Pedofilia, in due anni 400 sacerdoti spretati da Benedetto XVI

Il giro di vite imposto nel 2010 dal Pontefice ha costretto decine di preti ad abbandonare la tonaca

Non esattamente 400, come scriveva ieri l'agenzia stampa Associated Press, ma sono comunque diverse decine i preti che si sono visti privare del loro ruolo durante il Pontificato di Benedetto XVI, come conseguenza di una stretta della Chiesa cattolica sui reati di pedofilia.

Norme severe varate nel 2010 hanno portato come risultato 125 richieste di lacicizzazione e 135 di dispensa dagli obblighi sacerdotali l'anno successivo. I numeri vengono direttamente dalla sala stampa vaticana, guidata da padre Federico Lombardi, che ha corretto leggermente le cifre riportate dall'Ap, spiegando anche che nel 2012 i numeri sono stati diversi: 57 le richieste di laicizzazione, 67 quelle di dispensa dagli obblighi.

In due anni sono dunque 182 le richieste di dismissione dallo stato clericale e 202 le dispense, relative a casi "avvenuti negli anni precedenti".

I numeri riportati dall'Associated Pressha spiegato la sala stampa vaticana sono esatti "in base ai volumi dell'Attività della Santa Sede". Anche se all'inizio si era pensato a una confusione con i casi riportati nel 2012, "il dato è giusto". Il documento ottenuto dall'agenzia stampa contiene quanto raccolto per difendere la Santa Sede davanti a una commissione dell'Onu incaricata di verificare l'applicazione della Convenzione per i diritti del fanciullo da parte del Vaticano.

Commenti

mauralombardia

Sab, 18/01/2014 - 13:19

Un grande rispetto e una grande stima per un grande Papa.

moshe

Sab, 18/01/2014 - 13:25

Troppi stranieri: la Chiesa vuole le quote preti ..... ..... ..... CHE SI TRATTI DI RAZZISMO? papa francesco, mi meravigli!!!

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 18/01/2014 - 16:14

Credo che Papa Benedetto XVI abbia lavorato molto senza tanti clamori.

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Sab, 18/01/2014 - 17:06

"Dofete fare i brafi preti e non molestare bravi pampini e pampine! Per castigo niente più messa e stasera niente dolce!"; Denunciarli e mandarli in galera no eh?!

Giovanni Evolani

Sab, 18/01/2014 - 17:17

Caro moderatore. sei proprio un POVERO omino. Io Giovanni Evolani ho messo la mia firma con tanto di nome e cognome , e con l'indirizzo che tu hai. Io sono un UOMO. Temto per la ultima volta. L'articolo suesposto é molto ambiguo. Sembra che i 400 prelati siano stati cacciati dalla Chiesa Cattolica per la severitá e per interventi diretti del Papa Benedetto XVI. Si parla di una stretta della Chiesa Cattolica sui reati di pedofilia. L'articolo procede e specifica che 135 sono state le richieste (si presume spontanee) di laicizzazione, e 135 di dispensa dagli obblighi. Per i primi il Vaticano non ha fatto altro che accettare le richieste dei prelati stessi. Per i secondi (meraviglia) si tratta di sospensione dagli incarichi (si presume sacerdotali) Ma, dove é la stretta? Dove é l'intervento severo del Papa? Dove é la pena? Dove é la giustizia divina? Gesú Cristo ha previsto, in questi casi, una corda al collo e una pietra da molino con quanto segue.. E cosa dire della giustizia secolare di fronte ai crimini di pedofilia dichiarati? Perché il Ministero della Giustizia non interviene dato che detti crimini sono stati commessi su bambini in tenera etá? Perché non si parla dei bambini stuprati? Ai demoni, ai mostri, ai lenoni solo alcune “attenzioni” alle vittime nemmeno una parola. A questi bambini, ora adulti io dico: Iddio vi tiene nelle Sue mani, Voi siete innocenti come la neve. Alzate il vostro capo che il Paradiso, quello vero vi attende. Un discepolo di Gesú Cristo. Giovanni

claudio faleri

Sab, 18/01/2014 - 17:41

grande maestro gesuita..un furbacchione...sa dove mettere le mani per riscuotere consensi

claudio faleri

Sab, 18/01/2014 - 17:43

afrikorps.....torna in affrica che è meglio oppure impara l'italiano e poi stai zitto, che è meglio ancora

NON RASSEGNATO

Sab, 18/01/2014 - 17:52

Date a Cesare quel che è di Cesare.La Chiesa ha fatto la sua parte. La giustizia civile faccia la sua

forbot

Sab, 18/01/2014 - 17:56

A Papa Benedetto tanto affetto e stima. Lunga vita per donare insieme a papa Francesco, al popolo di Dio, conoscenza e sapienza.

Edomus

Sab, 18/01/2014 - 18:07

afrikakorps. Non sa che Benedetto XVI ha attivato un rapporto stretto con l'autorità giudiziaria incoraggiando anche le denunce dei sacerdoti pedofili? Riguardo la punizione ecclesiastica, la riduzione allo stato laicale equivale alla decadenza da ogni ruolo ecclesastico, proprio come in un esercito è il congedo con disonore. E' la massima punizione che un Papa può infliggere come capo della Chiesa. Alle autorità civili spetta il resto del lavoro in caso la colpevolezza sia effettiva.

blues188

Sab, 18/01/2014 - 20:04

afrikakorps, lei si fa troppe seghe. E neppure mentali! Smetta e cresca.