Papa Francesco: "Presto affronterò il problema dei preti sposati"

Bergoglio valuta le differenze tra i sacerdoti di rito latino e quelli di rito orientale: verso l'apertura ai matrimoni?

Papa Francesco dice messa nella basilica di San Pietro

Papa Francesco ha in programma di affrontare anche il problema dei preti cattolici sposati. Lo ha detto lui stesso durante un incontro con i parroci di Roma questa mattina.

"È presente nella mia agenda", ha detto Bergoglio a chi gli ha fatto notare la differenza tra i sacerdoti di rito latino e quelli di rito orientale, che invece possono sposarsi e celebrano normalmente la messa. Nell’incontro inoltre, secondo quando riferito da alcuni presenti, il Papa ha raccontato che nella messa del mattino che ha celebrato il 10 febbraio a Santa Marta, con sette preti che celebravano i 50 anni di sacerdozio, erano presenti anche cinque preti sposati.

Secondo notizie pubblicate in Brasile, alcuni messi fa il Papa avrebbe scritto al cardinale brasiliano Claudio Hummes una lettera sulla possibilità di avviare una riflessione sul celibato ecclesiastico relativa ai cosiddetti "viri probati", cioè a uomini di età non giovane, sposati, che conducono una vita familiare e religiosa esemplare, e ai quali alcuni ritengono che possano essere affidati compiti nella Chiesa al pari dei sacerdoti. La notizia della lettera di Francesco è stata però ridimensionata dal portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, per il quale "non c’è nessuna lettera del Papa al cardinale Hummes sulla materia indicata", anche se "è vero che il Papa ha invitato in più di una occasione i vescovi brasiliani a cercare e proporre con coraggio le soluzioni pastorali che ritengano adatte ad affrontare i grandi problemi pastorali del loro Paese".

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 19/02/2015 - 14:12

Il tuttologo Papa Furbesco ogni giorno che passa perde fedeli. Tra poco ce lo ritroveremo al posto di Fonzie Renzi!

Totonno58

Gio, 19/02/2015 - 14:19

Meraviglia e gratitudine..quest'Uomo, nella sua umiltà, si pone davanti a Dio con le stesse domande che ogni cattolico si porta dentro...le esprime e dà voce ad ognuno di noi...la Chiesa con Francesco è risorta, vive e comunica il Vangelo dialogando con la vita ed i pensieri degli uomini e delle donne!

vince50_19

Gio, 19/02/2015 - 14:20

Non è un dogma insuperabile..

ortensia

Gio, 19/02/2015 - 14:43

Totonno58: lecchini ne ha gia' abbastanza senza che ti ci metti anche tu.

il_viaggiatore

Gio, 19/02/2015 - 14:51

Non solo il celibato non è un dogma, ma S. Paolo apostolo scrive a Timoteo che se non hai dimostrato di guidare la tua famiglia non puoi guidare da vescovo una comunità. Il matrimonio dovrebbe essere OBBLIGATORIO, per i preti.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 19/02/2015 - 14:53

E' del tutto auspicabile che il futuro,nuovo status dei preti preveda l'assegnazione per ognuno di essi di una moglie- una concubina- un'etera ed una semplice prostituta.Le cose, se si fanno, bisogna farle per benino, solo così la chiesa risorgerà e Totonno58 potrà continuare a sperticarsi in lodi.

SanSilvioDaArcore

Gio, 19/02/2015 - 15:06

Vive e comunica il vangelo... e il resto della bibbia?

