La parcella di Conte

Sul caso Ilva «l'avvocato del popolo» invece che alla politica si affida ai giudici e così condanna 20mila famiglie alla povertà. E Arcelor conferma

La discesa in campo della Procura di Milano, che ieri ha aperto un'inchiesta sulla minacciata chiusura dell'Ilva, mette una pietra tombale sulle residue, piccole, probabilità che gli indiani si convincano a continuare la loro avventura nella acciaieria di Taranto. Far risolvere i problemi politici e sindacali alla magistratura è il cancro dell'Italia e l'era Conte non fa eccezione. Preso atto dell'incapacità sua e del suo governo il premier ha «chiamato» le toghe, più per salvare se stesso che gli operai pugliesi. Non penso che gli indiani tremino dalla paura all'idea di essere indagati dai pm italiani. Semmai accelereranno la loro fuga dall'Italia portandosi via anche i cinque miliardi di euro che stavano per investire nel nostro Paese.

Il giustizialismo con il famigerato scudo negato e l'ultimatum dato all'azienda dai giudici pugliesi sui tempi di bonifica ha innescato il problema dell'Ilva, il ricorso di ieri alla giustizia come panacea di tutti mali segna la sua conclusione, per noi drammatica. Perché non è con gli avvisi di garanzia che si crea lavoro, e neppure lo si difende. Non saranno le manette a evitare che l'Italia, con la perdita della produzione di acciaio, retroceda nella classifica dei Paesi industrializzati. Servivano buon senso, autorevolezza, capacità di trattativa, si è invece scelto lo scontro armato con una delle più grandi industrie del secondo Paese più popolato al mondo, che è un po' come per un bambino voler fare a pugni con Tyson e sperare di vincere.

Non so come andrà a finire l'iniziativa della Procura di Milano. Ma è certo che dopo questa ennesima invasione di campo non ci sarà più un imprenditore straniero disposto a investire un euro da queste parti. Il caso Ilva

andava affrontato e discusso in Parlamento e nei ministeri, non nelle aule giudiziarie, almeno non prima di aver provato a percorrere tutte le strade possibili, compresa quella di rimettere lo scudo penale e valutare la possibilità di concedere agli indiani rispetto gli accordi sottoscritti - una quota di esuberi per le mutate condizioni del mercato dell'acciaio.

Nulla di tutto questo è stato fatto. Conte «avvocato del popolo», come si è autodefinito? Sì, delle cause perse. A giorni arriverà la sentenza: condanna alla disoccupazione per ventimila famiglie che a lui si erano affidate. Il prezzo per salvare questo governo criminale.

Commenti

nromeo46

Sab, 16/11/2019 - 17:56

Dopo questo disastro non mi sorprenderebbe vedere i forconi assediare palazzo Chigi e l'intero Parlamento.

ilrompiballe

Sab, 16/11/2019 - 18:06

Conte raccoglie solo quello che fu seminato quando la famiglia Riva, anziché essere obbligata ad adeguare gli impianti alle norme di salute e sicurezza dei lavoratori, fu malamente estromessa. Da allora, con la gestione commissariale prima e la successiva Acelor Mittal, l'impianto ha continuato a funzionare ed inquinare. Quindi la questione ambientale era solo un pretesto per arrivare alla chiusura ? E chi vuole questa chiusura? Qualcuno dovrebbe onestamente andare a dirlo a quei padri di famiglia che tra breve non sapranno cosa dare da mangiare ai propri figli. Tutto il resto è chiacchiera.

Ritratto di dlux

dlux

Sab, 16/11/2019 - 18:23

Il ricorso a 'magistratura rossa' non è una novità, caro Direttore. Solo che questa volta hanno trovato un osso duro che dei nostri eroi (verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere!) togati se ne fanno un baffo. Questi poveri polli al governo hanno troppa considerazione di sé, sono talmente abbagliati dalla loro dorata ed immeritata posizione che non si sono neanche accorti di aver fornito all'Arcelor-Mittal la madre di tutte le scuse per lasciar perdere ed andarsene. Dieci, mille magistrati non basteranno ad evitare lo spegnimento degli altoforni e la perdita di ventimila posti di lavoro, oltre al danno economico arrecato all'Italia. Siamo in mano a gente veramente pericolosa!

