Papa Francesco alla Messa per Pasqua: "Gesù allevi le sofferenze ​dei cristiani perseguitati"

Oltre 50mila fedeli in San Pietro per il messaggio Urbi et Orbi. Il papa chiede di difendere la pace: "I cristiani non si impongono con la violenza, ma sono forti"

"A Gesù vittorioso domandiamo di alleviare le sofferenze dei tanti nostri fratelli perseguitati a causa del Suo nome, come pure di tutti coloro che patiscono ingiustamente le conseguenze dei conflitti e delle violenze in corso, ce ne sono tante". Nella domenica di Pasqua, prima della benedizione Urbi et Orbi, papa Francesco ha pregato per i cristiani trucidati, arrestati e messi in fuga in tutto il mondo. Il pensiero di Bergoglio va a tutte le vittime dell'odio islamista in Kenya. Un dolore che, ma anche alle numerose situazioni critiche che minano la pace nel mondo. Nel Messaggio di Pasqua il Pontefice ha, infatti, ricordato le barbarie in Libia, Yemen e Siria, i conflitti in Terrasanta e la guerra in Ucraina. "Il mondo - ha detto - non sia sottomesso ai trafficanti d’armi.

Nonostante la pioggia che cade ininterrotta da ore, oltre 50mila persone, una grande folla che dall'alto appare come un'immenso tappeto di ombrelli, sono accorse in piazza San Pietro dove papa Francesco ha presieduto la Santa Messa di Pasqua. Come sempre nel giorno che celebra la Risurrezione di Gesù, il Santo Padre non ha tenuto l'omelia alla Messa del mattino, ma ha letto il tradizionale e atteso "messaggio di Pasqua" prima di impartire la benedizione Urbi et Orbi, cioè alla città di Roma e al mondo, dalla loggia della Basilica vaticana. "Il mondo propone di imporsi a tutti i costi, di competere, di farsi valere... - ha detto il Pontefice - ma i cristiani sono il germoglio di un'altra umanità, nella quale cerchiamo di vivere al servizio gli uni degli altri, e non essere arroganti, ma disponibili e rispettosi". "Questa non è debolezza, ma vera forza - ha continuato - viene da Dio che non ha bisogno di usare violenza, ma parla e agisce con la forza della verità, della bellezza e dell'amore".

La riflessione di papa Francesco suscita particolare significato alla luce delle persecuzioni dei cristiani che, dal Kenya al Pakistan, sono vittime dell'odio islamista. "L'amore ha sconfitto l'odio, la vita ha vinto la morte, la luce ha scacciato le tenebre", ha detto il papa riflettendo sul significato dellla Pasqua e ricordando che Gesù Cristo "ha svuotato sè stesso, ha assunto la forma di servo e si è umiliato fino alla morte". "Per questo Dio lo ha esaltato e lo ha fatto Signore dell'universo - ha spiegato il Pontefice - con la sua morte e risurrezione, Gesù indica a tutti la via della vita e della felicità: questa via è l'umiltà, che comporta l'umiliazione". Bergoglio ha, quindi, rimarcato l'atteggiamento di Pietro e Giovanni che, dopo essere stati avvertiti dalle donne, corsero al sepolcro di Gesù e lo trovarono vuoto. "Si 'chinarono' per entrare nel sepolcro - ha spiegato - per entrare nel mistero bisogna abbassarsi. Solo chi si abbassa comprende la glorificazione di Gesù e può seguirlo sulla sua strada".

Commenti
Ritratto di Attila51

Attila51

Dom, 05/04/2015 - 13:08

preghi preghi. Intanto le pallottole non le devia nessuno.

walter54

Dom, 05/04/2015 - 13:16

Mai titoli del Giornale, li scrive la Santanchè? Credo di si, vista la padronanza dell' "Itagliano"..... O è sempre colpa del T9?

agosvac

Dom, 05/04/2015 - 13:19

Non c'è dubbio che Gesù possa alleviare la sofferenza patita dai suoi fedeli. Ma non può evitare che questa sofferenza continui. Ad evitarlo ,però, possono essere gli uomini. Il cristianesimo, in effetti, non consente "l'offesa" ma consente "la difesa". Qualche giorno fa parlavo dei Templari, un ordine monastico sì ma di monaci guerrieri che avevano come compito la difesa della cristianità. Quest'ordine fu voluto da San Bernardo di Chiaravalle col consenso del Papa di allora. Perché oggi che la cristianità è in grande sofferenza non si fa lo stesso????? Non si tratterebbe di andare a combattere per distruggere ma solo per difendere gli innocenti ed i bisognosi. La lotta contro Satana, l'avversario, si può fare con la preghiera ed il digiuno ma anche armi in mano contro i suoi emissari. E' già successo, perché non di nuovo???????