Libertà75

Gio, 19/02/2015 - 15:07

@luigi.morettini... guardi che il vero pericolo è che Fonzie Renzi chieda di essere eletto Papa ai vari cardinali

ortensia

Gio, 19/02/2015 - 15:14

@il_viaggiatore: scusi se la mia ignoranza non e' pari alla sua ma si potranno sposare anche tra di loro? Si sa che spesso hanno dei gusti particolari.

steacanessa

Gio, 19/02/2015 - 15:21

Il celibato è stato introdotto dalla gerarchia ecclesiastica e dalla stessa potrebbe essere eliminato immediatamente.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 19/02/2015 - 15:23

@Libertà75- Se fa il pdc senza essere stato eletto dai cittadini, perché non potrebbe diventare papa senza essere prete? Se i suoi amici massoni, a cui niente di dabolico è alieno, lo vorranno, accadrà anche questo.Tanto fonzie e l'argentino della pampa sono intercambiabili.

Libertà75

Gio, 19/02/2015 - 15:25

@ortensia, ha ragione, la sua è incommensurabile

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 19/02/2015 - 15:29

Signora Ortensia, che domande! Certo che potranno unirsi tra loro in nome dell'amore che non ammette confini, e chi mai potrebbe giudicarli? Bergoglio già si è chiamato fuori con il "Chi sono io ecc."

cgf

Gio, 19/02/2015 - 15:32

@Luigi.Morettini A GIUDICARE dalle persone sempre presenti in Vaticano non si direbbe, usando una forma a lei consona, si potrebbe dire che ha stracciato i predecessori in ogni apparizione pubblica... e non solo in Italia.

Prameri

Gio, 19/02/2015 - 16:03

Il celibato ecclesiastico deve essere una libera scelta, effettuata in giovanissima età e confermata nella maturità senza vincoli temporali. Non deve essere imposta da vecchi prelati né da tradizioni né da chiunque. Nel vangelo e nei primi secoli del cristianesimo non c'era il celibato per i preti. Se un sacerdote vuole essere celibe guai a impedirglielo. Se un uomo prete o tranviere, carabiniere o giornalista vuole sposarsi guai a impedirglielo: è una violazione dei più elementari diritti umani. Stiamo lottando con molta difficoltà per i diritti degli animali. Siamo anche troppo sensibilizzati sui diritti dei migranti dei rom e dei delinquenti. I più emarginati restano i preti sposati e alcuni preti che restano non sposati e spesso vanno fuori di testa rovinando bambini.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 19/02/2015 - 16:38

@Libertà75- Vero, e di sicuro sarebbe un pericolo ancora maggiore!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 19/02/2015 - 16:43

@cgf- La prego non faccia confusione, non confonda i turisti dai FEDELI. Quanto a "stracciare" tutti i suoi predecessori sono d'accodo con lei, un ciarlatano come Papa Furbesco è molto difficile da superare.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 19/02/2015 - 16:49

@Prameri, quella di farsi prete è una libera scelta, non vi sono coercizioni, per cui l'appellarsi ai diritti umani è proprio fuori luogo.

Prameri

Gio, 19/02/2015 - 17:36

@Euterpe è una libera scelta in giovanissima età con contorno di lavaggio del cervello confermato da tutti gli addetti alla questione. Poi sarebbe una scelta irrevocabile pari a quale altra decisione umana? Al matrimonio indissolubile? Alla scelta di una professione o un ruolo altissimo: si può dare le dimissioni da Papa?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 19/02/2015 - 21:12

@Prameri- Il lavaggio del cervello non si esercita solo per i preti, inoltre, se le regole non sono ritenute accettabili, non si partecipa al gioco. Tutto qui.

Totonno58

Ven, 20/02/2015 - 09:48

Euterpe...e se invece le "regole" si cambiassero?...visto che sono state scritte (in alcuni casi neanche...)da qualcuno fallace come noi?...o ne hai talmente bisogno da non poter farne a meno?..però dovresti metterti qui e spiegare perchè, ad.es., per i prossimi mille anni ai preti dev'essere imposto il celibato, oppure perchè una donna non può essere ordinata sacerdote....oppure...la lista è lunga, mi fermo qui, ho troppa rispetto per te ed il tuo tempo...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 20/02/2015 - 13:59

