I nuovi schiavi sono i prof

E ccoli, i nuovi schiavi, sono i professori pagati un euro per esame ai candidati professori. Per di più un euro lordo. Se invece si fa parte di una sottocommissione, il compenso è dimezzato. C'è più rispetto per i raccoglitori di pomodori che per i professori. Questo capita ai commissari impegnati nel concorso per le immissioni in ruolo degli insegnanti, così come prevede il bando di concorso chiuso a febbraio del 2016 e che non è ancora concluso. Perché umiliare il docente con quell'euro, proprio per lo svolgimento di un'attività tanto delicata? Probabilmente al ministero neppure si sono posti la questione. Quell'euro significa che, al di là di tanti discorsi retorici, la scuola pubblica in Italia vale un euro lordo. D'altra parte è inutile fare tanti giri di parole. Abbiamo tre ministri della Repubblica che neppure sono laureati, quello della Giustizia, della Sanità e dell'Istruzione. Chi ricopre quest'ultimo incarico ha perfino truccato le carte sulla sua formazione affermando il falso. Grande Paese! Soprattutto meravigliosa la «buona scuola» voluta da Renzi.

Ovvio che si può vivere benissimo senza laurea, ma un ministro deve rappresentare l'eccellenza culturale di una Nazione, non è un passacarte qualunque. Se non c'è rispetto per il valore dello studio da parte delle istituzioni più alte, che rispetto ci può essere per un professore? Appunto, un euro lordo. Poi naturalmente ci si lava la coscienza da questa vergogna organizzando ogni giorno che Dio comanda un convegno sull'Italia Paese della cultura. Si incominci, invece, a garantire dignità a chi insegna nella scuola ai nostri giovani, si comprenda che quella dignità deve essere garantita da uno stipendio che consenta di vivere con decoro, si cerchi anche di capire che, in una società di mercato come la nostra, un lavoro che non viene pagato come si deve è un lavoro che non viene tenuto in alcuna considerazione.

Eppure si pretende dalla scuola come è giusto che sia importanti prestazioni per garantire educazione e formazione ai nostri figli. Così si arriva al grottesco: i genitori che contestano gli insegnanti per non aver capito il proprio figliolo che si è beccato un brutto voto. Poiché l'insegnante è socialmente considerato un poveraccio, ecco che monta in cattedra il genitore che spiega al docente quello che deve fare.

Non c'è uno stipendio onorevole, si abbassa inevitabilmente la qualità della docenza, perché ormai, eccetto rari casi emozionanti, chi intende fare l'insegnante non ha trovato, purtroppo per lui, niente di meglio da fare. Si è proletarizzata la figura dell'insegnante: un euro lordo deve andargli più che bene, perché, comunque, è quanto il ministero ha deciso che vale.

Commenti

chebarba

Mar, 14/03/2017 - 16:46

questo discorso vale per tutto il comparto pubblico, poichè il denaro è distolto dai lavoratori e dai servizi per arricchire consulenti, dirigenti, assunti a vario titolo tranne il concorso, sanati e sanotorie, amici dei sindacati, politi a vvari livelli ....