Zone off limits per gli italiani: a Padova ora la gente ha paura

Siamo andati nei quartieri malfamati di Padova. Dove scorrono fiumi di droga. E da luglio scorso sono state 38 le spaccate che hanno colpito la Città del Santo. Danni ai negozi, commercianti terrorizzati, cittadini furiosi e studenti impauriti.

24 ottobre scorso: il sindaco di Padova, Sergio Giordani, comunica nella propria pagina Facebook che “sono state posizionate a partire dai due quartieri popolari le prime telecamere di un lotto che a breve triplicherà gli impianti di video sorveglianza in città. I punti di osservazione – fa sapere Giordani – da 200 passeranno a 600, attivi in tutte le zone di Padova e collegati con le centrali operative delle forze dell’ordine. E’ un investimento da 2 milioni e 500 mila euro. Sulla sicurezza dei cittadini facciamo parlare i fatti concreti”. Già i fatti concreti.

E i fatti concreti sono questi: le spaccate a Padova in soli tre mesi sono state 38. Trentotto a cui si aggiungono le ultime due di queste ultime ore: l’ultima è avvenuta nel locale Gino’s di via Sorio a pochi passi dall’aeroporto. Qui nella notte tra sabato e domenica i ladri si sono introdotti con un piede di porco, hanno abbattuto una porta e rubato 400 euro di incassi e pure alcune bottiglie di vino. In meno di una settimana per il bar - ristorante è il secondo furto. Inoltre hanno fatto irruzione anche al salone e Parrucchiera Diana di via Vecellio. Il copione? Sempre lo stesso: vetrina sfondata, rubato il fondo cassa e razziati circa 1000 euro in prodotti per creme.

E la rassegna stampa locale che parte dal 2 luglio fa paura. In più come se non bastasse domenica pomeriggio un nordafricano è stato accoltellato alla gola in zona Galleria San Carlo. Il sindaco Sergio Giordani di centro sinistra, in campagna elettorale, aveva detto che potevano tutti stare tranquilli, perché pensava lui alla sicurezza. Ma a distanza di qualche anno Padova è ripiombata nella paura. “Padova è diventata città della paura – dice la capogruppo di Forza Italia, Eleonora Mosco, – la paura e l’inquietudine sono il collante dei sentimenti dei padovani, 38 spaccate in soli due mesi e mezzo, hanno distrutto decine e decine di negozi e di attività commerciali, seminando il terrore tra i commercianti. È diventata la capitale dello spaccio con zone che sono off limits non più e non solo di notte, ma anche di giorno”.

Una città universitaria che vanta l’università più antica dopo Bologna. Ma che anche alla luce del sole, lascia qualche remora. E infatti, appena si arriva a Padova , davanti il gigantesco stabile di Padova Fiere, dove ogni mese vengono ospitate anche manifestazioni di rilevanza internazionale - poche settimane fa la mostra delle Auto e Moto d’Epoca - ecco qui davanti, sta un rudere abbandonato, l’ex casa dei diritti Don Gallo, che fino a poco tempo fa ospitava i richiedenti asilo. Ora dei richiedenti nemmeno l’ombra. Di erba alta e incolta invece sì.

Ma basta girare anche in pieno pomeriggio, verso l’ora di pranzo, in quel quadrilatero dove si concentra la maggior parte della malavita padovana. Nella zona della stazione, dove dietro sta il quartiere Arcella, e davanti sta l'ingresso della via principale che conduce al centro storico, qui ci sta un concentrato di immigrati clandestini e irregolari che sostano sopra un lampione o fanno da sentinelle per la prossima vendita di eroina. E li vedi, infatti, stanno in piedi, fanno da palo. Guardano. Osservano. Scrutano. Tra via Cairoli e Nino Bixio poi a volte passare diventa impossibile. Gli immigrati si sono presi le strade, i negozi e pure gli attimi di libertà della gente del luogo. L’unico italiano rimasto in quell’agglomerato, ci dicono fonti ufficiali, ogni mattina deve scavalcare il “piscio e il vomito” di quattro tossici che hanno passato la notte sotto casa.