@Totonno58- (1)Premetto che personalmente non ho affatto bisogno delle regole ecclesiastiche, perché non ho intenzione di farmi monaca e fare la sacerdotessa non rientra nelle mie aspirazioni,oltre al fatto che mi sarebbe proibito.Tu, che sei così ardente cattolico, consideri la chiesa perfettibile, pertanto implicitamente ammetti che essa è una costruzione umana,ma vuoi che le eventuali modifiche alle sue regole abbiano il marchio di legittimità da parte di altri uomini,cioè della gerarchia ecclesiastica, che potrebbero anch'essi sbagliare, per cui si procederebbe di errore in errore. segue...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 20/02/2015 - 14:00

@Totonno58-(2) Le riforme a cui tu aneli a che cosa s'ispirano? Alla necessità di riconoscere i bisogni della carne, sull'onda del permissivismo imperante, non certo a quella spiritualità di cui la chiesa dovrebbe essere custode e propagatrice.Si potrebbe obiettare che le due cose non collidono,ma chi fa la scelta sacerdotale dev'esserne consapevole e disposto alla castità, altrimenti cambi strada, a meno che non consideri l'essere prete in senso burocratico, una sistemazione sociale, di comodo. La mistica del sacrificio? Caro Totonno, non devi venire a rimproverarla a me,l'idea e il valore del sacrificio è elemento fondante del cristianesimo, a cominciare da quello di Cristo sulla croce, insieme alla svalutazione del corpo, privilegiando l'anima. segue..

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 20/02/2015 - 14:01

@Totonno58-(3) Ora si chiede alla chiesa di adeguarsi alle istanze edonistiche del nostro tempo, essa lo farà, non temere,ma tradendo lo spirito della religione che essa rappresenta, per cui si avvia a diventare un pateracchio, un pastrocchio indigeribile per chi è alla ricerca di spiritualità, che richiede anche la sublimazione degli istinti.Le chiese si riempiranno? Forse sì, anche i ristoranti e le discoteche sono pieni.Adesso veniamo al sacerdozio proibito alle donne. La chiesa voluta da san Paolo, che in larga parte tradì il messaggio di Cristo, si è fatta erede della tradizione dell'ebraismo, per cui la donna è considerata perennemente impura,estranea a quel patto sponsale che solo il maschio può avere con la divinità. segue...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 20/02/2015 - 14:02

Totonno58 -(4) Questa concezione della donna ha avuto conseguenze negative in tanti altri campi, direi tutti. E il predominio maschile continua, infatti vedi che si richiedono a gran voce riforme intese a rendere più facile la vita agli uomini, la questione dell'accesso sacerdotale per le donne resta in sordina, interessa a quasi nessuno. Concludendo,tu continua a voler essere un buon cristiano-cattolico, però con il 'placet'papale e dei vari sinodi come garanzia,altri avranno la loro morale laica, non laicista, consapevoli di essere come occidentali psicologicamente cristiani,anche se non cattolici, e questo a loro basta.Spero che la pubblicazione dei post non stravolga l'ordine logico, per cui ho scritto i numerini. Ti saluto.

Totonno58

Ven, 20/02/2015 - 15:02

euterpe...su una cosa sostanziale non siamo d'accordo...si tratta del presupposto che certe "svolte" di Papa Francesco, compiute o "richieste" siano di adeguamento alle "istanze edonistiche della società"...io penso invece che siano dettate dall'esigenza di tornare alle vere "istanze" del Vangelo, il cui annuncio non può annacquarsi dietro a certe esteriorità (ebbene sì!)...io credo che la Chiesa abbia attraversato una profonda crisi, un senso di distanza dalla gente e per decenni (secoli?) si è arroccata dietro i "principi non negoziabili"(mi viene l'orticaria a digitare questa circonlocuzione) per darsi un'identità morale che davvero nessuno le aveva chiesto (Gesù in primis)...troppo lungo questo discorso...e forse siamo molto distanti...ma spero mi concederai un abbraccio cristiano:)

