Il patto segreto sul voto

Tutti i rischi della guerra-lampo di Matteo. Ma la "blitzkrieg" va chiusa in fretta. Ecco il retroscena sulla crisi M5s-Lega

Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il Ferragosto. Debbono essere condotte contro un avversario inerme e impreparato e hanno bisogno di un alleato, sulla carta un nemico, che assecondi l'operazione e partecipi alla divisione delle spoglie: all'epoca, il patto Ribbentrop-Molotov, permise alla Germania nazista e all'Unione Sovietica di dividersi la Polonia; in questo caso il nuovo leader della destra, Matteo Salvini, mette in campo un'intesa, sia pure non dichiarata, con il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che punta al voto in tempi brevi per fare fuori i 5stelle e radere al suolo ogni ipotesi di centro moderato prima ancora che rinasca: si tratti di Matteo Renzi; di quel che resta di un'inconsapevole Forza Italia; della potenziale discesa in campo di un Urbano Cairo o chi per lui. «Ci sta! - chiosa l'azzurro Piergiorgio Cortellazzo Salvini nei panni di Ribbentrop. E Zingaretti in quelli di Molotov». L'obiettivo dell'operazione prevede la competizione futura tra la Lega di Salvini, diversa da quella di Bossi, e un Pd targato ex-Ds, dove gli eredi del Pci torneranno a farla da padroni rispetto a uno sparuto gruppo di nipotini di De Gasperi: il primo, forse, si prenderà il Paese da solo (ha già detto che alle urne correrà in solitario) o con qualche nano ininfluente come alleato da mettere in seconda fila nelle «photo op»; i secondi, invece, si accontenteranno di essere egemoni sull'opposizione. Come il Pci di una volta.

Inutile aggiungere che i contraenti, Salvini e Zingaretti, negheranno anche sotto tortura il Patto segreto, come pure hanno fatto in vita sia Hitler, sia Stalin. La conferma di certe operazioni, infatti, la danno le vittime, non i carnefici. E basta sentirle parlare per non avere dubbi. «È chiaro ha spiegato al suo inner circle Giggino Di Maio che Salvini non avrebbe osato se non avesse un'intesa per il voto anticipato con Zingaretti». Matteo Renzi, addirittura, lo dice alla luce del sole: «C'è un patto scellerato tra Salvini e la segreteria Pd per fare fuori tutti, compresi i miei e me». E l'entente cordiale tra il vice-premier leghista e Zingaretti non sfugge al più presente a se stesso dei forzisti. «Vogliono radere al suolo pure Forza Italia ammette Gianfranco Rotondi , chi di noi si salverà non più di venti dovrà nei fatti abiurare ed indossare la camicia verde». Naturalmente i registi del «patto tra diversi» dicono che le alleanze sottobanco le stanno facendo gli altri. Salvini ha già cominciato: «Sento toni simili tra Renzi e Di Maio: un'alleanza tra Pd e M5s sarebbe inaccettabile». Roba da manuale. In fondo il leader leghista, alla vigilia delle ultime elezioni politiche, denunciava il patto del Nazareno tra Renzi e Berlusconi, mentre trattava in gran segreto ad Ivrea con Casaleggio. Eppoi ad interpretare ora certi atteggiamenti ti accorgi che quell'intesa covava da tempo. A partire dalla sicurezza con cui gli uomini di Zingaretti puntavano sulle elezioni ad ottobre. Franceschini da settimane era pronto a scommetterci la casa. Mentre Domenico Del Rio il 29 agosto confidava: «Scommetto solo che la crisi ci sarà all'inizio dell'autunno o, addirittura, a fine agosto». Lo sapevano, ma non erano sicuri: Salvini l'aveva ventilata come ipotesi. Il vicepremier leghista, infatti, ha tratto il dado quando ha capito che - con la trasformazione in legge della riduzione dei parlamentari il 9 settembre e con la decisione del capo dello Stato, in caso di approvazione, di garantirne la sua attuazione, con referendum annesso, prima di eventuali elezioni - la finestra elettorale sarebbe rimasta chiusa per tutta la primavera prossima. Mandando all'aria i suoi piani.