Poi proseguendo il viaggio arriviamo al cavalcavia Borgomagno. Anche qui un covo di spacciatori. E poi arriviamo ai senza tetto. A quelli che dormono in via Gramsci e rimangono lì, sotto gli occhi noncuranti di tutti. Qui accanto ci sta una struttura dove dentro si vedono: un divano, sporcizia, rifiuti, bottiglie di birra, lattine, cicche per terra, qualche batteria scarica, indumenti vestiti e sacchetti. I senza tetto si ricavano giacigli per dormire, anche sui ponti delle strade che di giorno gli automobilisti percorrono per andare a lavorare. Come quel giaciglio che abbiamo ripreso sul cavalcavia Sarpi Dalmazia. Qui qualcuno ha issato alcuni sacchetti, tende di nylon e ha costruito un letto improvvisato per dormire. Oppure bivaccano accanto ai quartieri universitari. Lungo il Piovego, accanto alla zona dei più grandi colossi finanziari, stanno ragazzi tutti di colore. Clandestini, bivaccano mangiano ascoltano musica e se si passa verso sera si può anche sentire un "gradevole" profumo di cannabis. Poi arriva la polizia, sgombera l’area, ma passano 24 ore e loro tornano lì. Come restano lì anche quelli che ogni sera percorrono il quartiere verso l’ Arcella. Un intero quartiere in mano agli immigrati.

Ora, dopo le spaccate, i commercianti hanno paura. I baristi vogliono l’esercito. Le opposizioni scalpitano. E gli studenti protestano. Su Insulted Unipd – Università di Padova, una pagina dove gli studenti "denunciano" quello che non va, il 16 ottobre scorso scrivevano sulla bacheca ufficiale: “Insulto il degrado di questa città di m….. Non è possibile uscire alle 19.30 dall’Uni per andare verso la stazione e trovare a scelta: 3 extracomunitari che cercano di scassinare un auto dietro i dipartimenti (ho cambiato strada quando hanno iniziato a venirmi incontro); soliti drogati seduti sui gradini della Marzolo occupata che ti guardano storto mentre ascoltano la loro musica di m. dagli speaker del cellulare; baby gang in bici che ti sputano addosso; tossici, questa volta in stazione, che ti chiedono soldi per il biglietto; tossici che ti rapinano a 200 metri dalla stazione.

Non è possibile – continua il post – che in una città studentesca non ci sia nessuna strada sicura (alla sera) dagli istituti alla stazione. Qualsiasi percorso prima o poi passa in qualche strada poco illuminata sempre piena di gente… (…) intere aree della città sembrano l’ambasciata dell’Africa”. Perché le zone colpite sono anche quelle universitarie, frequentate da studenti. La Tecnica Service, la copisteria di via Paolotti, una di quelle più conosciute, dal 2001 ha subito ben 18 colpi. E non sa più che fare. La zona durante il giorno è gremita di studenti ma di sera e di notte si svuota.

Poi ci sono i bar, i commercianti stanchi. "Così non si può più andare avanti - aveva detto ad agosto scorso il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin - non è possibile che ogni mattina ci si chieda dove è avvenuta la spaccata notturna". Colpito quest'estate anche lo storico Caffè Pedrocchi. Il primo assalto in 187 anni di storia.

Giordani per provare a ovviare al problema delle spaccate, oltre alle telecamere, aveva messo a punto uno stanziamento di 200 mila euro, lanciando l'operazione "Negozi sicuri". Si tratta di fondi disponibili per commercianti, titolari di pubblici esercizi e artigiani, per l'acquisto e l'installazione di videoallarmi antirapina, telecamere, sistemi anti intrusione e tutti quei dispositivi di difesa. Il questore aveva annunciato anche poliziotti di notte, da dire che solo 126 negozi su 3460 pubblici esercizi hanno collegato l'impianto di allarme con la centrale operativa della Questura.

