Papa Francesco. "Porto in Vaticano crocifisso di Morales"

Il Pontefice: "Non è stata un’offesa. Il Cristo lo porto con me. È una scultura di padre Espinal"

Il Crocifisso su falce e martello che gli ha donato il presidente boliviano Morales, per Papa Francesco "non è stata un’offesa. Ho lasciato alla Madonna di Copacabana le due insegne che mi ha dato il presidente perchè non accetto mai queste onoreficienza, ma il Cristo lo porto con me", ha detto ai giornalisti sul volo che lo riportava a Roma da Asuncion.

Davanti al dono di Morles, Francesco, ha raccontato lui stesso, in un primo momento è rimasto meravigliato. "Io - ha confidato ai giornalisti - ero curioso, non conoscevo questo e neppure sapevo che padre Espinal era scultore e poeta anche, l’ho saputo in questi giorni. L’ho visto e per me è stata una sorpresa". Quel Crocifisso inchiodato su una falce e martello, ha spiegato il Papa, "secondo me si può qualificare come genere di arte di protesta. Per esempio a Buenos Aires, alcuni anni fa si è fatta una mostra di uno scultore, bravo, creativo, argentino che adesso è morto: era arte di protesa e io ricordo uno che era un Cristo crocifisso su un bombardiere per dire il cristianesimo alleato con l’imperialismo che bombarda".

"L’arte di protesta - ha spiegato - in alcuni casi può essere offensiva. Ma in questo caso concreto padre Espinal è stato ucciso nell’anno 80 era un tempo in cui la Teologia della liberazione aveva tanti brani uno dei quali era con con l’analisi marxista della realtà. Padre Espinal apparteneva a questo e io lo sapevo perchè ero in quell’anno rettore della facoltà di teologia e se ne parlava tanto. Nello stesso anno - ricorda il Papa - il generale della Compagnia, padre Arrupe fece una lettera a tutta la Compagnia sull’analisi marxista della realtà nella teologia, un pò per fermarla, dicendo ’no non va sono cose diverse, non va, non è giusto. Poi 4 anni dopo, nell’84, la Congregazione della Dottrina della Fede, pubblicò il primo volumetto piccolino, la prima pubblicazione sulla teologia della liberazione che critica questo. Poi viene il secondo che apre le prospettive più cristiane, sto semplificando. Facciamo l’ermeneutica in quell’epoca: Espinal è un’entusista di questa analisi della realtà marxista ma anche della teologia e usando il marxismo di questo è venuta questa opera che anche le poesie di Espinal sono di quel genere di protesta era la sua vita, era il suo pensiero, era un uomo speciale, con tanta genialità umana, che lottava in buona fede. Facciamo l’ermeneutica di genere, io capisco quest’opera e per per me non è stata un’offesa ma ho dovuto fare questa ermeneutica e la dico a voi perchè non ci siano opinioni sbagliate, ma è così". Dunque, ha concluso Francesco, il Crocifisso di padre Espinal "lo porto con me mentre le due onoreficenze che mi ha conferito Morales, la più importante della Boliva e l’altra l’ordine di padre Espinal, no. Mai ho accettato una onoreficenza, non mi viene, ma lui lo ha fatto con tanta buona volontà e con piacere di farmi piacere e io ho pensato che questo viene dal popolo della Boliva, così ho pregato su questo: ’cosa fare?’. Se le porto in Vaticano finiranno lì e nessuno. Per questo ho pensato di lasciarle alla Madonna di Copacabana, la madre della Bolivia. Ci sarà nel santuario di Coapacabana, la Madonna con queste due onoreficenze, invece il Cristo lo porto con me"

Commenti

kayak65

Lun, 13/07/2015 - 16:53

gia' che c'e' perche' non lo mette nella basilica di s pietro sull'altare maggiore? spera magari che I caproni rossi atei possano tornare all'ovile attratti dalla falce e martello come in un seggio elettorale? si sbaglia di grosso il papa argentino. l'aver vissuto nella pampa isolato dal resto del mondo lo ha reso incapace di comprendere gli avvenimenti sociali e culturali che avvenivano dall'altra parte. mi spiego I tanti errori commessi nel suo breve pontificato che stanno davvero disgregando I cristiani

scarface

Lun, 13/07/2015 - 17:02

Se Morales voleva fare propaganda o provocazione ha prodotto semplicemente un autogol clamoroso: il comunismo è ed è stato per anni una 'croce' per tutti i cristiani.