Così ha dato il via libera alla blitzkrieg. Prima ha tentato di dargli un senso: ha chiesto, riservatamente, a Zingaretti e Berlusconi di fare uscire dall'aula i loro senatori per fare passare la mozione grillina sul «no alla Tav». In quel caso, messo in minoranza da Di Maio, avrebbe avuto una motivazione cristallina per aprire la crisi. Ma il piano è fallito per l'insurrezione di senatori, che hanno fiutato il pericolo di elezioni. E allora ha deciso di metterci la faccia in prima persona, senza ragioni plausibili, visto che aveva incassato il decreto sicurezza bis e aveva battuto i grillini sulla Tav: insomma, ha dato il via al festival del paradosso.

Ora, però, la «guerra lampo» Salvini deve vincerla. E non è ancora detto. Per riuscire, infatti, la blitzkrieg deve essere chiusa in tempi brevi: ieri lo Spread in una giornata è salito di 26 punti. Salvini, che comincia ad aver qualche timore, ha accelerato i suoi piani, presentando al Senato la mozione di sfiducia al governo. Ma per riuscire il vicepremier leghista deve anche dividere le vittime predestinate, impedirgli reazioni e magari lusingarle (puntualmente sono tornate a girare tra i forzisti le liste dei supposti «garantiti» dal leader leghista): in sintesi, deve indebolire gli avversari e tentare di trasformarne i capi in novelli Chamberlain. Salvini, va detto, ha dimostrato di avere «le palle» che Renzi aveva messo in dubbio: ha puntato sulle elezioni avendo solo il 17% dei seggi (in Parlamento i sondaggi servono per darli al gatto, come l'Albertone di Un americano a Roma faceva con la mostarda e il latte). Ora sono gli altri, che debbono essere determinati e spregiudicati quanto lui. «O ci muoviamo sintetizza Pierferdinando Casini o saremo semplici spettatori della cavalcata autoritaria di Salvini». E Renzi ha superato la proverbiale idiosincrasia nei confronti dei grillini: «Bisogna sparigliare».

La battaglia si deciderà sui numeri di Conte al Senato. Il premier, se sarà sempre più «tecnico», può diventare potabile per i tanti che aborriscono il voto. Argomenti ne avrebbe. Può dire che con questa tempistica elettorale (Mattarella non scioglierà prima del 26 agosto), il paese rischia l'esercizio provvisorio e l'aumento dell'Iva: in piena recessione globale sarebbe una mazzata letale. Può dimostrare che, trattando da dimissionario le nomine Ue, l'Italia conterrà nulla nel consesso europeo. Può incitare la cosiddetta «Casta» a dimostrare di essere capace di riformare se stessa, approvando la riduzione dei parlamentari il 9 settembre e rivendicandola di fronte al Paese con un referendum confermativo. E può promettere di accompagnare una simile riforma, che provocherebbe ulteriori impennate maggioritarie nel sistema elettorale, con una legge elettorale proporzionale. Quella che sognava il Cav. Insomma, le vittime designate potrebbero far sentire la loro voce, a meno che la paura non le abbia rese già afone. L'alternativa per loro, però, è quella di non avere un domani. «Se Conte si proponesse così ammette Rotondi lo voterei». «Berlusconi dovrebbe capire che con il proporzionale confida il senatore azzurro Fazzone i nostri seggi li prenderemmo da soli, senza inginocchiarci a Salvini. Semmai dovrà essere lui ad inginocchiarsi di fronte a noi, per trovare i voti in Parlamento se un domani vorrà fare il Premier». Solo che obiettivi del genere li raggiungi solo se hai coraggio (Salvini docet). Quel coraggio che, come diceva Don Abbondio, se non ce l'hai non te lo puoi dare.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 10/08/2019 - 17:53

