Pakistan, in salvo l’alpinista piemontese rimasto ferito

A dare l’annuncio sulla sua pagina Facebook è stato il compagno di cordata Cala Cimenti. L’elicottero partito poco prima delle 3 ha raggiunto Francesco Cassardo portandolo in salvo

È finalmente terminata la brutta avventura in Pakistan di Francesco Cassardo, l’alpinista piemontese rimasto ferito durante una spedizione. Cassardo, medico di professione, stava scendendo il Gasherbrum VII quando è caduto per circa 500 metri. L’alpinista era rimasto bloccato sulla montagna, a circa 6,300 metri di altezza, in attesa dei soccorsi. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/alpinista-italiano-ferito-e-bloccato-su-montagna-pakistan-1729835.html Con lui il compagno di cordata, Cala Cimenti, che è riuscito a raggiungerlo e ad allertare i soccorsi. E’ stato proprio quest’ultimo a dare continui aggiornamenti sulle loro condizioni fisiche e sullo sviluppo della situazione. Sempre Cimenti ha dato la notizia sulla sua pagina Facebook dell’avvenuto salvataggio dell’amico.

Nel post Cimenti ha così scritto “Francesco è sull'elicottero verso Skardu. Cala scende a piedi. Grazie mille a tutti, grazie di cuore”. Un sospiro di sollievo per molti che hanno atteso questo momento e che speravano di leggere queste parole. I due alpinisti erano stati raggiunti da altri due scalatori che avevano aiutato I colleghi a scendere un po’ verso valle, improvvisando una specie di slitta per riuscire a trasportare il ferito. Cassardo è stato poi raggiunto dall’elicottero, mentre gli altri tre colleghi scenderanno a piedi.

Uno dei soccorritori, il russo Denis Urubko, avrebbe detto “Don, Janusz e Jaroslaw hanno fatto un miracolo”, riferendosi ai tre colleghi, un canadese e due polacchi, che al suo fianco hanno intrapreso la salita per soccorrere Cassardo. Insieme erano riusciti a portare il ferito da 6,200 metri al Campo Uno, per poi attendere l’arrivo dell’elicottero. Il velivolo è stato inviato dalle Autorità pachistane, come era stato promesso in precedenza. Grazie anche all’intervento dell’ambasciata italiana in Pakistan tutto si è risolto nel migliore dei modi.

Francesco Cassardo ha raggiunto il Combined Military Hospital della città di Skardu. Secondo le prime informazioni le sue condizioni fisiche sarebbero migliori di quanto temuto in un primo momento. L'Unità di Crisi della Farnesina oltre a confermare questo dato, ha anche fatto sapere che Cassardo è cosciente e che avrebbe alcune fratture. Sono tutt'ora in corso esami e accertamenti clinici per avere un quadro esatto delle sue condizioni di salute. Il ministro degli Esteri Enzo Moavero ha ringraziato le autorità pakistane per il lavoro svolto. L'Ambasciata italiana in Pakistan sta seguendo gli aggiornamenti sulle condizioni sanitarie del paziente, essendo in continuo contatto con i responsabili dell'ospedale e i familiari dell'alpinista.

Commenti

paco51

Lun, 22/07/2019 - 10:11

ma chi paga? spero non noi ma i pakistani! se uno sta tranquillo non rischia nulla! sono contrario a chi si infila nei guai( per svago e non per lavoro) e poi si deve soccorrerlo!

antonmessina

Lun, 22/07/2019 - 10:48

dovrebbero fargli pagare le spese fino all'ultima lira

BRAMBOREF

Lun, 22/07/2019 - 11:08

gigi90 Chi rompe paga.