Pestato e massacrato col machete: 32enne in fin di vita

Raggiunta per strada, la vittima è stata letteralmente pestata a sangue con calci, pugni e colpi di bastone. Ad un certo punto è spuntato anche un machete, utilizzato per infliggere serie ferite al 32enne, che ora lotta fra la vita e la morte

Violenza nella notte di sabato a Trecate (Novara), dove un uomo di 32 anni è stato aggredito a colpi di machete ed ora si trova in gravissime condizioni.

L'episodio intorno all'una, nei pressi di un'abitazione di via Bordiga. Qui, secondo le ultime notizie riportate, si stava tenendo una festa organizzata da alcune famiglie sudamericane.

I festeggiamenti, cominciati durante il pomeriggio, sono andati avanti fino a tardi, e si sono conclusi nel sangue. La vittima, un salvadoregno, è stato aggredito per strada da tre (anche se alcune fonti parlano di cinque) persone che, dopo averlo pestato a sangue, sono arrivate ad infliggergli diverse ferite con un machete ed altre armi da taglio. Stando a quanto riferito dagli inquirenti, gli aguzzini non avrebbero agito col solo intento di provocare dolore alla vittima. Pare, infatti, che qualcuno abbia anche cercato, senza riuscirci, di decapitare il 32enne.

Commessa la brutale violenza, i responsabili si sono dati alla fuga, mentre veniva dato l'allarme. Lasciato agonizzante a terra, il salvadoregno è stato soccorso dagli operatori del 118, che lo hanno stabilizzato e trasportato d'urgenza all'ospedale Maggiore di Novara, dove ha subìto un intervento chirurgico.

Sul luogo dell'aggressione anche i carabinieri di Trecate e della stazione di Abbiategrasso, che hanno dato immediato avvio alle ricerche per rintracciare i colpevoli. Questi ultimi sono stati individuati a bordo di un'auto diretta a Magenta (Milano) e fermati nelle campagne di Albairate dai militari di Abbiategrasso. Costretti a fermarsi ed a scendere dalla loro vettuta, tre uomini sono stati identificati e dichiarati in arresto. Si tratta del 31enne J.V.C.L., del 29enne C.M.R.A e del 22enne A.V.J.V., tutti salvadoregni.

Gli aggressori si trovano già dietro le sbarre del carcere con l'accusa di tentato omicidio, come disposto dall'autorità giudiziaria di Pavia. Sono ancora in corso le indagini condotte dai carabinieri di Trecate per risalire agli altri membri del branco. Si pensa, infatti, che anche altre persone abbiano partecipato al feroce pestaggio. Ancora ignote le ragioni che hanno scataneto la violenza: l'ipotesi più accreditata è che si sia trattato di un regolamento di conti.

Restano gravi le condizioni del 32enne, che nonostante l'intervento chirurgico lotta fra la vita e la morte.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Lun, 02/09/2019 - 15:15

ma noooooo, so ragazzi esuberanti che mettono in pratica i loro usi e consuetudini e,come predetto dalla ex presidenta,diventeranno vostri!!