è questo il rischio che dovremmo correre per fare un piacere a salvini? ma siamo matti? questa è l'anticamera dell'uomo solo al comando, di mussoliniana memoria? vogliamo VERAMENTE, correre questo grave rischio? se, una volta al comando, chi garantirà che lui non toccherà i nostri diritti, non farà come mussolini, o peggio, come stalin? :-) su avanti, babbei comunisti, grulli, e legaioli, diteci chi ci garantirà? l'europa? ma non fatemi ridere: all'europa se ne fregherà perchè farà dell'italia una zona in quarantena dove nessuno uscirà se non sarà abbattuto salvini! ergo, se salvini vuole correre da SOLO o con qualcuno di sinistra, non daremo certamente il voto !

Massimo Bernieri

Sab, 10/08/2019 - 18:37

E se finisse come con il primo governo Berlusconi con Scalfaro che promise nuove elezioni e invece ci beccammo il governo tecnico Dini in attesa che il PD si riorganizasse?Quanto a uno solo al comando,la Costituzione è stata fatta dopo il fascismo proprio per evitare ciò e abbiamo visto come molte leggi"autoritarie" sono state cassate dalla Consulta ed è a rischio anche le nuova legge sulla sicurezza.Tranquilli:non cambierà nulla.

bernardo47

Sab, 10/08/2019 - 18:42

Salvini apra e subito al Cavaliere, perché Gentiloni è bravo e attrattivo per i moderati......da cui proviene peraltro....sarebbe una alternativa importante, ove fossero fissati i paletti su immigrazione controllatissima....

polistrum

Sab, 10/08/2019 - 18:43

ma di che vi preoccupate , tranquilli, in Italia, come del resto anche in altri paesi europei, ormai non comanderà più nessuno , questa politica ormai è solo fumo negli occhi per illudere ed illuderci , tutte le politiche sono destabilizzate , ormai è solo una questione economica , quindi che andiamo a votare a fare , non avete visto che ogni minimo accenno di governo e di parola al popolo , salta sempre qualcosa? io non voterò mai più, sono stanco di essere pigliato per i fondelli , è finita l'epoca del CREDO , della sinistra, destra, valori ,ecc...ormai siamo solo numeri , pedine e bancomat

Gianx

Sab, 10/08/2019 - 18:48

@mortimermouse servo di un berlusca evaporato. Occultati nell'oblio che tra poco Salvini si prenderà il governo per fare quello che bb non ha mai avuto il coraggio di fare: cambiare questo paese delle banane in qualcosa simile a quello che era negli anni d'oro e che voi e la sinistra, avete gettato nel cesso.

Ritratto di michageo

michageo

Sab, 10/08/2019 - 19:02

x mortimermouse. il Suo mi sembra il ruggito del topo.........

Michele Calò

Sab, 10/08/2019 - 19:08

Bullshits in liberta' come se fosse Antani. Finchè Berlusconi chiedeva il maggioritario e la maggioranza assoluta andava tutto bene, vero topastro mortimer del menga? La gente sta cercando il modo di mandare via a calci la feccia cattocomunista che ci succhia il sangue da oltre 73 anni: chi non lo capisce e lo avversa è solo un parassita che con l'attuale casta anti italiana ci campa. Chiaro?

diesonne

Sab, 10/08/2019 - 19:09

diesonne MINZOLINI HA DESCRITTO UNA BATTAGLIA PER COMBATTERE CONTRO I MULINI A VENTO

babilonia

Sab, 10/08/2019 - 19:09

Dubito fortemente che Mattarella accosenta agli italiani di tornare al voto, perchè tornandoci, Salvini farebbe incetta di voti e questo non gli andrebbe sicuramente a genio. Molto probabilmente egli, insieme a qualche sepolcro imbiancato studierà qualcosa di molto sporco nei palazzi romani della politica per evitare le elezioni (Monti docet).

