Papà Renzi nei guai seri "Si faceva promettere soldi"

L'accusa dei pm: influenzava appalti. In cella l'imprenditore Romeo

Matteo Renzi, da buon provinciale, continua a vantarsi di aver cenato due volte alla Casa Bianca con Obama. Visto i risultati ottenuti dai commensali, sarebbe stato meglio per lui cenare qualche volta in più a Casa Renzi, in quel di Rignano sull'Arno, per tenere a bada babbo Tiziano. Un tipo, il babbo, che ogni volta che si muove combina un casino. E l'ultimo è davvero un gran casino: i pm di Roma lo accusano di aver chiesto soldi per favorire gli amici degli amici nel maxi appalto Consip, la centrale di acquisti pubblici che in un colpo solo ha distribuito due miliardi e mezzo di euro. È una brutta vicenda, che sfiora anche il governo (c'è chi chiama in causa il ministro e braccio destro di Renzi Luca Lotti), i vertici dei carabinieri, alti dirigenti e faccendieri. Ieri è stato arrestato un noto faccendiere napoletano, Alfredo Romeo (già finanziatore di Renzi) e indagato l'ex parlamentare Italo Bocchino.

Fino a prova contraria Matteo Renzi era all'oscuro delle trame illegali, ma resta il fatto che dopo il caso Etruria ancora una volta delicate e riservate questioni pubbliche (il maxi appalto Consip) si intrecciano con gli appetiti personali del cerchio magico fiorentino. Davvero per oltre due anni siamo stati nelle mani di uno spregiudicato comitato d'affari? Lo diranno le sentenze. Oggi possiamo osservare come questo scandalo sia scoppiato esattamente all'indomani che Renzi si è dimesso dal governo prima e dal partito poi. Siccome l'inchiesta non è di ieri ma vecchia di due anni, c'è da chiedersi se i magistrati abbiano avuto paura ad affrontare un presidente del Consiglio in carica e, almeno apparentemente, onnipotente o se stiano partecipando oggi alla guerra interna al Pd (per esempio non è bello che il ministro della Giustizia si sia candidato contro Renzi alle primarie). In entrambi i casi c'è da preoccuparsi: non ci piace una magistratura pavida, temiamo quella politica.

Noi vorremmo sapere con urgenza e una ragionevole certezza se Tiziano Renzi ha commesso gravi illegalità, e nel caso con quali complicità attive e passive. E non magari scoprire, a congresso Pd ed elezioni avvenute, che si trattava di mere congetture. Da anni la magistratura tenta di pilotare elezioni e governi. Siamo garantisti con Berlusconi, lo saremo con i Renzi padre e figlio, sempre che il loro comportamento e le carte processuali ce ne diano la possibilità. Alla politica dei pm preferiamo sempre quella delle urne.

Commenti

MarcoE

Gio, 02/03/2017 - 12:50

Una domanda: ma perché il Bimbominkia si è affrettato a cambiare l'amministratore di Consip, mettendo un suo uomo?

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Gio, 02/03/2017 - 13:19

Non riesco a capire come mai se hai un infarto i medici devono intervenire subito, se c'è un incendio i pompieri devono correre, se c'è un incidente le ambulanze volano nel traffico, mentre se hai bisogno di un giudizio urgente dalla magistratura te lo puoi scordare. I magistrati procedono lenti come pachidermi e il 90% delle volte fanno danni durante il cammino ma arrivano quando non servono più.

squalotigre

Gio, 02/03/2017 - 13:30

Premesso che dal momento che l'inchiesta è nelle mani di Jonny l'inglese mi fa pensare che finisca nella solita bolla di sapone, vorrei che qualcuno mi spiegasse i motivi per i quali questa storia di corruzione con relativi arresti sia approdata sui giornali solo ora quando Renzi si è dovuto dimettere sommerso dai voti degli italiani nel referendum, dalle sue balle e dalla sua supponenza. Se un congiunto in quarto grado di Silvio fosse stato accusato di una corruttela così imponente i giornali, i tg, i vari comici e persino i consigli per gli acquisti sarebbero stati colmi di intercettazioni, di gossip e di interviste ai camerieri(meglio le cameriere) delle bettole in cui avesse mangiato un panino. Repubblica avrebbe cominciato a pubblicare le sue 10 domande ed i PM avrebbero provveduto a mettere in galera anche chi gli avesse stretto la mano.

