Il parcheggiatore-pusher sorpreso con 3,5 chili di hashish

Scoperte anche dosi di cocaina e pasticche. Un 52enne finisce in manette a Camerota, in provincia di Salerno

Scoperto in casa e sul posto di lavoro con tre chili e mezzo di hashish, in manette il parcheggiatore-pusher a Camerota, nel Cilento. L’operazione porta la firma dei carabinieri che, già da tempo, sorvegliavano le mosse del 52enne.

I militari, nella serata di sabato scorso, hanno deciso di entrare in azione. Coadiuvati dai “colleghi” a quattro zampe del nucleo cinofilo, i carabinieri hanno scoperto che nella disponibilità di quel tranquillo parcheggiatore c’era un’importante quantità di droga che, secondo gli inquirenti, l’uomo avrebbe ceduto ai giovani della movida estiva in uno dei luoghi più frequentate del Cilento.

Sul posto dove esercitava l’attività di parcheggiatore, e poi nella sua abitazione, i carabinieri hanno trovato una discreta quantità di droga pronta a essere ceduta agli assuntori. Nello specifico, sotto i sigilli dei tutori dell’ordine sono finiti complessivamente tre chili e mezzo di hashish, alcune pasticche di ecstacy e diverse dosi di cocaina. Gli è stata, inoltre, sequestrata la somma di duecento euro in contanti che, per gli inquirenti, rappresenterebbe l’incasso dell’attività di spaccio a lui imputata.

Per il 52enne si sono aperte le porte della casa circondiale di Vallo della Lucania.