Il contatore elettrico della scuola? Un distributore di hashish

Il contatore elettrico di una scuola elementare è stato usato come “distributore” di dosi di hashish. Arrestato dai carabinieri un pusher marocchino di 29 anni

Il contatore elettrico di una scuola elementare è stato usato come “distributore” di dosi di hashish. Arrestato dai carabinieri del Gruppo di Ostia (Roma) un pusher marocchino di 29 anni. L’uomo, già sottoposto all’obbligo della presentazione alla P.G. con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, si trovava in Italia senza fissa dimora.

Il 29enne non era riuscito a non far notare la sua presenza vicino alla scuola elementare “Fratelli Garrone” di Ostia. I militari sono stati insospettiti nel vederlo nei pressi dell’istituto scolastico e hanno quindi cominciato a tenerlo d’occhio.

Dopo qualche ora è cominciato un sospetto avanti e indietro di giovani, che restavano soltanto per pochi minuti in compagnia dell’uomo, prima di andare via. È scattato dunque un controllo da parte dei militari.

Il pusher, per non farsi trovare in possesso della droga, aveva pensato di sistemarla in una cabina elettrica poco distante, di pertinenza della scuola elementare. La cabina elettrica in questione è stata in sostanza utilizzata come una sorta di distributore di dosi, che venivano prelevate a seconda della richiesta dei clienti.

Decine di grammi di hashish sono state sequestrate dai carabinieri, insieme a 200 euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio.

In attesa dell’udienza di convalida, il 29enne è stato portato in caserma e trattenuto nelle camere di sicurezza.

Commenti

Divoll

Dom, 22/07/2018 - 00:24

A quando l'espulsione? In Marocco non ci sono guerre e non e' neanche un paese molto povero.