Per le spaccate i carabinieri a metà ottobre scorso avevano arrestato tre persone: un senegalese che abbatteva le vetrine a spallate; il tunisino Amor Ben Lazhar Torch, 39 enne irregolare, un pluripregiudicato mai espulso e un padovano di 51 anni: Luca Smania che vanta una serie di precedenti che vanno dalla ricettazione allo spaccio. L'avevano arrestato mentre studiava un nuovo colpo, ma è stato incastrato dalle impronte. Ora, nonostante questo, le spaccate sono continuate e con gli ultimi fatti dello scorso week end, per gli abitanti di Padova è tornato l'incubo.

Commenti
Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 07/11/2018 - 08:05

Votate gente ..... votate!!!! date anche l' 8X1000 ai grassoni pedofili ... e questo è il risultato. IN UN PAESE CIVILE QUESTI TRADITORI SAREBBERO PENDAGLI DA FORCA.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 07/11/2018 - 08:23

padova aveva un sindaco sceriffo leghista.non l'hanno piu' votato,preferendo un sindaco della sx ...piu' blando...piu' buono...piu' concilliante.ok.....al tempo la zona FS era presidiata...come pure l'arcella,zona a forte degrado,visti chi la abita.ora è un far west

oracolodidelfo

Mer, 07/11/2018 - 08:41

Padovani, avete mica eletto il sig. Giordani di centro sinistra? Giordani, le telecamere riprendono i reati ma non li sventano! Anzichè favorire la lobby delle telecamere, favorisci l'assunzione di vigili e falli girare, muniti di taser, giorno e notte. Sindacotto di centrosinistra....

Willer09

Mer, 07/11/2018 - 09:16

date alle Forze dell'Ordine il permesso di sparare, non lo spettro del castigo!

jenab

Mer, 07/11/2018 - 09:18

il buonismo ha distrutto la città!!!

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 07/11/2018 - 09:27

chi è causa del suo male...vero padovani???

ginobernard

Mer, 07/11/2018 - 09:38

la gente può sempre scegliere ... ha scelto il cattocomunismo ed allora si tenga la tolleranza verso i criminali. Secondo me è un atteggiamento piuttosto autolesionista ... che porta al martirio ... vero che poi c'è il paradiso assicurato ma insomma

Ritratto di mailaico

mailaico

Mer, 07/11/2018 - 10:11

l'avete voluta voi questa situazione: diritti alle donne e agli immigrati. Ora ve li tenete!

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 07/11/2018 - 10:16

e noi per riportare al loro paese questa immondizia, usata e buttata via, dalla sinistra italiana dopo essersi arricchita alle loro spalle ,ci vuole il consenso dei paesi d'origine? ricordate i famigerati "indesiderabili" che gli usa negli anni 50/60 ci impacchettava e ci spediva in italia nel giro di poche ore, dopo la condanna(vera o presunta dei loro tribunali). certo i nostri politici di sinistra sono buoni con chi ha bisogno di soldi, specialmente dei loro c/c personale e quelli dei loro partiti e partitini.

frapito

Mer, 07/11/2018 - 10:27

Quando leggo di questi eventi, ormai a cadenza quasi giornaliera in varie parti dell'Italia, non posso fare a meno di pensare alla grande migrazione europea che ha invaso il continente americano. Praticamente il popolo americano ha origine da un miscuglio multietnico migratorio. Di conseguenza non posso non pensare ai VERI AMERICANI autoctoni, cioè al POPOLO PELLIROSSA, massacrati e ridotti, "democraticamente" ghettizzati, nelle riserve. Mi domando "E' questo il futuro del VERO popolo Italiano?". Penso proprio di si! Grazie ai progressisti!!!!!