Ritratto di Idiris

Idiris

Dom, 05/04/2015 - 14:03

Non saranno le preghiere a fermare quei pazzi scatenati che sgozzano la gente inerme solo perche hanno un'altra fede diversa dal loro o solo perche vorrebbero vivere in pace e libertà. Qualcuno dovra fargli capire quei maladetti vigliacchi che la nostra pazienza ha superato ogni limite. E' arrivata l'ora di agire. Le parole vuote non bastano piu. Fermare la mattanza in Siria, Iraq, Palestina, Yemen, Libia, Nigeria, Kenya, Somalia e Ukraina.

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 05/04/2015 - 14:05

"Gesù allevi le sofferenze ​dei cristiani perseguitati"....ha scoperto l'acqua calda, abbia il coraggio di dire chi siano chi li perseguitano, e dire che sono i musulmani non si sbaglia

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 05/04/2015 - 14:06

Spero che l'errore ortografico nel titolo sia dovuto soltanto a un mero errore materiale, ma sarebbe comunque opportuna una maggiore attenzione. Non ho mai visto "allevare" sofferenze.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 05/04/2015 - 14:18

gesù ti prego allevia le sofferenze a mortimermouse per le pene patite negli ultimi anni. ps.al titolista. "gesù allevii e non allevi"

Anonimo (non verificato)

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Dom, 05/04/2015 - 14:30

"Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra; non sono venuto a portare la pace, ma una spada". [Mt. 10, 34-35]

jobact

Dom, 05/04/2015 - 15:05

Credo che gesù potrebbe "allevare" le sofferenze spingendo i cristiani a "compere" una bella "crocata". Con questa semiotica si fotte la semantica.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Dom, 05/04/2015 - 15:17

se aspettano gesù stanno freschi. Ma intanto pregare serve a mettere in pace l'anima dei cialtroni e dei vigliacchi.

Ritratto di gringo53

gringo53

Dom, 05/04/2015 - 15:46

è arrivato il tempo di una nuova crociata massiccia per sterminare gli infedeli musulmani, incivili e fuori da ogni sfera temporale, barbari e primitivi selvaggi.

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 05/04/2015 - 15:49

scassa domenica 5 aprile 2015 Perché Papa Francesco non si fa portare in Kenia ,si mette una veste arancione ,senza scorta ,senza violenza e contando solo sulla forza della fede e con l'aiuto divino,va incontro ,a braccia aperte ,al tagliamole islamico ? Capisco che il mio è un ragionamento uto'pico ,ma cosa dobbiamo ,nel 2000' riattivare il Tribunale della Santa Inquisizione e ricadere nell'Oscurantismo ,per essere alla pari e come sempre con la storiella del fanatismo religioso,atto a tenere il popolo a testa china ,per il denaro e il potere di pochi! Provi ilVaticano ,i suoi soldi e le sue preghiere ,a battere l'Islam assassino ,di Martiri e' stracolmo il calendario !!!!!!!!!!!!!!!!!scassa.

epesce098

Dom, 05/04/2015 - 15:51

E diciamo anche a quelli che vengono uccisi: "PORTATE PAZIENZA" Anche queste sono belle parole, ma loro non sanno cosa farsene.

Ritratto di frank60

frank60

Dom, 05/04/2015 - 15:59

Caro Francesco ci vuole il dialogo!

Lino1234

Dom, 05/04/2015 - 16:22

E bravo Papa! Secondo Lei, per seguire sulla sua strada l'esempio di Cristo dobbiamo lasciarci sgozzare dai terroristi, ovviamente implorando la pace, così, poi, Come Cristo, risorgeremo, mentre loro, i terroristi mussulmani ci stanno facendo una guerra spietata. No, caro Papa, non sono d'accordo. Lei ci insegna cose sbagliate che non condivido assolutamente. Lei, purtroppo, continua a dare fiato al buonismo maledetto che, se riuscirà ad impedirci di attuare una adeguata difesa, se necessario, ed è necessario se non oramai troppo tardi, ci porterà tutti quanti direttamente alla tomba, magari con la speranza di resuscitare. NO CARO PAPA. Se sbaglio sono certo che Dio mi perdonerà. Saluti. Lino.

Ritratto di giancarlo

giancarlo

Dom, 05/04/2015 - 16:35

il Papa fino a ieri predicava l'accoglienza, come una boldrina qualsiasi. Ora che gli attacchi ai cristiani si fanno più frequenti e provocano sempre più vittime, finalmente chiede un intervento per frenare queste stragi. Non credo otterrà risultati sensibili: non ha un esercito (e se lo avesse non lo utilizzerebbe) e la sboldrina e i suoi tanti stupidi seguaci non andrebbero mai contro tante possibili "risorse" (qualora volessero "fare una visita" alla tanto ospitale Italia). Mi auguro che questa marea di ipocriti buonisti si renda finalmente conto del pericolo insito in questa incontrollabile immigrazione di fanatici islamici.

grandeoceano

Dom, 05/04/2015 - 16:38

meglio un B52

Tuvok

Dom, 05/04/2015 - 18:05

La chiesa non e' adatta ad interpretare le problematiche della societa' moderna, ormai e' solo folklore.

