Le norme ecologiste sugli aerei? Hanno aumentato l'inquinamento

I tentativi di ridurre il rumore e l'inquinamento dei voli aerei si sono rivelati un autogol, aumentando lo smog

Una beffa per tutti, ecologisti in primis: tutti i provvedimenti ambientalisti adottati per rendere più "green" i voli degli aerei non hanno fatto altro che aumentare l'inquinamento.

Insomma, la toppa peggio del buco (dell'ozono).

L'aviazione in toto è da sempre nel mirino degli ecologisti di tutto il mondo, che imputano alle rotte aeree le ingenti emissioni di anidride carbonica e altre di aostanze inquinanti e dannose per l'atmosfera. "Accuse" fondate che negli anni hanno portato la tecnologia, le compagie e gli aerei ad abbattere di circa il 70% le emissioni inquinanti, ottenendo così un soddisfacente e più che buon risultato.

LaVerità fa un esempio: oggi un Boeing 747 che percorra la distanza tra Parigi e New York emette meno della metà dei gas nocivi rispetto a quanto facesse nel cinquant'anni fa e con lo stesso numero di passeggeri a bordo. Ovviamente, il numero dei voli mondiali, dal 1969 a oggi, si è decuplicato

Ma per qualcuno – il 70% in meno - non è comunque e mai abbastanza, per qualcuno si può, anzi, si deve fare di più. Però, si sa, il troppo stroppia e chi troppo vuole nulla stringe. Ecco, proverbi a parte, ecco allora il clamoroso autogol, causato dai tanti-troppi obblighi imposti dalle politiche comunitarie (ed ecologiste).

Più chilometri in volo? Più inquinamento

Per esempio? Come spiega ancora il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, "la stretta prevista dai 41 Stati membri di Eurocontrol (l'ente europeo per la gestione dello spazio aereo), impedisce l'armonizzazione completa dello spazio aereo, e nonostante l' organo preposto sia comunitario, ogni nazione opera con i suoi enti nazionali. Così è bastato lo sciopero dei controllori francesi del marzo scorso perché i molti voli provenienti dall'area Atlantica abbiano dovuto attraversare completamente il cielo europeo senza poter fruire di rotte ottimizzate, con il risultato di aumentare sia i tempi di volo, sia i consumi di carburante per poter arrivare a destinazione". Capito? Più chilometri percorsi, più avgas consumato, più inquinamento.

Inoltre, un'altra misura che di fatto va contro il risparmio di carburante, accrescendo le emissioni inquinanti, sono tutte le procedure antirumore richieste per il sorvolo dei centi abitati limitrofi alle traiettorie di decollo. Procedere che obbligano i piloti a seguire traiettorie più verticali e dunque richiamando maggior potenza dal motore. E se si vuole avere più potenza…sì, esatto: si consuma più benzina…

Commenti

killkoms

Ven, 24/05/2019 - 13:27

I soliti eco illogico!

agosvac

Ven, 24/05/2019 - 14:33

A parte che 50 anni fa il Boeing 747 neanche esisteva, c'è da dire che se non si vuole inquinamento basterebbe tornare alle navi a vela che necessitavano di un bel po' di giorni per attraversare l'Atlantico a fronte delle poche ore di oggi!!! Altri tempi in cui la fretta era quasi sconosciuta.

Massimo Bernieri

Ven, 24/05/2019 - 16:12

agosvac.50 anni addietro nel 1969 il B 747 c'era già avendo fatto il primo volo a febbraio 1969 magari...non era ancora in servizio forse,sarebbe stato meglio citare il B 707 o il DC 8.Comunque l'articolo è per dire che tutti quelli che vogliono più ecologia poi usano sempre di + mezzi inquinanti.Anche i giovani che protestano,poi si fanno i selfie che si scambiano in rete e internet con stazioni radio base,centrali telefoniche eccsono i + grossi consumatori di energia elettrica che non credo sia solo prodotta da"fonti rinnovabili".

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Ven, 24/05/2019 - 16:48

Se recupereremo un po' di buonsenso, prevedo che tra qualche decennio il trasporto aereo di alcune merci (e anche passeggeri) potrebbe essere effettuato con mega-dirigibili, tipo Aeroscraft. Sono più lenti, ma consumano (inquinano) pochissimo, possono beneficiare delle correnti di media quota, è praticamente impossibile che precipitino, e possono caricare/scaricare quasi ovunque (non hanno per forza bisogno di aerodromi). Vedremo...