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Lun, 13/07/2015 - 17:11

non e il crocifisso che gli manca....e la falce e martello

@ollel63

Lun, 13/07/2015 - 17:25

ma lasciatelo perdere o mandatelo là che forse è meglio. Se costui è un cristiano ...!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 13/07/2015 - 18:01

Ci porterebbe anche un Cristo inchiodato ad una Svastica se realizzato da un Prete con simpatie nazi-fasciste ucciso barbaramente come tantissimi altri da soldati Comunisti?

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 13/07/2015 - 18:05

Metaforicamente sembrerebbe l'ulteriore crocifissione del Cristo nel simbolo dell'ideologia che per eccellenza professa il materialismo e l'ateismo oltre ad aver perseguitato, e in Cina continua pure a farlo, il cristianesimo ed il clericalismo.. Non mi piace....

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 13/07/2015 - 18:06

Ormai l'ipocrisia di questo Papa è impensabile. Il crocefisso falce martellato è opera di Padre Espinal Gesuita Marxista ucciso da soldati fascisti. Più che normale che un altro Gesuita-Marxista come papa Imbroglio si porti in Vaticano un Cristo inchiodato al simbolo sanguinario della più immonda delle ideologie, quella Marxista-Comunista. Spero che si apra una voragine nel luogo dove deciderà di collocarlo.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 13/07/2015 - 18:07

Non riesco più a seguire la chiesa cattolica,scusatemi ma non sono d'accordo con questo papa.

Stefano Matera

Lun, 13/07/2015 - 18:12

il problema non è la religione ma la chiesa, ancora una volta rappresentata da un servo dei poteri forti. Benedetto XVI poco filo semita

claudioarmc

Lun, 13/07/2015 - 20:39

Bergoglio sta a Wojtyla come Quaresma sta a Pelè, speriamo passi presto

Pelican 49

Lun, 13/07/2015 - 21:14

Lo avevo già scritto, lo sistemerà sulla cupola di San Pietro. Neanche ai tempi dei soviet ......

Pelican 49

Lun, 13/07/2015 - 21:15

Un motivo in più per non tornare in Vaticano.

fisis

Lun, 13/07/2015 - 21:37

Sono vergognose e per me quasi incredibili le parole di questo Papa. La falce e il martello, simboli del comunismo, grondano del sangue di milioni di innocenti uccisi. Accostarli al simbolo del Cristianesimo è semplicemente blasfemo.

Totonno58

Lun, 13/07/2015 - 21:38

Ha fatto bene...la memoria di Padre Espinal, martire della fede, viene molto prima di queste quisquilie sui simboli!

hectorre

Lun, 13/07/2015 - 22:02

che squallore

gianni59

Lun, 13/07/2015 - 22:37

per caso il discorso del Papa è una traduzione fatta con Google?

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 14/07/2015 - 05:42

Bravo fracesco-santo-subito! E poi magari licenziare la Guardia Svizzera e assumere l'Armata Rossa.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 14/07/2015 - 05:45

...e sul colonnato di S. Pietro si sostituiranno la statue di santi e martiri con le figure di Marx, Lenin fino a Castro e Che-Guevara: Vaticano democratico.

mou

Mar, 14/07/2015 - 07:11

Quando si dice "giornale da barbiere"......

Edmond Dantes

Mar, 14/07/2015 - 21:58

@Totonno 58. Sono convinto che a lei di padre Espinal non gliene può fregare di meno, fino ad oggi neanche sapeva fosse esistito. Però, di fronte al simbolo della sua religione, mi riferisco alla falce e martello, è disposto a difendere anche il papa (parola grossa) con maggior zelo di una guardia svizzera. Ma non eravate voi a considerare il clero come propinatore dell' oppio dei popoli? Siete ormai pronti per entrare in seminario.

Edmond Dantes

Mar, 14/07/2015 - 22:11

@mou. Che cosa ha contro i barbieri ? Sono onesti lavoratori che si occupano di quella parte del corpo che lei usa solo per farci crescere i capelli. Riesce ad articolare un pensiero (parola grossa) degno di essere comunicato, oppure la sua cifra abituale è solo quella del cazzeggio "de sinistra" ?

Edmond Dantes

Mar, 14/07/2015 - 22:15

Dicono che i cardinali in conclave siano illuminati dal signore quando eleggono un papa. Quando hanno eletto questo qui evidentemente c'è stato un black-out.

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Mer, 15/07/2015 - 01:06

ORROREEEEEEEEE!!!

Totonno58

Mer, 15/07/2015 - 21:37

Edmond Dantes...il caldo fa brutti scherzi, eh?