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Sab, 10/08/2019 - 19:11

Ormai si dice tutto e il contrario di tutto. Sugli intrighi politici poi, di questi tempi, non c'é più alcun freno. Sono di destra e voterò Salvini. Non lo amo alla follia, ma tra lui e gli altri, scelgo lui. Aggiungo che, nella strategia politica preelettorale, Matteo deve in ogni modo possibile, grattare voti ai 5Stelle. Non so come ma deve farlo. Soprattutto al Sud.

oracolodidelfo

Sab, 10/08/2019 - 19:15

Ma il Dott. Minzolini viene pagato a righe?

arkkan

Sab, 10/08/2019 - 19:16

Scusi l'ardire, ma piu' che un commento politico questa è letteratura. In cui si ipotizza tutto ed il contrario di tutto.

Ritratto di Evam

Evam

Sab, 10/08/2019 - 19:17

Wunderbar "Blitzkrieg". Der Zweck rechtfertigt die Mittel. Viel glück mein lieber Salvini.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Sab, 10/08/2019 - 19:18

@ topomorto: "per chi suona la campana"? ….. per VOI, gente senza palle e senza cervello.

carlottacharlie

Sab, 10/08/2019 - 19:20

Minzolini, forse le sta dando di volta il cervello causa il troppo sole sulla zucca? La credevo più serio ed intelligente di quel che dimostra nell’articolo. Stare troppo vicino ai beoti Rossi si rischia d’essere infettati dalla pazzia fasciata ed hitleriana che non è il massimo per un giornalista. Evocare oggi quei tempi facendo paragone con l’attualità è, purtroppo per chi li evoca, un gioco idiota, non crede? Il suo essere di FI non le da’ diritto d’impaurite le menti deboli per tirare acqua al suo mulino forzista ed ormai disseccato .La leggevo sempre ed ora che ha ubbidito al padrone che ha poco seguito, mi guarderò bene dal farlo.. Ognuno ha le sue opinioni ma qui è solo un massacro verso chi volete avere alleato. Che vergogna!

venco

Sab, 10/08/2019 - 19:21

Paragoni furi di tutto.

Gattagrigia

Sab, 10/08/2019 - 19:23

Quello che è successo dopo la blitzkrieg lo conosciamo già, siamo proprio così stupidi da rivoler rivivere quei tempi?

Cheyenne

Sab, 10/08/2019 - 19:23

Egregio Minzolini "Salvini e Zingaretti, negheranno anche sotto tortura il Patto segreto, come pure hanno fatto in vita sia Hitler, sia Stalin". Mi perdoni, ma Hitler e Stalin non negarono mai: il patto era alla luce del sole tanto è vero che i capi comunisti occidentali , per primo il cosiddetto migliore dovettero salvare capra e cavoli fidando sulla cieca obbedienza dei compagni. E poi lei comprerebbe un'auto usata dallo zingaro, non credo. Salvini ha fatto un azzardo io spero che gli riesca, Non sottovalutiamo il cattocomunista del colle.

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 10/08/2019 - 19:27

lucida ed impeccabile analisi dell'oggi e dell'imminente futuro. ma il destino è già scritto.. e nessun tavolino o complotto ne lasceranno la traccia.- da una parte il sovranismo Salvini la Lega Nazionale. dall'altra tutto il RESTO.. che sia la sinistra il centro o il di sopra o il di sotto.- i "nuovi barbari".. sono arrivati a risvegliare le coscienze. dignità confini Stato.. diritti a anche doveri. dall'altra parte c'e il NULLA. il buco nero di una stella sinistra collassata su se stessa, che inghiottendo materia si espande.. ma che non potrà avere futuro.

giove4

Sab, 10/08/2019 - 19:38

Egr. Minzolini, più che un'analisi sulle strategie e scenari possibili, mi sembra di cogliere un messaggio subliminale con gli accostamenti a Blitzkrieg e Hitler. Non è appunto che fra le righe, vi sia un tentativo di veicolare il solito messaggio tormentone della sx: Salvini fascista/nazista? Immagino che anche la scelta della foto di sopra sia assolutamente casuale. O no!

