Omicidio Roma, "L'abbiamo torturato e ucciso poi abbiamo dormito con il corpo"

La confessione di Manuel Foffo e Marco Prato è precisa e puntale. Ricordano tutto, dai soldi offerti a Varani fino alla scelt adi uccidere spinti dal alcol e coca. "Ci siamo trasformati in animali"

Manuel Foffo è uno dei killer di Luca Varani. Nella sua confessione ricorda la giornata passata tra alcol e droga. "Ricordo solo che la morte è sopravvenuta dopo tanto tempo e Luca ha sofferto molto. Lo abbiamo davvero torturato". Dopo aver abusato di cocaina, Foffo e Marco Prato, l'altro ragazzo che partecipava al festino, hanno deciso di uccidere una persona "per vedere che effetto faceva".

"È iniziato tutto settimane fa - continua il racconto - quando io e Marco ci siamo organizzati per trascorrere del tempo insieme. Facevamo uso di cocaina entrambi. Ci siamo chiusi in casa mercoledì 2 marzo. Non abbiamo mai mangiato né dormito. E abbiamo chiamato più volte lo spacciatore per farci portare la cocaina. Quanti grammi non so, ho speso 1500 euro. Abbiamo bevuto fino a scoppiare. Volevamo vedere fino a dove resistevamo". L'amicizia tra Marco e Manuel è alimentata da una sorta di ricatto. Prato si dichiara gay, Foffo invece dice di essere eterosessuale, ma cede alle offerte di sesso di Marco e lui lo filma. Accade una prima volta, poi una seconda, durante un veglione di Capodanno. Foffo sembra subire l'amico, ma continua a vederlo.

Proprio con prestazione sessuali la vittima viene adescata in un appartamento del quartiere Collatino di Roma. Foffo e Prato hanno chiamato Variani e gli hanno offerto 120 euro per avere rapporti sessuali. Marco infatti gli invia il primo sms: "Vieni che c'è roba e soldi per te". Luca risponde subito: "Quanti?". Marco fa la sua offerta: "120 euro". Luca riceve e chiede: "Dove ci vediamo?". Prato precisa il luogo e le informazione per raggiungere l'abitazioene: "Ho una casa una casa a disposizione tutta per noi in via Igino Giordani". Poi una serata di eccessi, e l'ammissione, "ci siamo trasformati in animali".

Il racconto della mattanza, come riporta Il Messaggero, è del 6 marzo, poco dopo la mezzanotte. Foffo si presenta ai carabinieri accompagnato dall'avvocato Michele Andreano, è il padre a convincerlo a confessare, dopo che il figlio gli ha raccontato cosa aveva fatto. "Ammetto - dice in caserma - di aver ucciso il ragazzo che avete trovato nel mio appartamento. L'ho fatto insieme con il mio amico Marco Prato. Abbiamo usato due coltelli e un martello. Io ho colpito Luca al collo e forse anche in altre parti del corpo".

Francesco Scavo, il pm, chiede al ragazzo come mai avessero scelto proprio Varani. Chi dei due lo conoscesse. Manuel va indietro con i ricordi, è lucido e dettagliato: fornisce ogni particolare dell'esecuzione in stile Arancia Meccanica. Il suo racconto preciso e puntale rivela solo del sadismo. Nessun esiste movente, solo la spinta e il delirio di alcol e cocaina.

Commenti
Ritratto di thunder

thunder

Mar, 08/03/2016 - 09:18

Questi hanno bisogno di galere stile russo.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 08/03/2016 - 09:20

Abbiamo la prova dell'esistenza di idiozia, sadismo e follia. I nostri giudici li metteranno in libertà vigilata e basta.

venco

Mar, 08/03/2016 - 09:26

Senza Dio tutto è possibile, perché chi crede segue una morale comune a tutti i credenti, non una "morale" personale e di comodo.

franco-a-trier-D

Mar, 08/03/2016 - 09:38

ci vuole il patibolo.thunder, meglio stile iraniano

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 08/03/2016 - 10:00

"120 euro per avere rapporti sessuali." Ma i genitori hanno ancora un'idea, seppur pallida, di che tipo di personalità alberga nel corpo dei propri figli? O, molto più verosimilmente, siamo allo sbando etico totale?

