Omicidio Raciti, condanna definitiva: otto anni per Speziale

Condanna definitiva per l'ultrà accusato dell’omicidio preterintenzionale dell’ispettore di polizia

Antonio Speziale, uno dei due ultrà condannati per la morte dell'ispettore capo di polizia Raciti

Otto anni di reclusione. La Cassazione ha confermato la condanna ad Antonino Speziale, accusato dell’omicidio preterintenzionale dell’ispettore di polizia Filippo Raciti. Adesso la sentenza è definitiva. La Cassazione ha confermato la condanna anche nei confronti dell’altro ultrà etneo che era assieme a Raciti la sera dei disordini per la partita Catania-Palermo, Daniele Micale, che in appello aveva ricevuto una condanna a dieci anni per omicidio preterintenzionale, più un anno per resistenza a pubblico ufficiale.

Antonino Speziale era stato accusato dell’omicidio preterintenzionale di Raciti per aver scagliato un lavello contro l’ispettore capo di polizia durante gli scontri dopo la partita di calcio Catania-Palermo del 2 febbraio del 2007, tenutasi allo stadio Massimino. In primo grado Speziale, allora minorenne, venne condannato a 14 anni dalla sezione dei minori del tribunale di Catania. In appello, la corte aveva ridotto la condanna a otto anni, proprio perchè all’epoca l’imputato non era maggiorenne. Oggi in udienza anche il sostituto procuratore generale della Cassazione, Giuseppe Volpe, si era pronunciato per l’inammissibilità dei ricorsi presentati dalla difesa di Speziale e da quella di Micale, che era stato condannato ad una pena maggiore (undici anni) perché all’epoca era maggiorenne. Dopo cinque ore di camera di consiglio, oltre a respingere i ricorsi la Quinta sezione penale, presieduta da Gaetanino Zecca, ha disposto anche una refusione delle spese per la parte civile di circa 4.200 euro per la presidenza del Consiglio e per il ministero dell’Interno e quasi 9mila euro per la famiglia Raciti.

Commenti

bilancino

Gio, 15/11/2012 - 01:23

La Legge è ineguale per tutti. Non ho mai creduto ai magistrati e agli avvocati, alle loro sentenze. Non esiste la Giustizia con la G maiuscola.

ildirettore

Gio, 15/11/2012 - 07:50

Cosa sta succedendo? La magistratura ha confermato un po' di anni di galera a un assassino? Strano, di solito li lasciano liberi, assassini di rapine di orefici, assassini di povere persone sul ciglio di una strada o attraversanti strisce pedonali o in bicicletta.In galera mettoo solo i ladri di biciclette e di mele o gli affamati.

willi

Gio, 15/11/2012 - 08:40

Questa volta non è stato possibile incriminare il poliziotto in quanto purtroppo il povero Filippo Raciti e deceduto.

Ritratto di KATYN1943

KATYN1943

Gio, 15/11/2012 - 10:39

La vergogna con la quale la magistratura tutta ci ricopre, ha con questa sentenza raggiunto l'apice!! Otto anni a questo assassino indefesso che, una volta ucciso un onorato poliziotto, un marito devoto, un padre amorevole, si becca, fra cazzi e mazzi una passeggiata nelle carceri italiane, mentre la vita stroncata, e la famiglia annientata non avranno mai più soluzione!!! Complimenti signori, i miei più che dignitosi complimenti a voi che sessantottini della prima e second'ora avete strappato le vostre lauree in combine con il partito comunista italiano!!!