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Sab, 10/08/2019 - 19:50

Articolo di fantapolitica di democristiana memoria! Le cose sono molte più semplici è arrivata l'ora che qualcuno governi senza inciuci, contrattucoli, giostre degli asini, sagre dei polpettoni, senatori a vita di turno! La maggioranza dei cittadini vuole nuove elezioni e vinca il migliore!

fft

Sab, 10/08/2019 - 19:54

Signor Minzolini, che il soggetto dell articolo, evito il cognome perché ormai da anni spunta in ogni front page a prescindere, sia appassionato di divise lo sapevo già. Mi mancava la passione per le strategie militari. Comunque io sono appassionato di Topolino ma a disegnare sono proprio negato.

MASSIMOFIRENZE63

Sab, 10/08/2019 - 19:55

Salvini si vede già Capo del Governo e con "pieni poteri", ma poi bisogna vedere se questo suo sogno diventa realtà.

bernardone

Sab, 10/08/2019 - 20:06

Minzolini deve ritornare a studiare storia: dire che francesi e inglesi (che pure hanno teorizzato la guerra lampo) erano impreparati alla guerra vuol dire sfiorare il ridicolo. Propongo Lidell Hart per iniziare. Quanto all'analisi politica, lasciamo perdere! Del resto lui ha sempre sparso veleno sulla Lega, perché stupirsi!

cir

Sab, 10/08/2019 - 20:33

e' stato fotografato a Lourdes mentre chiedeva la grazia...

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 10/08/2019 - 20:41

I parallelismi storici dimostrano una conoscenza della disciplina da maturando con il 36 (o 60) politico. Rovinato un articolo potenzialmente interessante.

roberto zanella

Sab, 10/08/2019 - 20:45

MA E' INUTILE CHE AVVICINIATE SALVINI A RENZI.....SALVINI E' PERSONA SERIA E DI PAROLA, QUELL'ALTRO LO SI VEDEVA, LO SI FIUTAVA CHE ERA ARTIFICIALE, UN CHIACCHERONE CHE PIACEVA A BERLUSCONI. SALVINI E ' ALTRA COSA LA GENTE CAPISCE CHE E' ONESTO, SINCERO E CHE CERCA VERAMENTE IL BENE DELL'ITALIA.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 10/08/2019 - 20:54

@Gianx 18:48,@giove4 19:38...concordo!Anche questo è imbufalito,e descrive questi scenari apocalittici!Il copione invece questa volta lo stanno scrivendo gli "ITALIANI",che ne hanno le scatole piene di "moderatismo" di "accoglienza" di "europa",di "perdita di identità",di "sovranità",di "piano Marshal" per il Sud,di Regioni che sperperano,di "genitore 1-2-3",di Caino coccolato con Abele morto,etc.etc..Questi elettori,vogliono che questo copione sia recitato da Lega+FdI,con al limite qualche personaggio "alla Toti"!...Tutto il resto si accomodi pure in sala,e se qualcuno vorrà applaudire qualche battuta,ben venga...Tutto il resto è FUFFA!

ghorio

Sab, 10/08/2019 - 21:35

Bravissimo Minzolini: è un notista politico di vaglia. C'è da sperare che gli oppositori di Salvini si sveglino.

Ritratto di malatesta

malatesta

Sab, 10/08/2019 - 22:08

Volete un Monti bis? Volete essere spennati senza alcuna speranza?Avete provato Napolitano, Monti, Renzi, e poi Gentiloni che non hanno risolto niente e hanno portato l'Italia alla rovina. Ma proprio non vi va mai bene nessuno?.Svegliatevi.!!

