Nuovo bagno di folla per Papa Francesco: "Donne fondamentali"

Il Pontefice alla sua seconda udienza generale: 

"Anche tra i credenti si sono insinuati dubbi sulla verità della Risurrezione". E' questa la denuncia di Papa Francesco nella catechesi tenuta alla sua seconda Udienza Generale. "Senza questa fede nella morte e risurrezione di Gesù - ha spiegato ai 50mila fedeli presenti - la nostra speranza sarà debole, ma non sarà neppure speranza. Sarà quella fede all’acqua delle rosa, diciamo noi". "Purtroppo - ha osservato il Papa nella sua catechesi - spesso si è cercato di oscurare la fede nella Risurrezione di Gesù, e anche fra gli stessi credenti si sono insinuati dubbi. Questo per superficialità, a volte per indifferenza, occupati da mille cose che si ritengono più importanti della fede, oppure per una visione solo orizzontale della vita". 

Poi un lungo elogio delle ruole femminile. "Nei Vangeli le donne hanno un ruolo primario, fondamentale", ha dichiarato il Pontefice.  "Mamme e donne, avanti con questa testimonianza!". "Nelle professioni di fede del nuovo testamento, come testimoni della risurrezione vengono ricordati solamente uomini, gli apostoli, ma non le donne", ha detto il Papa riprendendo, dopo Pasqua, il ciclo di catechesi sull’anno della fede. "Questo perché, secondo la legge giudaica di quel tempo, le donne e i bambini non potevano rendere una testimonianza affidabile, credibile. Nei Vangeli, invece, le donne hanno un ruolo primario, fondamentale. Qui possiamo cogliere un elemento a favore della storicità della risurrezione: se fosse un fatto inventato, nel contesto di quel tempo non sarebbe stato legato alla testimonianza delle donne. Gli evangelisti invece narrano semplicemente ciò che è avvenuto: sono le donne le prime testimoni. Questo dice che Dio non sceglie secondo i criteri umani: i primi testimoni della nascita di Gesù sono i pastori, gente semplice e umile; le prime testimoni della risurrezione sono le donne. I primi testimoni della nascita di Gesù sono pastori, gente semplice e umile, i primi testimoni della risurrezione sono donne: questo è bello, questa è un pò la missione delle donne, eh?, delle mamme delle donne: dare testimonianza a figli a nipotini che Gesù è vivente. Mamme e donne, avanti con questa testimonianza! Per Dio conta il cuore, quanto siamo aperti a Lui, se siamo come i bambini che si fidano. Ma questo ci fa riflettere anche su come le donne, nella Chiesa e nel cammino di fede, abbiano avuto e abbiano anche oggi un ruolo particolare nell`aprire le porte al Signore, nel seguirlo e nel comunicare il suo volto, perché lo sguardo di fede ha sempre bisogno dello sguardo semplice e profondo dell`amore. Gli apostoli e i discepoli fanno più fatica a credere nel risorto, le donne no: Pietro corre al sepolcro, ma si ferma alla tomba vuota; Tommaso deve toccare con le sue mani le ferite del corpo di Gesù. Anche nel nostro cammino di fede è importante sapere e sentire che Dio ci ama, non aver paura di amarlo: la fede si professa con la bocca e con il cuore, con la parola e con l`amore".

Commenti
Ritratto di gino5730

gino5730

Mer, 03/04/2013 - 13:12

Non capisco questo entusiasmo per il nuovo Pontefice.L'anello d'argento invece che d'oro? Alloggia in una specie di pensionato invece che nel Vaticano? Riduce la scorta ? Predica un pauperismo tanto esasperante quanto strombazzato? Ma a noi di tutto questo risparmio che ce ne viene? Gli euro che eventualmente risparmia vanno soltanto al Vaticano,e allora ?

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 03/04/2013 - 15:21

Quanto dura l'effetto novità? Quando riusciremo a liberarci degli articoli quotidiani (minimo uno in ciascuna testata giornalistica italiana) relativi a Papa Francesco? I famigerati vaticanisti non possono essere riciclati in altri settori più interessanti?

ben39

Mer, 03/04/2013 - 15:30

Giù le mani da Papa Francesco! Chi parla contro di lui ha preso in prestito la lingua dal demonio...

Ritratto di woman

woman

Mer, 03/04/2013 - 17:05

Alle donne escluse dal sacerdozio basta una caramellina. Contente loro, che si estasiano per una associazione maschilista.