Ritratto di mircea69

mircea69

Mar, 08/03/2016 - 10:03

Spinti da alcol e droga? Non diciamo castronerie per favore. Sono milioni le persone che abusano di alcol e droghe e che non torturano e non ammazzano nessuno.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 08/03/2016 - 10:03

Quando l'idea di Dio viene meno, tutto diventa possibile. Dostoevskji aveva già descritto la gratuità del male. Vi è una sola differenza con l'Italia di oggi. Questi due galantuomini hanno conosciuto il delitto, ma non conosceranno mai il castigo umano. Confido in quello divino.

Ritratto di laky

laky

Mar, 08/03/2016 - 10:12

Incredibile, papà Foffo ha già una sua strategia di difesa per il suo "bravo" ragazzo: nessuna pietà per il morto ma comprensione per gli "animali" dediti alla droga che, visto che sballa il cervello, permette di perdonare e comunque capire quei comportamenti che definire "animali" è offendere il modo animale!

Ritratto di BenKenobi

BenKenobi

Mar, 08/03/2016 - 10:23

Appena i sinistri al governo illegittimo, metteranno a punto la legge sulla liberalizzazione delle droghe (qualsiasi esse siano), riproporrò questo articolo.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 08/03/2016 - 10:26

Quando in una famiglia, NON C`È alcun insegnameto e il rispetto viene a mancare, La colpa non è altro che di questo INFAME GOVERNO CHE OBBLIGA PADRE E MADRE A LAVORARE, CHE ASSECONDA IL DIVORZIO E FÀ DELLA """FAMIGLIA""", UN INSIEME DI GAY E LESBICHE CHE PER EGOISMO LASCIANO I LORO FIGLI NEGLI STRAVIZZI SENZA DARE ALCUN INSEGNAMENTO DI CIÒ CHE SI CHIAMA """I VALORI DELLA VITA"""!!! I genitori sono soccombi di leggi di cui Monti ne è il promotore, tasse su tasse e ancora tasse per assecondare, l`INCIVILTÀ DELLA CASTA E DELL`EGOISMO DEL RICCO!!!

unosolo

Mar, 08/03/2016 - 10:28

la colpa è dei genitori che regalano appartamenti , soldi , carte di credito affinche i figlioli escano dalla loro casa e vivano indipendentemente , creando un vizio che i figlioli non avendo nulla da fare cercano di passare il tempo con mille passatempi , se i genitori non li viziavano forse oggi quei ragazzi erano in un posto di lavoro per guadagnarsi i sostentamenti e tanti vizi come la droga non l'avrebbero provata , il lavoro ci vuole non genitori ricchi.,

unosolo

Mar, 08/03/2016 - 10:31

solo con il lavoro si riesce a fermare questo spreco di cervelli , i genitori che mantengono e viziano i figli sbagliano , se vogliono indipendenza prima si trovino un lavoro stabile o precario ma ci vuole il lavoro poi se mai un piccolo aiuto ma non il totale mantenimento con una carta senza limite di spesa .,

nopolcorrect

Mar, 08/03/2016 - 10:35

Per favore se non vogliamo la pena di morte introduciamo nel nostro ordinamento i lavori forzati a vita o almeno l'ergastolo quello serio,a vita, data di uscita "mai" che c'era una volta.

marygio

Mar, 08/03/2016 - 10:39

queste due merde tra perizie psichiatriche riti abbreviati in pochi anni sono liberi e troveranno pure una deficiente come loro che se li sposa.

buri

Mar, 08/03/2016 - 10:40

che razza di delinquenti la nosra società ha cresciuto col pretesto della tolleranza, ma soprattutto con l'assenza di regole, per rimediare dovrremmo tornare ai sistemi educativi dall'inizio dello scorso secolo

IVANKA

Mar, 08/03/2016 - 10:52

Questi hanno bisogno di fare la stessa fine, letteralmente.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 08/03/2016 - 10:58

Qua sarebbe auspicabile una "giustizia" tipo cinese o iraniana.

linoalo1

Mar, 08/03/2016 - 11:29

Questo è un tipico caso di Pena Di Morte senza tema di errore!!!Più che Morte,io li condannerei all'Ergastolo con Tortura Dolorosa Giornaliera,fino alla Morte!!!!