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 21/02/2015 - 14:39

@Totonno58- Ah, poveri fedeli, per millenni sono andati dietro ai precetti di una chiesa che tradiva le vere 'istanze' del Vangelo (son parole tue). Un maledetto imbroglio o, parafrasando Gadda, che 'pasticciaccio brutto'. Io voglio esserne fuori.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 22/02/2015 - 16:48

@il viaggiatore- Lei ha proprio ragione. Che sia impedito anche ai medici di curare le malattie se essi non ne sono stati prima affetti.

Totonno58

Dom, 22/02/2015 - 19:46

"Gesù, nuovo Mosè, ha voluto guarire il lebbroso, l’ha voluto toccare, l’ha voluto reintegrare nella comunità, senza “autolimitarsi” nei pregiudizi; senza adeguarsi alla mentalità dominante della gente; senza preoccuparsi affatto del contagio. Gesù risponde alla supplica del lebbroso senza indugio e senza i soliti rimandi per studiare la situazione e tutte le eventuali conseguenze! Per Gesù ciò che conta, soprattutto, è raggiungere e salvare i lontani, curare le ferite dei malati, reintegrare tutti nella famiglia di Dio. E questo scandalizza qualcuno!"(Papa Francesco, Omelia del 15 febbraio durante la messa per l'ordinazione dei nuovi cardinali)

Totonno58

Dom, 22/02/2015 - 19:48

CONTINUA E Gesù non ha paura di questo tipo di scandalo! Egli non pensa alle persone chiuse che si scandalizzano addirittura per una guarigione, che si scandalizzano di fronte a qualsiasi apertura, a qualsiasi passo che non entri nei loro schemi mentali e spirituali, a qualsiasi carezza o tenerezza che non corrisponda alle loro abitudini di pensiero e alla loro purità ritualistica. Egli ha voluto integrare gli emarginati, salvare coloro che sono fuori dall’accampamento (cfr Gv 10). Sono due logiche di pensiero e di fede: la paura di perdere i salvati e il desiderio di salvare i perduti. Anche oggi accade, a volte, di trovarci nell’incrocio di queste due logiche: quella dei dottori della legge, ossia emarginare il pericolo allontanando la persona contagiata, e la logica di Dio che, con la sua misericordia, abbraccia e accoglie reintegrando e trasfigurando il male in bene, la condanna in salvezza e l’esclusione in annuncio.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 22/02/2015 - 21:21

@Totonno- Non sarà opera da poco trasfigurare gli assassini dell'isis.Volgarmente direi:Sì, va bene, ma oltre le parole che dobbiamo fare di fronte alle situazioni drammatiche che ci si presentano? Dobbiamo andare anche noi a Lampedusa? che dobbiamo annunciare agli esclusi? nella speranza di trafigurare il male in bene dobbiamo subire tutto passivamente, affidandoci solo alla preghiera e alla speranza? Di belle parole son piene le fosse. E basta con le prediche che ormai rischiano di essere solo vuota retorica o servono ad occultare dannosi disegni.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Gio, 25/02/2016 - 14:22

Non mi meraviglia che Ciccio Imbroglio venga esaltato dai vari Totonno58 e che sia inviso dai Cattolici, anzi questa è l'ulteriore conferma che costui è tutto all'infuori di un Papa.In effetti ha ragione chi lo paragona al pifferaio renzie per i suoi proclami auto celebrativi. Ciccio, non è che per caso vuoi anche tu un po di merito per aver completato la Salerno Reggio Calabria ???

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Gio, 25/02/2016 - 14:41

Totonno58 comunque una cosa è assolutamente certa e chiara come il sole, questo papa DIVIDE non UNISCE , indebolendo ancora di più i Cattolici proprio quando dovremmo essere più uniti.Buonasera