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Mer, 07/11/2018 - 11:24

Mi dà fastidio leggere queste notizie... ma chi hanno votato i padovani? Bisogna sparare e sparare,solo cosi'si potrà sopravvivere a queste orde di clandestini voluti dalla SINISTRA più BECERA. BASTARDI

Ritratto di Ardente

Ardente

Mer, 07/11/2018 - 11:28

questa è la realtà da incubo che ci viene consegnata da chi vuole la societa' multihorror. Sembra un film di fantapolitica dove la societa' futura e' in mano a sti barbari del 3 mondo io prenderei i buonisti e li porterei insieme alle ''risorse'' nei paesi nativi cosi' si ciucciano a vicenda

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 07/11/2018 - 11:28

Ma questi votano a sinistra da una vita, ma che vogliono? Questo è il risultato delle politiche dei loro eroi pd che hanno votato.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 07/11/2018 - 11:38

La Padova dei tempi dell'università, quella bella e tranquilla città veneta che tanto mi piacque ebbene, leggendo le cronache mi lascia dentro tanta malinconia. Ai miei tempi, da universitari, facevamo qualche volta scioperi, ce le suonavamo di santa con i sinistri fuori dagli istituti e siccome avevo sulle spalle 6 anni di taekwondo, non le ho quasi mai prese.. Però fatti come quelli odierni neanche l'ombra.

Scirocco

Mer, 07/11/2018 - 11:46

Vi è piaciuto il sindaco di sinistra? Tenetevelo e tenetevi pure gli africani spacciatori. Alle prossime elezioni i padovani voteranno meglio.

oracolodidelfo

Mer, 07/11/2018 - 11:46

frapito 10,27 - nessuno è più retrogrado dei "progressisti"....

Una-mattina-mi-...

Mer, 07/11/2018 - 11:50

STIAMO DIVENTANDO UN CESSO, DOVE LA CATENA NON SERVE PER AVVIARE LO SCIACQUONE, MA PER INCATENARE IL POPOLO CHE SOPPORTA, FINCHE' DURA...

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 07/11/2018 - 11:50

Abbiamo un esercito. Rastrelliamo.

Ritratto di saggezza

saggezza

Mer, 07/11/2018 - 11:59

Cari Padovani ve ne state accorgendo solo ora? Credo che sia troppo tardi. Meglio chiedere l'intervento di Sant'Antonio.

tuttogas

Mer, 07/11/2018 - 12:03

ma lo avete visto bene in faccia giordani?ma lo avete mai sentito parlare in tv? bravi sinistri padovani lo avete voluto e votato? purtroppo non si può dire ben vi sta tenetevelo...purtoppo i problemi della totale insicurezza e della presenza di bande di criminali tollerate dai buonisti cadono a discapito di tutti i cittadini residenti o di passaggio, studenti,pazienti dei vari ospedali,turisti e via dicendo....a quando una vera ruspata e una vera pulizia di tutto questo lerciume tollerato e oserei dire voluto dai cattocomunisti buonisti?

strade-italiane

Mer, 07/11/2018 - 12:41

E MENTRE FAZIO INTERVISTA CAMILLERI CHE QUASI CIECO NON VEDE LO SCEMPIO DELLE NOSTRE CITTA'.... IMPLICITAMENTE INVITA A CONTINUARE CON L'INVASIONE. SULLA RAI SE FAI ZAPPING VEDI SOLO INVITI A SOCCOMBERE...

Ritratto di hurricane

hurricane

Mer, 07/11/2018 - 12:42

E' il risultato di anni di "accoglienza" da parte delle giunte cattokomuniste ai danni degli italiani.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 07/11/2018 - 12:56

In confronto ad Harlem e il Bronks Padova è un'isola felice. Il peggio deve ancora arrivare. Auguri.

frapito

Mer, 07/11/2018 - 13:15

@oracolodidelfo 11.46- "progressisti"= Distruttori del sacro antico per sostituirlo con il marciume moderno.

akamai66

Mer, 07/11/2018 - 13:27

Se le istituzioni si girano dall'altra parte vale il fai da te, autotassatevi, arruolate mercenari dal pugno proibito e giù cazzotti come se piovesse,è l'unica campana che ascoltano.

jaguar

Mer, 07/11/2018 - 13:27

I padovani hanno scelto il centro sinistra, quindi va bene così.

rokbat

Mer, 07/11/2018 - 13:52

E FI esce dall'Aula !