Miraldo

Mar, 08/03/2016 - 11:36

Diciamo roba da froci............ ora capisco perché c'à tante ragazze disponibili..........

Boxster65

Mar, 08/03/2016 - 11:47

Lasciateli a Don Mazzi che ce li redime lui....

Ritratto di marapontello

marapontello

Mar, 08/03/2016 - 11:53

Troppi film, troppe serie TV stile CSI, che ci abituano alla violenza e all efferatezza. La gente poi ha deliri di onnipotenza

Tommaso123

Mar, 08/03/2016 - 11:59

Alcol e cocaina sono i diavoli per chi ne vuole abusare senza limiti, bere con una misura aiuta a rilassarsi, ma se si superano i limiti , esso diventa un diavolo che ti conduce alle cazzate.

Pinozzo

Mar, 08/03/2016 - 12:00

Per i soliti bigotti: cosa c'entra dio? Nel medioevo l'Inquisizione credeva in dio eppure commetteva crimini ben piu' bestiali, con torture e roghi all'ordine del giorno. Questi banalmente sono due bestie prive di alcun valore morale e la cocaina e l'alcool sono conseguenze, non cause. PS la cocaina non fa gli stessi effetti della marijuana, che assopisce e rende mansueti e che andrebbe legalizzata illico et immediate.

Noidi

Mar, 08/03/2016 - 12:00

@BenKenobi: e perchè vorrebbe riproporre l'articolo??? Per confermare la Sua suprema ignoranza in materia?? Non serve, lo ha già dimostrato.

Il giusto

Mar, 08/03/2016 - 12:04

Azo...se volessimo dare una connotazione politica a questi fatti vista l'età direi"figli del ventennio berlusconiano"!Non è un problema politico come non è un problema di droghe altrimenti con tutti i tossici in giro avremmo centinaia di cosi del genere ogni giorno!Il problema è che le mele marce ci sono sempre!Potrebbero essere figli di chiunque di noi... Con una "dx" del genere Renzi vincerà facile ovunque!Un vecchio pregiudicato,una futura mamma e un fancazzista incapace...sembra una barzelletta...

pasquinomaicontento

Mar, 08/03/2016 - 12:05

Gnente pietas.nemmeno per il morto,sapeva quello che faceva,aveva chiesto-Quanto?-120 la risposta.Chissà quante volte l'avrà fatto,forse alternandosi ai suoi aguzzini,nell'impalarsi,che schifo,che ribrezzo,apri un giornale e se parla de'sta gente nata male, nata storta,e non c'è nessuna medicina che li possa guarì...detto fra noi,ma ar gobbo je puoi addrizzà la gobba? No. Fosse pe' me, in galera ce sbatterei pure li padri de 'ste due bestie,tutti insieme appassionatamente come nel film a mozzicasse i gomiti.Dicheno che le colpe dei padri ricadono sui figli,bene mettiamola al contrario, le colpe dei figli facciamole ricadere sui padri e come assaggio,un par de mesi sul letto de contenzione mani e piedi legati,con un buco al centro per i bisogni corporali.

Prepuzio

Mar, 08/03/2016 - 12:08

Ma volete smettere di definire un uomo di 30 anni ragazzo? Ma che razza di sociètà infantile è quella che definisce un trentenne ragazzo?

matteo844

Mar, 08/03/2016 - 12:22

Vorrei ribadire gli insegnamenti di mio padre che come deterrente alla droga e allo spaccio sosteneva fosse utile il lavoro nei campi o in miniera. Mia madre ci diceva invece,pregate che la preghiera allontana i cattivi pensieri. Oggi giorno a trenta anni compiuti ancora lo faccio, prego quando mi prendono i cinque minuti. E non sono uno bigotto come si potrebbe pensare,tutt'altro. Provate a farlo funziona veramente.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Mar, 08/03/2016 - 12:37

La società dei sodomiti, dei lgbt, di quanto più schifoso possa esserci al mondo. Eccoli qua. Poi fanno i mammi. Io li prenderei a frustate tutti i giorni

Pinozzo

Mar, 08/03/2016 - 12:40

marapontello, 40 anni fa non c'erano CSI o tutta quella violenza in tv eppure ci fu il massacro del circeo. Molto piu' banalmente, esiste gente cattiva.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 08/03/2016 - 12:50

@AZO und IL GIUSTO. Vediamo di non dire stupidaggini. I fatti del Circeo sono del 1975, e famiglie con i genitori entrambi occupati son sempre esistite. Dice bene PREPUZIO 12.08, la nostra è una società infantile, stupidamente buonista, senza attributi. E le radici di tutto questo sono lontane nel tempo. Serve un diluvio universale per ripulire?

