Pedibus con i migranti, polemica ad Arcore

L'opposizione di centrodestra protesta contro il sindaco Pd: "Non faremo accompagnare i nostri figli a scuola da migranti dallo status giuridico sconosciuto"

Migranti che accompagnano a scuola i bimbi di Arcore. È proprio il Comune in cui nel 1974 ha voluto fissare la propria residenza Silvio Berlusconi che funge da palcoscenico per l'ultima polemica intorno al tema principe delle cronache locali di questi anni: l'accoglienza dei richiedenti asilo nei piccoli centri della provincia italiana.

Nel centro brianzolo alle porte di Milano, infatti, l'amministrazione di centrosinistra ha lanciato un'iniziativa destinata a far discutere: il pedibus (servizio di accompagnamento dei bimbi a scuola effettuato a piedi, ndr) con i profughi. Insieme a nonni e genitori, i piccoli studenti degli istituti arcoresi verranno infatti accompagnati a scuola da cinque giovani richiedenti asilo ospitati in una struttura del territorio.

Un'idea che ha scatenato la rivolta dell'opposizione di centrodestra in Consiglio comunale, pronta a tappezzare la città di manifesti dagli slogan inequivocabili: "A scuola con uno sconosciuto? No grazie. Migranti senza status giuridico per accompagnare i nostri figli a scuola? Diciamo di no." Decisamente contraria la rappresentanza cittadina di Forza Italia, con il capogruppo Cristiano Puglisi che parla di "scelta ideologica ed irresponsabile": "Nessun genitore potrebbe voler affidare i propri figli ad uno sconosciuto".

L'amministrazione a guida Pd, dal canto suo, si difende spiegando che "si tratta di un'iniziativa partita dai genitori" e che anche per i giovani studenti sarebbe "l'occasione per entrare in contatto con i concetti di accoglienza e di umanità".

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Sab, 11/03/2017 - 10:22

strana proposta questa.. mi viene in mente “ IL Miglio Verde”, dove john Coffey..(Michael Clarke Duncan) un tizio di colore alto due metri di una bontà estrema, aiutava per quanto possibile la sua comunità.. nonostante fosse stato da Loro (ingiustamente) condannato a morte.- questa è un'altra storia.. ma forse neanche tanto.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Sab, 11/03/2017 - 10:43

solito buonismo peloso antiitaliano dei sinceri democratici. ci sono loro figli tra i bambini?

tonipier

Sab, 11/03/2017 - 10:55

" SONO MAESTRI DELL'INCIVILTA'"

honhil

Sab, 11/03/2017 - 11:33

Come si fa ad avere idee così balorde? Come si fa a pensare di potere affidare i figli a gente di cui non si sa nient’altro, oltre a quello che raccontano per potersi accreditare come rifugiati? Si può essere cosi drogati d’ideologia, da non saper discernere l’insito pericolo che una iniziativa del genere inevitabilmente nasconde? Sì, si può. E sembrano anche essere orgogliosi di farlo. A patto, però, che i figli del sindaco e della sua giunta siano accompagnati a scuola dalla polizia comunale.

VittorioMar

Sab, 11/03/2017 - 12:14

...non credo che NONNI E GENITORI,SI LASCERANNO ACCOMPAGNARE DA "SCONOSCIUTI"!!...

Tarantasio

Sab, 11/03/2017 - 12:18

così si giustifica l'arrivo urgente di un altro milione di badanti doc... sennò come faranno i bimbi ad andare a scuola??

PAOLOTASS

Sab, 11/03/2017 - 12:29

Ai lettori a che cosa mira il governo di sinistra con la politica di accoglienza di un mondo che non ha il diritto di essere mantenuto dalle entrate statali versate dai cittadini italiani ? le regole dei salvataggi in mare , prevedono che trasbordati gli africani dai gommoni alle navi ONG che stazione nelle vicinanze , siano sbarcati nei porti africani più vicini e gli scafisti arrestati. Di tutto ciò non avviene nulla , ergo tale politica è finalizzata ad accumulare , a costi onerosissimi per gli italiani ,una massa elettorale che al momento opportuno disgregherà la rappresentanza politica degli italiani

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 11/03/2017 - 13:26

Sapete perche ad Arcore (ho diversi amici che ci abitano) hanno un sindaco PD, perche tanti di quei genitori che ora protestano, NON sono andati a votare alle comunali!!! Quindi chi è causa del suo mal ecc!!!!

istituto

Sab, 11/03/2017 - 13:41

E anche se avessero ricevuto lo status di rifugiato ,cosa si sa di queste persone ? NIENTE. Detto questo anche persone che hanno ricevuto lo status di rifugiato hanno commesso reati gravi per cui lo status non è assolutamente una garanzia. Questo si chiama INDOTTRINAMENTO e LAVAGGIO DEL CERVELLO. Ovvero fare accettare accettare l'INVASIONE. Un'ultima cosa. Gli ITALIANI disoccupati per accompagnare i bambini a scuola FANNO SCHIFO ? Solo la SINISTRA poteva partorire un'idea così DEMENTE.

carpa1

Sab, 11/03/2017 - 14:04

Sono richiedenti asilo? Prima lo ottengano e poi dimostrino di avere TUTTI i requisiti richiesti agli italiani dalla faraginosa burocrazia italiana per poter svolgere questo servizio perchè, anche ottenuto l'eventuale asilo, non si capisce per quale ragione abbiano dei diritti a fronte di requisiti che non hanno (nessuna padronanza della lingua italiana, nessuna conoscenza delle leggi italiane, presunzione di potersi comportare come nei loro paesi, e via dicendo). E poi, che cavolo di giustificazione è quella di "iniziativa partita dai genitori"? Ed i concetti di accoglienza ed umanità applichiamoli a coloro che hanno effettivamente diritto di asilo e che, caso mai, fanno richiesta presso le ambasciate o che, per lo meno, arrivano con un documento. Mi sembra tanto un escamotage sx per mettere gli altri di fronte al fatto compiuto: lavoro(?) e poi cittadinanza pur senza requisiti.

checciazzecca

Sab, 11/03/2017 - 15:24

se una macchina travolge questi signori in servizio, mentre accompagnano i bimbi a scuola, scatta la pensione per causa di servizio?

checciazzecca

Sab, 11/03/2017 - 15:26

visto che la costituzione recita che il popolo è sovrano, quale è il contrario di populismo? golpismo

killkoms

Sab, 11/03/2017 - 16:22

votate i sinistrioti,e sapete cosa vi troverete!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 11/03/2017 - 16:47

sempre più farsa.... la gente non sospetta neppure lontanamente la FEROCIA che vivremo a breve. Un autentico orrore.

Juniovalerio

Sab, 11/03/2017 - 18:18

mio figlio va in macchina non con i negri