Klotz1960

Sab, 10/08/2019 - 22:09

Articolo letteralmente delirante. Tutte ipotesi fantasiose. Una vera perdita di tempo. Che l'Italia come Paese sia in crisi nera, si capisce anche da articoli del genere. E' totalmente ridicolo pensare che Salvini abbia intese con Zingaretti. Sfugge invece del tutto che il prossimo Governo leghista sara' formato poco dopo il trauma della Brexit senza accordi, ossia in una fase di debolezza massima dell'UE. E' cio' su cui gioca Salvini - altro che accordi con Zingaretti.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Sab, 10/08/2019 - 22:18

Pura dietrologia senza solidi argomenti. Salvini e Zingaretti hanno obiettivi completamente diversi. E' più facile che si accordino piddì e 5 stalle.

mariobaffo

Sab, 10/08/2019 - 23:12

Io capisco una cosa sola ; Un governo Salvini fa paura a tanti non lo vuole l'Europa non lo vuole il Papa non lo vuole la Germania e la Francia,ma perche??? ma per fortuna per adesso lo vuole la maggioranza degli Italiani, ma è mai possibile che chi vota lega viene considerato un boscaiolo ,un analfabeta ,un truce ,un ignorante ,e chi più ne ha più ne metta,perchè da così fastidio ?

ikkoikko

Sab, 10/08/2019 - 23:12

Augusto Minzolini, ogni singola parola e frase scritta in questo articolo è completamente falsa.

brunog

Sab, 10/08/2019 - 23:45

Articolo senza construtto, Salvini vuole assumere il ruolo anti Europa dal momento che i nostri mali cominciano da li'. Ci saranno manovre per fermarlo, ma alla fine la spuntera'. mortimermouse, per favore prendi una camomilla e vai a fare quattro passi, magari ad Arcore.

Paolo17

Sab, 10/08/2019 - 23:47

Povero Salvini. Adesso è finito il momento di fare il figo nei comizi. Tutto gioco facile. Adesso è il momento di tirare fuori le capacità diplomatiche, la lungimiranza, le doti culturali e l'intelligenza tattica. Tutte cose che non ha. Se il M5S non ci frega tutti quanti con il PD, e sarebbe la cosa più drammatica per l'Italia e più offensiva a livello personale per l'Hugo Chavez padano, dovrà tornare alla corte di Berlusconi per racimolare le briciole. Sempre che Toti non esca altrimenti non potrà contare né su uno né sull'altro. Perché, lo dice la matematica: è praticamente impossibile che possa farcela da solo con la stampella della Meloni.

fft

Sab, 10/08/2019 - 23:50

Ikkoikko. Come si permette a rivolgersi cosi a chi di nome fa 'Augusto'?

acam

Dom, 11/08/2019 - 05:45

ottant'anni prima si contendevano un territorio, ora viene prospettata una contesa per la distruzione di un nemico seppure fatiscente ma che esiste in meno di un quinto dei cervelli italiani che sono effettivamente il problema italiano insieme al 36 per cento che non vota. non andiamo a cercare i problemi dove non stanno. il paragone mattarella come novello scalfaro calza purtroppo. a salvini ha dato di volta il cervello la fine di traditore di berlusconi, che tocchera anche toti, si avvicina, se il popolo non potrà votare al più presto vome corre il paricolo.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 11/08/2019 - 07:43

Comunque l' invito a Salvini dovrebbe essere ben preceduto da un invito a Berlusconi, che spieghi al "papa della fine del mondo" e poi alla agli ignoranti prelatoni Cei ipnotizzati da Prodi, che i soldi sono solo dei pezzi di carta stampata, ma se non hai la gente che lavora per darti il pane, e dei soldati, soldati, che lo difendano, non sono nulla.

carlolandi

Dom, 11/08/2019 - 07:59

SU SALVINI Analisi molto lucida e convincente. Ma a volte la politica gioca brutti scherzi. La decisione del PDR è fondamentale e considerato il passato non scommetterei su un ok per Salvini.