"Non mi vuole bene…". E la madre-orco inietta candeggina alla figlia

Le torture choc di una madre-mosto alla figlia di 18 mesi in Turchia

Ha iniettato per giorni candeggina e sapone liquido alla figlia di 18 mesi perché, secondo lei, non l'amava. Questa è la folla spiegazione che una donna turca ha fornito alla polizia dopo l'arresto per le atroci torture commesse.

La madre-mostro, in sostanza, avvelenava poco a poco la piccola con l'assurda motivazione della mancanza d'affetto: "Da quando l'ho partorita ho capito di non amarla. E allora ho deciso che dovevo torturarla". Dunque le ha provocato anche una frattura al cranio e profondi tagli sul collo, servendosi di un rasoio.

Il tutto ha avuto inizio con il ricovero in ospedale, a Istanbul: la piccola di 18 mesi perdeva sangue dall'ombelico e dalle orecchie, come riportato da Il Tempo. Accertamenti più approfonditi, svolti con le forze dell'ordine, hanno verificato che la piccola era stata avvelenata con candeggina e sapone liquido. La mamma-orco ha confessato e ora se la dovrà vedere con la giustizia.

Ora la bimba vive insieme al padre ed è fortunatamente in buone condizioni di salute.

Commenti

cgf

Mar, 12/03/2019 - 12:51

certo che usando sistemi non proprio consoni al metodo Montessori, farà fatica che qualcuno la ami.