Parma, punta la pistola al vicino durante una lite per i cani: arrestato 38enne

La Polizia di Parma ha tratto in arresto un uomo di 38 anni che ha puntato una pistola alla pancia del suo vicino al culmine di un litigio causato dai suoi tre cani di grossa taglia

La Polizia di Parma ha tratto in arresto un uomo di 38 anni che ha tentato di minacciare con una pistola il suo vicino di casa. Questo grave episodio si è verificato nei giorni scorsi in via della Martinella a Parma, dove è scoppiata una lite furibonda tra un 38enne e il suo vicino di casa, infastidito per la presenza nel suo giardino dei tre grossi cani di razza rottweiler dell'uomo.

Il vicino di casa del 38enne, un pluripregiudicato che vive proprio di fianco a lui, gli avrebbe fatto notato in diverse occasioni la presenza dei tre rottweiler all'interno della sua proprietà. Inizialmente il 38enne parmigiano ha risposto solo con degli insulti senza minimamente ascoltare le richieste del vicino, che però non si arreso e gli ha nuovamente intimato di portare via i cani dal suo giardino. A questo punto la discussione fra i due sarebbe degenerata, tanto che il 38enne è arrivato addirittura a minacciare di morte il vicino. Dalle parole è passato però velocemente ai fatti, dal momento che dopo poco si è recato nella sua abitazione, ha preso una pistola Beretta e senza pensarci due volte l'ha puntata alla pancia del suo avversario, che continuava a protestare per i cani.

Fortunatamente il vicino, dopo un primo momento di spavento, è riuscito ad entrare in casa per chiamare le forze dell'ordine. Nel frattempo il 38enne ha continuato a inveire contro di lui, lanciando anche dei petardi contro la porta del vicino, che si è quindi barrricato in casa aspettando l'arrivo dei poliziotti. Dopo poco, gli agenti della Questura di Parma sono giunti sul posto e hanno arrestato l'aggressore per il reato di detenzione illegittima di armi da fuoco. L'uomo è stato poi denunciato per lesioni aggravate, minacce aggravate e lancio di oggetti esplodenti e condotto in carcere.