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 08/03/2016 - 13:01

...non c'entra la religione---nè l'uso di alcool e droghe--neppure la sessualità-tanto meno la politica -la parola chiave in questo caso è _EMPATIA- ossia la totale incapacità in alcune persone di considerare gli altri come degli esseri umani- mettendoli sullo stesso piano di oggetti che si usano e si buttano--il caso degli amanti diabolici che sfregiavano con l'acido ne è un ulteriore esempio--da 30 anni biologi--psicologi-psichiatri e neurofisiologi si interrogano sulla causa di assenza di empatia--l'ipotesi prevalente non sarebbe biologica o biochimica ma pittosto risiederebbe nella vita sociale dei primi anni di vita di ciascuno di noi--ed è qui che le famiglie o le persone che si dedicano alla educazione ed affetto dei bambini fino all' adolescenza giocano un ruolo determinante---prosit

gesmund@

Mar, 08/03/2016 - 13:04

Mi vengono i brividi: ptrei essere io l'assassino e potrei essere io la vittima. Ma in che razza di inferno siamo? Che razza di demoni siamo?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 08/03/2016 - 13:41

Beppe58,10:03: ma non dire assurdità... sta a vedere che qualunque persona atea o agnostica è un potenziale criminale!

Angiolo5924

Mar, 08/03/2016 - 14:18

Questo ormai è un paese fuori controllo. Tutti i giorni si rinnova un bollettino che più mortuario non potrebbe essere. Gente fuori di testa, che ammazza per divertimento, scioglie facce con l'acido, elimina senza alcuno scrupolo chi la contrasta, la lascia o semplicemente si rende antipatico. Spesso si tratta di persone anziane, ancora più spesso di giovani. I cosiddetti ragazzi. Un tempo (il mio) ragazzi si era fino a massimo 14 anni. Ora anche a 35 o 40 anni sono "ragazzi". Forse per farli compatire e poter ridurre loro le pene. Perché, si sa, i ragazzi fanno le marachelle e vanno perdonati o tutt'al più scappellottati. In omaggio al più deteriore "che nessuno tocchi Caino". Col che s'intende che Abele la deve smettere di rompere le scatole. Altrimenti è colpa sua. Questi hanno ammazzato un disgraziato per "provare l'effetto che fa"? Io gli farei provare, subito non fra vent'anni e dieci processi in tutti i gradi di appello, l'effetto che fa "essere ammazzati".

Ritratto di Rames

Rames

Mar, 08/03/2016 - 16:36

Fateli a pezzi e gettateli nella spazzatura.

salvatore40

Mar, 08/03/2016 - 18:43

Ci siamo trasformati in animali ! Che dire? Che la nostra civiltà rischia di perdersi " nella selva oscura ", " ove il sol non luce "( sospesom,per ora, il riferimento anatomico " ! Dante quelli animali tosto allo INFERNO spedirebbe .Lasciando a noi tutti però un monito e una riflessione : " Fatti non foste a viver COME BRUTI..."!

Sabino GALLO

Gio, 10/03/2016 - 11:01

Ma di denaro per comprare la droga ne avevano i due ragazzini. In alcuni paesi, non sono colpevoli solo gli spacciatori di droga, ma anche coloro che la consumano! Ed è una cosa logica, perché la droga può portare a commettere dei delitti gravi! Senza sapere se la stessa assunzione di droga sia già fuorilegge nel nostro paese, sembra opportuno ritenere che il solo consumo di essa sia da condannare severamente. Nell'interesse stesso di coloro che la consumano! D'altra parte lo spaccio di droga è alimentato anche dagli stessi che la consumano. Le due cose convergono!