Nuovo consiglio direttivo per il Bambin Gesù

Rinnovato il consiglio direttivo dell'ospedale: in arrivo De Bortoli e Tarantola

Dopo il caso Vatileaks 2, arrivano le contromosse del Vaticano. Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, ha rinnovato il consiglio direttivo dell’ospedale con l’obiettivo di trasformare il Bambin Gesù "in quella 'grande opera di carità'" che Papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori, desidera sia e diventi sempre più".

Per garantire "trasparenza, solidarietà e innovazione" sono stati nominati sei consiglieri i cui nomi più noti sono quelli di Ferruccio De Bortoli, ex direttore del Corriere della Sera, Anna Maria Tarantola, ex presidente Rai, e Maria Bianca Farina, manager di Poste italiane e nominata da Bergoglio nell’istituto vaticano per la prevenzione e il contrasto al riciclaggio.

Gli altri tre consiglieri sono Pietro Brunetti, Caterina Sansone, della segreteria di Stato, e il diplomatico Antonio Zanardi Landi.

Nuovi volti, nuovo statuto e nuova mission, dunque, per il Bambino Gesù, come ha dichiarato nel corso della prima riunione la presidente del consiglio direttivo, Mariella Enoc: "Un obiettivo cui ho lavorato fin dal primo giorno del mio insediamento".

L’ospedale è finito infatti nello scandalo Vatileaks 2 per quei 200 mila euro della sua Fondazione utilizzati, invece che per le cure dei bambini malati, per ristrutturare, secondo quanto riferisce il libro Avarizia di Emiliano Fittipaldi, il lussuoso attico dove vive il cardinal Bertone.

Spesa confermata all’autore del libro da Giuseppe Profiti che è stato presidente della Fondazione fino allo scorso anno. Per questo, nel messaggio inviato ai nuovi consiglieri il cardinale Parolin esprime vicinanza e ringraziamento "per aver accettato questo non facile compito, mossi da quel nobile spirito di servizio, umile e disinteressato, che deve contraddistinguere i discepoli di Gesù e, nel nostro caso, quanti lavorano, ai diversi livelli, nell’Ospedale del Papa".

Commenti
Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Mer, 04/11/2015 - 18:37

Oramai dovrebbe essere chiaro che Bergoglio non ha sufficiente intelligenza per scegliere le persone giuste ai posti giusti. Ha messo un sacco di gente mediocre in tutti i posti di responsabilita', e i due tizi finiti in manette nei giorni scorsi erano stati scelti da lui personalmente. Adesso, non contento di prendere cantonate, manda quella nullita' al quadrato di De Bortoli al Bambin Gesu'. Povero Bambin Gesu', viene da dire, come ti tratta male il tuo vicario in terra.

Tuvok

Mer, 04/11/2015 - 20:06

Certo che se veramente ci fosse un Dio non varrebbe la pena di dargli retta, vista la gente da cui si fa RAPPRESENTARE.

glasnost

Mer, 04/11/2015 - 20:46

Così diventa evidente! Il new deal del vaticano non consiste nel fare cose nuove, trasparenti ed oneste, ma nel coprire meglio, attraverso l'informazione asservita ai potenti, le cose che fanno. Non sarebbero altrimenti spiegabili: ex direttori del corriere, direttore della Rai,manager di poste italiane ecc. Non cambia mai nulla nella realtà, se non in peggio e nella chiesa progressista non può avvenire qualcosa di diverso

VermeSantoro

Gio, 05/11/2015 - 06:58

Ma la vecchia della Banca d'Italia non trova pace ?