogno la mano armata e aspettano di sottometterci tutti............

routier

Lun, 23/11/2015 - 18:24

Se i genitori degli studenti di questa scuola avessero un minimo di buon senso, terrebbero a casa da scuola i figli nella giornata del concerto. Non sarebbe una protesta eclatante ma di sicuro effetto!

Ritratto di gino5730

gino5730

Lun, 23/11/2015 - 18:34

Siamo all'allucinante.Noi togliamo canti.crocifissi Natale,il presepe per non urtare la loro sensibilità e loro ci ringraziano massacrandoci.Ma di il Papa non dice niente?

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 23/11/2015 - 18:39

tutti gli anni, la stessa storia.

Ritratto di allecarlo

allecarlo

Lun, 23/11/2015 - 18:39

Siamo veramente alla frutta... aveva ragione Berlusconi a dire che siamo un paese di mxxxa!!!

Happy1937

Lun, 23/11/2015 - 18:41

Questa Savio, di nome ma non di fatto, andrebbe radiata dal corpo insegnante.

mza55

Lun, 23/11/2015 - 18:49

Ma veramente dobbiamo ancora sentire sti DIRIGENTI sparare cxxxxxe. Ma li cercano fatti così? o è un caso che siano tutti uguali. Ma possibile che la società e la cultura dove sono cresciuti non piace a nessuno di questi DIRIGENTI....... CHE POI SAPPIAMO TUTTI QUANTO SONO CAPACI ED EFFICIENTI. Ma percè non mollano tutto e non vanno a rastrellare il deserto.

jeanlage

Lun, 23/11/2015 - 18:52

Il fatto che a me da fastidio quando sento cantare Bella Ciao, canzoncina stupida e falsa, interessa qualcuno?

vince50_19

Lun, 23/11/2015 - 18:59

woofer65 - Io non sono fissato con nessuno, per iniziare. La scuola è laica - lo so benissimo - ma ricordare le nostre radici cristiane come è stato fatto da decenni non mi pare una violazione, semmai rientra nella tradizione millenaria riconosciuta da tutti i partiti politici. Per questo c'è anche il crocifisso negli edifici pubblici: non è un'imposizione ma quello che ho scritto prima. Se poi la preside deve lei decidere cos'è poco o troppo cristiano allora la cosa mi infastidisce. Le spiace se ho questa idea?

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/11/2015 - 19:00

Caro Ettore proprio stamattina presto, mentre ero in spiaggia a farmi i miei consueti 3km di jogging, pensavo alla SEGATURA che hanno nella testa i COCOMERIOTAS al posto del cervello. Si puo chiamare TELEPATIA???? Salutoni dal Nicaragua.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Lun, 23/11/2015 - 19:05

Lo dico da non credente: questa è talmente scema da non aver ancora capito che, il suo politicamente corretto, non è la soluzione ma il vero problema. E di minus habentes purtroppo, l'Italia straripa. Cosa gli facciamo cantare in alternativa, l'internazionale? Ma vedi di andare a cagare minorata. DALTON RUSSELL.

joecivitanova

Lun, 23/11/2015 - 19:11

Premetto che non sono cattolico, non professo altre religioni e nemmeno seguo altre 'filosofie' più o meno trascendentali. Credo, anzi sono convinto, che la signora in questione faccia parte di quei tantissimi italiani che, pur di togliere sempre più potere alla chiesa (che odiano profondamente) accettino di darne sempre maggiore all'islam, che è una religione di stato che nega molti dei più fondamentali diritti dell'uomo. Se per puro caso qualcuno di questi italiani che ho citato sopra dovesse leggere queste mie poche, apparentemente semplici, righe, lo invito a riflettere su quello che sta combinando; sempre che ne sia capace, ovviamente. Un caro saluto a tutti. Giuseppe.

Giorgio Rubiu

Lun, 23/11/2015 - 19:13

Cosa significa "troppo cristiano"? O è cristiano o non lo è! E' come la gravidanza. Di una donna in stato interessante si può dire che è "troppo incinta"? No! O lo è o non lo è! E' Natale, festività cristiana, e i cristiani anno il diritto di cantare un inno cristiano! Questa cretina ha mai pensato di proibire Bella Ciao che è "troppo comunista" e, in quanto tale, disturba la sensibilità dei NON comunisti? Ci provi e le cadrà il mondo (di sinistra) addosso!

