Padova, corriere droga nigeriana fermata con 5 kg di droga su autobus

La donna, apparsa fin da subito particolarmente agitata, trasportava un quantitativo di marijuana che avrebbe potuto fruttare oltre 50mila euro una volta immesso nel mercato al dettaglio

Cinque chili di droga nascosti nella valigia, corriere della droga nigeriana fermata a Padova grazie al fiuto dei cani antidroga.

Il viaggio in autobus low cost permane una delle modalità preferite dai narcotrafficanti per il trasferimento di ingenti quantitativi di stupefacenti. Ad essere utilizzati sono spesso e volentieri clandestini, e con sempre maggiore frequenza donne, nonostante che lo stratagemma sia ormai stato più e più volte smascherato dalle forze dell’ordine.

Non ha fatto eccezione neppure l’ultimo episodio registrato lo scorso venerdì, che ha visto protagonista una nigeriana, passeggera di un mezzo Flixbus impegnato lungo la tratta Roma-Trieste.

Il blitz da parte delle fiamme gialle è potuto scattare a Padova in piazzale Boschetti, dove era prevista una sosta del mezzo a quattro ruote. Troppo circospetto e guardingo l’atteggiamento della donna, che si è immediatamente agitata alla vista dell’unità cinofila della guardia di finanza.

Il suo bagaglio è risultato particolarmente interessante per i cani antidroga, che hanno pertanto permesso ai militari di procedere alla perquisizione. Avvolti in numerosi strati di cellophane, completamente inefficaci ad eludere il fiuto sopraffino degli animali a disposizione delle fiamme gialle, 5 voluminosi pacchi contenenti della marijuana. In totale oltre 5 chilogrammi di stupefacente che, una volta immesso nel commercio al dettaglio, avrebbe potuto fruttare un guadagno superiore ai 50mila euro.

Colta in flagranza di reato, la straniera, a cui sono stati sequestrati anche dei cellulari e 500 euro in contanti, è stata arrestata e trasportata al comando di Verona. Dopo le consuete operazioni di identificazione, la nigeriana è stata trasferita dietro le sbarre del carcere della città scaligera.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mer, 20/03/2019 - 15:43

servono per pagare le nostre pensioni. vero sboldrina??