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Gio, 02/03/2017 - 14:32

Forse perche' i magistrati sono tutti sinistri?

Ritratto di Shark-65

Shark-65

Gio, 02/03/2017 - 14:36

Va bene essere garantisti ma se BabboRenzi risuletrà colpevole dovrà finire in carcere come tutti i comuni Banditi...

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Gio, 02/03/2017 - 15:04

Per il bimbominkia di Rignano e' arrivato il conto. Con la magistratura del Komintern non si scherza, chiedere a Berlusconi & Craxi.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 02/03/2017 - 16:38

Sallusti lei ha due verità. Colpevolista sul giornale e innocentista in tv. La coerenza cosa rappresenta per lei?

VittorioMar

Gio, 02/03/2017 - 17:15

..BUFALA "AFFUMICATA" NAPOLETANA ????

timba

Gio, 02/03/2017 - 17:21

Aqualotigre : hai perfettamente ragione, ma non farti questa domanda. Sai già che la risposta dei sinistrati sarà sempre: col Berlusca è diverso. Lui infatti è e resterà l'unico che NON POTEVA NON SAPERE. Lo sbavone massonico sponsorizzato invece poteva non sapere di suo padre (salvo poi però sostituire in fretta e furia l'amministratore COnsip), del MPS (anche lì però epurazioni repentine), del papà della Boschi (anche lei non sapeva). Quindi non cercare di chiedere questa cosa ai sinistrati. D'altronde, nonostante tutte queste schifezze, continuano imperterriti a garantire il 30%... quindi tempo perso. Ah... non farti neanche domande sulla Stampa dalla Schiena Diritta (a senso unico)... Immondizia.

Gilberto

Gio, 02/03/2017 - 17:34

Un idea me la sono fatta, tra i due Renzi il migliore ha la rogna, e sono anche buono.

Ritratto di AdrianoAG

AdrianoAG

Gio, 02/03/2017 - 18:11

Ignoro gli sviluppi delle indagini giudiziarie, però mi pare che il babbo dell'ex premier non sia una persona particolarmente tranquilla. Mi riferisco alle vicende delle sue aziende.

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Ven, 03/03/2017 - 06:05

Bene, a sinistra tutti contro tutti in questa guerra tra cosche criminali.

un_infiltrato

Ven, 03/03/2017 - 06:19

Spiegato il mistero dell'aumento delle mosche, come diceva Alda Merini.

kericjang

Ven, 03/03/2017 - 07:44

Indipendentemente dal tifo della folla per o contro il Renzi, la Clinton o il Fillon di turno, mi sorprende sempre la precisione ad orologeria con cui deflagrano questi scandali. Sempre in procinto di elezioni politiche. Il corso della giustizia, si sa, è lento. Semmai verità vedrà poi luce, a favore o contro il politico in questione, intanto la credibilità di costei o costui è stata seriamente danneggiata a vantaggio degli avversari.

apostata

Ven, 03/03/2017 - 09:39

Ho visto in internet il “cuperlo/sallusti” di ieri ed è tristezza. La signorina cuperlo ha l’aria di celebrarsi come esempio di virtù, di garbo, d’intelligenza, si ritiene superiore. Sallusti lo guardava con gli occhioni spalancati, incredulo. Il fazioso conduttore, dopo aver dato l’ultima battuta alla signorina, tagliava corto per non consentire repliche.

VittorioMar

Ven, 03/03/2017 - 11:58

...DIRETTORE,si è divertito a fare il "MARAMALDO"???....determinati personaggi appartengono a specie "PROTETTA"..non dovrebbero andare in TV e sottoposti a "FUOCO DI SBARRAMENTO"...!!!