Franco40

Lun, 23/11/2015 - 19:15

Siamo Cristiani quindi basta rinunciare alle nostre tradizioni

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 23/11/2015 - 19:16

I lacchè vengono sempre a galla come molte altre cose. Squallidi e vigliacchi.

arcierenero

Lun, 23/11/2015 - 19:22

mi piacerebbe andare in casa di questa dirigente scolastica e comportarmi a modo mio e non sottostare alle regole della casa , cosa direbbe la signora in questione ? ma andasse a cagher!! sono loro che si debbono adattare ai nostri usi e costumi e non noi a loro altrimenti rimanessero a casa loro ! ma nella sinistra o per la sinistra gli utili idioti si sprecano!!!!!!!!!!!

ilrompiballe

Lun, 23/11/2015 - 19:27

A questa Preside si adatta bene il "beati i poveri in Spirito, perché di essi è il Regno dei cieli". E quanti ce ne sono !

Linucs

Lun, 23/11/2015 - 19:31

Se fosse un paese multiculturale ci sarebbe spazio per varie culture. Invece è una negropoli tirata su da comunisti e massoni, ispirata quindi a un'altra specifica religione.

billyserrano

Lun, 23/11/2015 - 19:34

A essere urtati dai canti e rappresentazioni (vedi presepe), ovviamente cristiane, non sono i musulmani, almeno non in queste occasioni. Ma, sono i cervelli bacati di presidi e "professori" comunistoidi (ora si chiamano in altro modo , ma sempre comunisti rimangono), che vogliono distinguersi come persone emancipate e non coinvolte in cose religiose, che considerano roba da popolino. Purtroppo di queste "menti eccelse", in Italia ce ne sono molte, e fanno danni oltre che a loro, ai nostri ragazzi.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 23/11/2015 - 19:49

Ennesima cretinata ad opera di chi vuole apparire buonista rinnegando la cultura e le tradizioni nostrane perché legate al cristianesimo. Da capire, poi, a vantaggio di chi è questo buonismo in quanto ogni soggetto di altra estrazione culturale e religiosa mi risulta che passino tranquilli nei paraggi di chiese senza stracciarsi le vesti, attraversano vie con nomi di santi, ammirano monumenti del nostro rinascimento ecc. Rinnegare le tradizioni di un popolo vuol dire non accettare manco la condizione di vita che questo popolo ha dato perciò per coerenza questa dirigente scolastica dovrebbe dimettersi e lasciare il posto ad altri meno faziosi. Se poi consideriamo che tutti i canti natalizi sono un osanna alla pace viene proprio difficile capire l'atteggiamento della dirigente se non dettata dall'avversione alla fede cristiana. Il nostro presente è già vuoto di valori, come dimostra questa dirigente, immaginiamoci come sarà il futuro di questi poveri bambini.

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Lun, 23/11/2015 - 21:00

Il peggior nemico,,'' é quello di fianco. Quello di fronte lo distinqui e ti puoi difendere. Il nostro nemico é l'Italiano stesso, questi cosi detti di sinistra , che nel frattempo loro si arricchiscono. É naturalmente questi clandestini sanatoriati illegalmente sicuramente, sé ne approfittano tutto semplice. Ci stanno distruggendo su tutti i sensi, persino la nostra stessa esistenza c'é in pericolo che sparisca, ((( dopo torture e violenze naturalmente non dimenticare)) dobbiamo cercare di fare qualcosa di concreto é serio piú presto possibile,. Intando capire quandi siamo gli Italiani sani che non vogliono scomparire come cultura storia ect ect , se siamo la minoranza allora ci dobbiamo rassegnare ho emigrare in un paese Cristiano. Se la maggioranza degli Italiani che spero di no sono come questi distruttori anarchisti siamo persi davanzo. Possiamo sperare in una separazione di territorio per salvaguardia della specie Italiana. Saluti

tRHC

Lun, 23/11/2015 - 21:05

Ancora con questa tiritera?Se alla dirigente scolastica non va' la canzone di Natale che i bambini e non solo,cantano per le festivita' Natalizie,puo' sempre cambiare aria o mestiere,non e' giusto far rinunciare a tanti bambini l'aria di festa,perche' ci sono altri pochi bambini che non sanno cosa significa tanta atmosfera... non si farebbe prima spiegare loro le cose?

claudioarmc

Mar, 24/11/2015 - 07:42

Mi sembra giusto anche perchè ho sentito di atroci violenze compiute in Nigeria da coristi dell' oratorio della mia parrocchia che dopo aver fiaccato la resistenza delle milzie di boko haram con adeste fidelis hanno poi infierito su vecchi donne e bambini con tu scendi dalle stelle: GENOCIDIO

anna.53

Mer, 25/11/2015 - 07:57

la dirigente (... de noantri...) dimostra una profonda ignoranza e argomentazioni ignobili, oltre che risibili. Espone all'oblio (si vergogna?) innocenti canti di Natale. Scrivo da credente anticlericale , ma non ho perso il lume della ragione.