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 16/11/2019 - 18:29

giuseppi e gigggino 'o miracolato...due inutili, superflui vuoti a perdere che si credono , e si considerano, qualcuno...E.A.

Ritratto di adl

adl

Sab, 16/11/2019 - 18:48

Questo secondo me è invece un colpo da maestro dell'avvocato del popolo di Merkel & Macron. Ha dato la prova provata ai Mittal, che non c'era affatto bisogno di continuare a fare acciaio ed eventualmente forse inquinare, per finire nella fornace ardente giudiziaria italiana. BYE BYE MITTAL cozze tarantine a volontà.

INGVDI

Sab, 16/11/2019 - 18:51

Governo criminale, appunto. Agli indiani di Arcelormittal e agli investitori stranieri conviene andarsene dall'Italia, finché sono in tempo. Non si può fare impresa senza il rischio della galera in un Paese governato da comunisti (PD, M5s, magistratura rossa).

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 16/11/2019 - 18:57

La cessazione dell'acciaieria è meritata. Quasi necessaria. E' uno dei paradigmi delle porcherie politiche e giudiziarie. Un emblema di quanto sia inutile e impossibile fare impresa in italia. Buon degrado e declino a tutti.

Ritratto di Cali85

Cali85

Sab, 16/11/2019 - 18:59

Ma mi chiedo: C'è veramente qualcuno che si aspettava che ci fosse anima viva , in questo Governo, che risolvesse il problema Arcelor Mittal dopo quello che hanno combinato con i seggiolini anti - abbandono ?

ilrompiballe

Sab, 16/11/2019 - 19:01

dlux: Lei ha ragione. L'apertura di indagini da parte della Procura di Milano appare aria fritta, se non una complicazione, dal momento che anche Taranto indagherà (e se entrano in conflitto?). Nel frattempo Acelor non alimenterà i forni che si spegneranno. Finalmente Taranto avrà l'aria meno sporca (ci sono altri impianti inquinanti) e lavoratori e famiglie vivranno di aria. Tanto a Conte, Di Maio, Lezzi e compagnia lo stipendio arriva tutti i mesi e la bistecca è assicurata.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 16/11/2019 - 20:06

Ci risiamo. La nostra carta consente ai magistrati di fare politica con la toga indosso. Consente loro di controllare quello che la politica dovrebbe controllare: il paese. Brandendo le procedure come lupare, hanno sterminato repubbliche partiti governi patrimoni famiglie e persone perbene. Quello che i bellaciao fraintendono per maccartismo da noi è prassi quotidiana.

Libero 38

Sab, 16/11/2019 - 20:27

Egr. Direttore non credo che sia una sorpresa se il difensore dei ladri di galline giuseppi e il vendibibite giggino o uapp di pomigliano non riescono a far cambiare idea a Arcelor Mittal.Ma gigggino o uapp non aveva promesso alle ultime elezioni ai tarantini che se i 5 stalle avrebbero vinto le elezioni avrebbero chiuso l'Ilva per poi trasformarla in un bellissimo parco.

guido.blarzino

Sab, 16/11/2019 - 21:14

Articolo pragmatico. Fra Ilva e indotto 20.000 persona a casa disoccupati. Quante famiglie? Qui rischiamo di dare la stura a disordini sociali seriamente e chi ha fame e famiglia senza lavoro non lo fermi nemmeno con gli spari. La situazione è oggettivamente pericolosa ed altre verosimilmente seguiranno. Troppe castagne arrosto. Intanto il fragile territorio italiano cede con danni per mancata manutenzione sulle opere strutturali. Investimenti a zero. Dove ci vogliono portare questi disgraziati politici ???

