Palermo, aggredisce e rapina donna in strada: fermato nigeriano

Nella tarda serata di ieri, un 18enne nigeriano ha aggredito una donna che camminava da sola in strada e le ha sottratto telefono e soldi. Lo straniero è stato fermato poco dopo dai carabinieri

Camminava tranquillamente lungo via Abruzzi a Palermo quando improvvisamente è stata sorpresa da un nigeriano che l’ha strattonata con violenza per sottrarle il telefono e dei soldi che aveva nella borsa.

Protagonista, suo malgrado, della brutta disavventura è stata una donna di 42 anni che nella tarda serata di ieri stava rientrando a piedi a casa.

La vittima ha visto avvicinarsi minacciosamente un giovane extracomunitario, C.O., che dopo averla afferrata per un braccio e strattonata, l’ha minacciata intimandole di consegnarli il telefono. La donna, nonostante la paura, ha provato a reagire pregando il malvivente di lasciarle lo smartphone in cambio di 30 euro.

Il giovane, però, non si è lasciato convincere dalla proposta ed ha approfittato dell’occasione per appropriarsi sia del telefono che dei contanti. Soddisfatto del bottino recuperato, lo straniero si è allontanato di corsa.

A quel punto, la 42enne spaventata si è messa a urlare attirando l’attenzione di alcune guardie giurate che, a loro volta, hanno contattato il 112.

Sul posto sono giunti immediatamente i carabinieri del Nucleo radiomobile che, dopo aver ascoltato la testimonianza della vittima, si sono messi alla ricerca del rapinatore. In breve tempo, i militari sono riusciti a rintracciare lo straniero. Quest’ultimo, alla vista degli uomini dell’Arma ha tentato la fuga ma è stato immediatamente bloccato ed ammanettato.

L’immigrato, un 18enne nigeriano, è stato sottoposto a rito direttissimo con il giudice che ne ha convalidato l’arresto imponendogli, inoltre, l’obbligo di dimora nella città di Palermo, con il divieto di uscire dal domicilio nelle ore notturne.