PEPPA44

Dom, 05/04/2015 - 18:14

Gesù non invocò se stesso per cacciare i mercanti dal tempio ma passò alle maniere forti. Poi non capisco perchè il Papa invoca l'aiuto di Gesù e non quello di Dio.

PaK8.8

Dom, 05/04/2015 - 19:47

Stavolta sto con walter54. ALLIEVI con la I, imbec1lli (citazione da Cenerentola, anni 50, quindi non è un insulto), ma come si fa? Ma lo sapete che è una sofferenza difendervi sempre? Ma un po' di rispetto no? Vabbè che scienza della comunicazione è sempre stata una facoltà ridicola, ma queste cose mi mandano in BESTIA. Grazie, scusate lo sfogo.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 05/04/2015 - 20:44

"Gesù allevi le sofferenze ​dei cristiani perseguitati". Papa Furbesco, anche se Papa, è argentino e per molti cattolici anche un po' troppo ciarliero. Di sicuro disconosce che il Congiuntivo Presente e l'Imperativo Presente per la terza persona singolare del verbo ALLEVIARE prevedono la doppia "i".

anna.53

Dom, 05/04/2015 - 20:49

Gesù viene invocato perchè è l'Agnello innocente che , morendo di una morte che è ignominia per il mondo, ha vinto la morte. Quello che non capisco è perchè il Vaticano , membro dell'ONU, non se la prenda con questo organismo inutile e sveglio solo se si va contro a Israele: e ancora, non capisco il plauso del Papa all'accordo con l'Iran , che si rifiuta tuttora di riconoscere il diritto di esistere allo stato di Israele ... posizione "scomoda" , evidentemente per Francesco, il chiedere qualcosa di più a questo accordo . E lo scrivo con profondo dispiacere.

nick2112blu

Dom, 05/04/2015 - 22:00

Perché tanta prudenza nelle parole del Papa? Dica chiaramente che chi uccide nel nome di Allah non è un testimone della sua fede ma soltanto un volgare assassino.

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Dom, 05/04/2015 - 22:49

Che la Chiesa di Cristo sia stata e rimanga contaminata dal giudaismo degli adoratori della "bibbia" e dagli esegeti del "talmud" lo dimostrano proprio le parole del papa italo-argentino. Pensare, sperare e chidere "interventi dal Cielo" è una sorta di "neopaganesimo cattolico" !

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Dom, 05/04/2015 - 23:12

Il Cristianesimo è una religione che "funziona" solo nelle comunità di cristiani o, al più, a contatto con altre religioni essenzialmente pacifiste, dedite alla contemplazione e al rispetto reciproco. Illudersi di impiantarla in realtà come l'Islam è pura follia. E i "dirigenti" del Cristianesimo sono senz'altro responsabili di quanto hanno realizzato sulla pelle di tanta povera gente semplice e credulona.

Sonia51

Lun, 06/04/2015 - 00:21

No caro Bergoglio, Gesù mandi piuttosto quattro saette e maledizioni a quelli che perseguitano i cristiani. Se ne è capace, da buon ebreo, usi pure l' Uzi, ce ne faremo una ragione ...

mila

Lun, 06/04/2015 - 05:06

Credo che nessuno dotato di raziocinio possa pensare che ora il Papa si debba mettere alla testa di una Crociata per combattere l'Islam estremista e salvare i cristiani. Pero', invece di invitare sempre solo alla nonviolenza e a pregare, potrebbe dire che e' concesso, anzi doveroso per i cristiani combattere per difendere i piu' deboli, potrebbe invitare i governanti "cristiani" a fare qualcosa di concreto (per es, invece di bombardamenti spesso dannosi, collaborare con gli eserciti governativi di Siria, Egitto ecc., anche se invisi all'America. O anche lui ha paura sia degli Islamici che dei democratici di Wall Street?)

mila

Lun, 06/04/2015 - 05:36

Gesu' insisteva sul fatto che non bisogna usare la violenza anche perché ai suoi tempi in Palestina c'erano fazioni estremiste che avrebbero voluto ribellarsi con le armi contro il dominio romano, e Gesu' voleva prenderne le distanze. Ora la situazione e' diversa.

zingozongo

Lun, 06/04/2015 - 08:34

troppo comodo lasciareil lavoro a gesi, pure il cosidetto occidente moderato dovrebbe fare qualcosa per proteggeri i cristiani perseguitati,ad esempio inviare soldati in Kenya per respingere i fondamentalisti islamici

Ritratto di frank60

frank60

Lun, 06/04/2015 - 09:50

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati gli afflitti, perché saranno consolati. Beati i miti, perché erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli