Nuoro, maltrattamenti in un asilo: sospese due maestre

Nel corso dell'inchiesta sono state effettuate diverse registrazioni: nell'asilo di Budoni, in provincia di Nuoro, sarebbe stato preso di mira, in particolare, un bambino nordafricano

Le forze dell'ordine hanno iniziato un'inchiesta su presunti maltrattamenti fisici e verbali ai danni dei piccoli alunni di una scuola materna di Budoni, in provincia di Nuoro. Convocati i genitori dei piccoli presso la caserma dei carabinieri, per gli opportuni chiarimenti. La classe, luogo dei maltrattamenti, è frequentata da bambini di cinque anni. Attualmente, sono al vaglio della Procura numerose intercettazioni e videoregistrazioni (effettuate nell'arco temporale di tre mesi dalle telecamere installate all'interno dell'istituto) che testimonierebbero le presunte violenze da parte di alcune insegnanti.

Dai filmati emergerebbe un contesto disfunzionale, dato dai frequenti comportamenti punitivi nei confronti di più minori, in particolare verso un bambino di origine nordafricana. Il bimbo e la famiglia vivono da tempo a Budoni e sembrano essersi bene integrati nel contesto cittadino. Il piccolo sarebbe stato frequentemente insultato, strattonato e, addirittura, lasciato spesso senza cibo né acqua. A rivelarlo è stato lo stesso genitore del bambino a La Nuova Sardegna. Il suo racconto è stato peraltro supportato da ulteriori testimonianze.

Pare infatti che il personale dell'istituto avrebbe imposto un clima di terrore nei confronti dei piccoli ospiti della scuola materna che, impossibilitati a difendersi, erano costretti a subire passivamente le angherie da parte delle maestre. Da quello che è emerso, alcune insegnanti risulterebbero già sul registro degli indagati. Gli inquirenti si starebbero concentrando, in particolare, su due maestre che risulterebbero attualmente sospese dal loro incarico. Le indagini proseguono da parte dei carabinieri; le forze dell'ordine stanno mantenendo uno stretto riserbo sul caso, dai toni ancora torbidi e oscuri, che necessità di opportuni chiarimenti.

L'inchiesta in questione si apre a distanza di un mese da un caso simile avvenuto sempre in provincia di Nuoro. A Santa Maria Navarrese, lo scorso giugno, altre due maestre sono state sospese in seguito a violenze fisiche e psicologiche sui bambini di una scuola dell'infanzia.