63FRANCK

Ven, 24/05/2019 - 16:51

@agosvac il primo volo del 747 fù effettuato il 9 febbraio 1969 oltre 50 anni fà. quando la fretta era sconosciuta gli stipendi erano miseri, si andava in america solo x fame. lasciamo hai ricchi filantropi la gita in barca

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 24/05/2019 - 18:08

@agosvac: Esisteva!

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 24/05/2019 - 18:11

E se tornassimo agli aerei con i motori a elastico? Come i primi modellini che facevo, prima di passare al Supertigre G31 e al Barbini B40. Risparmio energetico, nessun rumore, e si accontentano anche i Gretini.

Ritratto di scappato

scappato

Ven, 24/05/2019 - 18:12

@agosvac. Pignolo, che differenza fa fra 50 e 49? Ho ancora il mio primo biglietto con il volo New York-Londra con la TWA, pagato $690.00

Tobi

Ven, 24/05/2019 - 18:15

Ma quale CO2! Con gli aerei stanno praticando da diversi anni la geoingegneria per insani esperimenti di manipolazioni climatiche (dettati dagli americani e a nostra insaputa) responsabili di eventi meteo estremi (alluvioni, o siccità, grandinate con chicchi giganteschi, trombe d'aria, tempeste di fulmini). Irrorano i cieli con materiali elettroconduttivi ormai aggiunti come additivi anche ai carburanti dei voli di linea (soprattutto low cost che caricano meno bagagli). Stanno disperdendo nei cieli tonnellate di polveri di metalli pesanti tossici (tra cui alluminio) che sono i responsabili della pandemia in corso di Alzheimer, malattie respiratorie e tumori. Basta guardare il cielo, ormai è rarissimo vederlo azzurro limpido, ci sono sempore velature bianchicce (per le polveri disperse delle operazioni di geoingegneria).

Tobi

Ven, 24/05/2019 - 18:17

Vi invito alla visione di questo video sugli esperimenti di geoingegneria condotti nei cieli che stanno causando immani problemi all'ambiente ed alla salute. E' sottotitolato anche in italiano: https://www.youtube.com/watch?v=mEfJO0-cTis

sparviero51

Ven, 24/05/2019 - 18:18

C'È GENTE A CUI PIACE APRIRE BOCCA E DARGLI FIATO !!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 24/05/2019 - 18:35

Ed anche oggi i ragazzi hanno trovato la scusa dell'ecologismo per non andare a scuola. Bravi, continuate così, poi non lamentatevi se andrete a fare le cassiere.

Zizzigo

Ven, 24/05/2019 - 18:40

La tecnologia si basa sull'energia e sulla scienza, l'ecologia sul ritorno alle caverne. Ma ciò che impressiona è l'ambiziosa pretesa ambientalista che, senza usare bombe atomiche, si riesca a sconvolgere l'evoluzione naturale del pianeta. Qui siamo semplicemente un'infezione batterica e la Terra ci può annientare con un antibiotico.

gigetto50

Ven, 24/05/2019 - 18:52

...basta abbinare ai tradizionali motori anche quelli elettrici….per il volo sulle "citta"...ricaricabili poi con gli altri….come le automobili…….o ..no? LOLOLOLOL

carlottacharlie

Ven, 24/05/2019 - 19:20

Normale che gli ecologisti non ne imbrocchino una, nemmeno mezza.

ziobeppe1951

Ven, 24/05/2019 - 20:27

....i soliti gretini

killkoms

Ven, 24/05/2019 - 20:57

@ massimo bernieri,si narra che solo internet assorba oltre il 6% dell'energia elettrica prodotta al mondo!tutti infiliamo nella presa elettrica di casa la spina dei vari aggeggi elettrici che usiamo,ma in quanti ci chiediamo da dove arriva?

Cosean

Ven, 24/05/2019 - 21:26

Lo sciopero a marzo non significa gas nocivi per sempre. E poi Belpietro non dovrebbe affrontare il discorso del Rumore degli aerei. O perlomeno lamentarsene. Ricorda lo scempio per la costruzione di Milano2? Cambiamenti inprovvisi di rotte aeree per la compiacenza di un privato? Non sfruttate l'ignoranza e la stupidità di chi vi legge. Per favore!