"Il parto senza censure". E la foto in pannolone fa il giro del web

Il compagno la fotografa con addosso il pannolone post parto. E lei pubblica lo scatto su Facebook

(clicca sulla foto per ingrandire)

"La maternità senza censure". Segue una foto che mostra un uomo con in braccio il figlio appena nato e sullo sfondo la compagna, di spalle e con indosso solo il pannolone post parto (guarda la foto).

Lo scatto è stato realizzato dall'uomo, che probabilmente voleva solo bonariamente prendere in giro la neomamma e conservare un'immagine ben diversa da quelle che vengono tradizionalmente scattate dopo un parto. E lei, Amanda Bacon, ci ha riso su e ha deciso di pubblicare la foto su Facebook per mostrare un altro lato della gravidanza.

"Questa è la maternità; naturale, sbalorditiva, disordinata e spaventosamente divertente", ha scritto la donna, "Avere un bambino è un'esperienza bellissima, e tutta la realtà della vita postpartum è qualcosa di cui non si parla abbastanza. Ed è qualcosa che decisamente non viene fotografato abbastanza. Alcune persone potrebbero provare un po' di disagio con tutto questo, ma perché? Io davvero non mi sento a disagio! Probabilmente perché di questa parte non si parla. Dobbiamo invece provare ed educare, rafforzare, abbracciare ogni aspetto del parto, inclusi momenti come questo. E farlo con un grande senso dell'umorismo. Nulla dà il benvenuto nel mondo delle mamme come un adorabile bambino appiccicaticcio e un gigante pannolino per madri".

Ed evidentemente ha toccato un aspetto del puerperio che colpisce moli, dal momento che il suo post ha raggiunto in poco tempo oltre 470mila "like" e quasi 120mila condivisioni.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Ven, 08/07/2016 - 18:29

La gente non sa più cosa inventarsi per guadagnare un po' di visibilità. Buffoni.

Kupo

Ven, 08/07/2016 - 20:42

Molto elegante!!!

blackindustry

Sab, 09/07/2016 - 10:20

Che idiozia, ormai l'uomo e' talmente castrato mentalmente che si rifu e a fare queste cose. Un po' come quella pubblicita' che stanno trasmettendo questo periodo, sugli "assorbenti a prova di maschio" dove dei signori (?) mostrano come si usino gli assorbenti interni. Questa non e' parita', e' perdita della peculiarita' maschile.