utherpendragon

Sab, 16/11/2019 - 23:14

ridere per non piangere? l'altoforno 2 dovrebbe essere già chiuso , ma non per decisione dell'Arcelor bensì per decisione della magistratura.La causa civile contro l'Arcelor ( ammesso che sia vinta dallo Stato italiano) si trascinerà per 10 anni , con grande giubilo degli avvocati che ci si arricchiranno.( Magari anche qualche amico degli amici) L'Arcelor con quella sentenza , ammesso che sia contro di lei , ci farà qualcosa che la decenza mi impone di non dire.L'aspetto più Kafkiano è che le quotazioni dell'Arcelor sono aumentate di 6 punti appena risaputo che stavano per mollare l'ILVA ( cioè l'Italia)

paolo1944

Dom, 17/11/2019 - 12:13

Il paese ormai implode, la politica ha fallito (tutta, anche il grande capo non ha combinato quasi nulla in 14 mesi di governo). Occorre che il popolo si faccia sentire, scendiamo in piazza e imponiamo una nuova assemblea costituente eletta con il proporzionale puro, che in 6 mesi faccia una nuova costituzione, scopiazzando da paesi meglio organizzati di noi. Questi mentecatti rossogialli ci stanno portando alla rovina e noi subiamo in silenzio. Ci vogliono decine di milioni di email, lettere, telefonate, qualsiasi cosa ma facciamoci sentire.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 17/11/2019 - 12:32

Faccenda gestita malissimo, fin dalle sue origini. Ora diventa un guaio, qualunque pezza ci si metta.

jacaree1

Dom, 17/11/2019 - 12:52

la vera ragione per la quale conte e il suo governo hanno passato la palla ai magistrati è che davvero non sanno cosa fare e cercano perciò di crearsi un alibi; peccato che lo abbiano capito tutti ma proprio tutti e che il giochetto avvenga sulla pelle di svariate decine di migliaia di persone in prima battuta, di tutto il paese poi

giovanni951

Dom, 17/11/2019 - 13:00

peró é altrettanto vero che non é possibile consentire a chi viene qui di far quel cavolo che vuole. Con senno di poi, é chiaro che AM é venuta qui per poter chiudere e togliere un concorrente di torno. Certo, i 5 patacche gli dato l’occasione per iniziare la chiusura. Sempre che non erano d’accordo.....

VittorioMar

Dom, 17/11/2019 - 13:02

..la Parcella che il Popolo Italiano dovrà pagare E' a tutti coloro che hanno voluto e Imposto questo Governo, E' declino Economico...Debito Pubblico...Disoccupazione...Povertà...Lotta tra POVERI ed EMARGINATI !!..ITALEXIT da questa UE Debole e Fragile...senza una parvenza di POLITICA UNITARIA di POPOLI e NAZIONI !!! serve VERO Cambiamento ..serve VOTARE !!

giovanni951

Dom, 17/11/2019 - 13:03

in ogni caso, le multinazionali non vengono qui principalmente per la eccessiva burocrazia e le troppe tasse.

Ritratto di Walhall

Walhall

Dom, 17/11/2019 - 13:33

Gentile Direttore, un articolo eloquente che descrive con acribia la sommatoria dei risultati tangibili di una figura inadatta al Ministero che occupa. Ma una domanda mi sorge in seno spontanea, dato che da tedesco, ingegnere e imprenditore qual sono, mi piace ragionare sulle operazioni matematiche. Perché in Italia l'inefficienza, che ha dei costi ributtanti sulla collettività, non viene punita da alcun organo di vigilanza super partes? In Germania abbiamo il Kontrollinstanz sull'operato politico, e se vi sono delle inettitudini permanenti sulla conduzione, il nostro Presidente Steinmeier, può chiedere elezioni anticipate sciogliendo il Bundestag(Parlamento). In Italia, dove un Presidente percepisce solo per la sua carica, se non erro, quasi €20.000/mese, perché non può fare altrettanto per il bene del Paese, dinnanzi alla inconfutabile incompetenza di un esecutivo? Gli stereotipi che orbitano sull'Italia, sembrano mai tramontare.

ARGO92

Dom, 17/11/2019 - 13:44

i veri colpevoli del disastro ilva LA MAGISTRATURA MAFIOSA

Ikyo

Dom, 17/11/2019 - 17:58

Invece Sallusti voleva l'Italia piegata a farsi fregare dagli indiani e da tutte le società straniere! Come se lo scudo (che non era nel contratto) avesse fatto differenza! Abbiamo il paninaro ignorante che più del Burghy non ha fatto, parassita da 26 anni coi suoi bond mittal, ok?

utherpendragon

Lun, 18/11/2019 - 00:14

@Walhall rispondo amaramente alla sua comprensibile perplessità :In Italia manca il senso dello stato.Il grande e cinico Guicciardini diceva 5 secoli or sono : "ognuno bada al suo particulare"