luna serra

Mer, 07/11/2018 - 14:01

cosa pensano i buonisti del PD

Libertà75

Mer, 07/11/2018 - 14:22

ma non è razzismo promuovere politiche che vanno in danno ad una società esistente?

lettore316

Mer, 07/11/2018 - 14:22

Vedo che molti incolpano il nuovo sindaco per fatti che proabilmente sono decennali, ma nesuno rileva che il presidente del veneto è il leghista Zaia. Una svista certo; e per in ciso io ho votato Salvini.

gbgiangi

Mer, 07/11/2018 - 16:17

Padovani avete votato??? avevate il miglior sindaco e........ questo è il risultato, migliaia di risorse .

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 07/11/2018 - 16:53

E ci sono ancora comunisti che non contenti ne vorrebbero altri ancora a delinquere, tra spacciatori, clandestini, abusivi, assalitori, stupratori e assassini. E vogliono più denari per i loro difesi e assoluta immunità. La sicurezza? Non sanno neppure cosa sia.

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Mer, 07/11/2018 - 18:15

I subumani del terzo mondo,sono le armi fisiche della sinistra per combattere....Cosi i rammoliti proghesisti non si sporcano le mani;Sta succedendo in tutto il mondo occidentale.(guardate elezioni di ieri americane)

Ritratto di cape code

cape code

Mer, 07/11/2018 - 18:29

Dopo aver fatto invadere l'Italia da questi babbuini, i piddioti se ne sono sbattuti e questo e' il risultato.

Reip

Mer, 07/11/2018 - 18:35

Ma perche’ secondo Voi nelle altre citta’ non ci sono zone off limits? Comunque... Fintanto che gli italioti non protesta e non scendono in piazza non cambiera’ nulla!

caren

Mer, 07/11/2018 - 18:43

Mi fa incazzare sapere che l'Italia è nelle mani di quattro delinquenti che stanno diventando anche padroni di tutto. E sono in molti a non voler far passare il DL Sicurezza di Salvini.

carpa1

Mer, 07/11/2018 - 18:47

I fatti concreti di cui si parla dovrebbero, per essere credibili, essere quelli in cui si spaccano le facce di quelli beccati a delinquere. Altrimenti il "bronx" non ve lo leva nessuno.

GiovannixGiornale

Mer, 07/11/2018 - 19:03

Meglio la fogna ad uno sporco leghista come Bitonci, vero Padovani? Adesso ci siete fino al collo, gotevela tutta ...

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 07/11/2018 - 19:22

Io dico che circolare la sera in quei quartieri violenti con un bel fucile a pompa ed una bella 38 dpecial al fianco, si puo' tranquillamente fare. Ti aggrediscono? E tu gli spari in bocca, tanto semplice. E pubblicate, non fatevela sotto.

paolinopierino

Mer, 07/11/2018 - 20:13

Avete votato per un sindaco di CSX rosso di vergogna ?' Ben vista Ribellatevi e scacciate dalla vostra città questa feccia colorata che di umano non ha nulla.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 07/11/2018 - 22:34

Pretendono di pulire un letamaio cospargendolo di deodorante.

killkoms

Mer, 07/11/2018 - 23:07

a furia di accogliere..!

GPTalamo

Gio, 08/11/2018 - 00:10

Giano, ti riferisci a 50 anni fa. Il Bronx e Harlem sono diventati oggigiorno quartieri super-residenziali, e il crimine che si vedeva 50 anni fa e' sparito (o quasi). La polizia di New York e' tremenda, e in genere c'e' ordine, ti assicuro che Padova e' molto peggiore.

al59ma63

Gio, 08/11/2018 - 01:16

L' hanno votato? SE LO TENGANO ORA!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 08/11/2018 - 09:03

dalla stanga alla zona ind.le se avete intenzione di girarla di notte,meglio munirvi un una vettura blindata!! il bronx,quelle degli USa,di tanti film,forse è piu' sicuro

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 08/11/2018 - 17:44

@GPTalamo: hai ragione, non sono più i quartieri malfamati di una volta: grazie al sindaco italiano ed alla tolleranza zero.