Pedofilia, Monsignor Capella ammette le sue responsabilità

Monsigor Alberto Capella nella prima udienza del processo in Vaticano per aver usato immagini pedopornografiche ammette le sue responsabilità

Monsigor Alberto Capella, consigliere di nunziatura a Washington, nella prima udienza del processo in Vaticano per aver usato immagini pedopornografiche ammette le sue responsabilità. Con queste parole il prelato ha provato a spiegare i suoi gesti nel corso del processo in Santa Sede: "Provavo un senso di vuoto e inutilità, radicati nella mia vita interiore al punto da essere stati all’origine degli atti compulsivi di consultazione impropria di Internet, fino ad arrivare a fare cose che mai erano state oggetto del mio interesse", ha raccontato in aula. "Ho sbagliato a sottovalutare la crisi che stavo attraversando. Ho sbagliato a pensare di poterla gestire da solo. Il contesto era nuovo. Amici o referenti non ne avevo. Ho cercato di far fronte con rimedi spirituali e di non far pesare il mio stato d’animo in nunziatura".

A quanto pare Capella utilizzava un profilo Tumbrl. Usando proprio quel profilo avrebbe avuto conversazioni con altri utenti e avrebbe inoltre scambiato materiale pedopornografico. Dopo questa sua ammissione in aula, probabilmente si va verso un processo molto breve. Tra il materiale raccolto spunta anche un video con un bimbo piccolo con "atteggiamenti sesuali espliciti", ha riferito Gianluca Gauzzi, uno dei testimoni chiamati in aula. L'udienza riprenderà domani.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Ven, 22/06/2018 - 20:45

una bella scarica di legnate ed il conflitto interiore ti passa subito...

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Ven, 22/06/2018 - 21:27

Che dire? Penso alle vittime, non a Caino. La giustizia umana, in questi casi, è assente, o arriva tardi, o volta le spalle, chiude gli occhi, se ne lava le mani. Gli innocenti avranno per sempre, per sempre, per sempre la loro vita rovinata da questi esseri immondi. Da credente, confido nella giustizia divina. Che verrà anche per questi disgraziati amorali, cinici, senza anima. E quando si troveranno al cospetto dell'Altissimo, rimpiangeranno di non essersi legati al collo una macina di mulino quando ancora potevano farlo.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Ven, 22/06/2018 - 21:28

Non parlar difficile, monsignore dei miei stivali, di' semplicemente che sei un pervertito...

un_infiltrato

Ven, 22/06/2018 - 21:29

Questo Cappella va sospeso e buttato fuori dalla Chiesa. Non ha diritto di parola. Francesco - sicuramente - lo caccerà a pedate.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 22/06/2018 - 21:35

Che tempi; niente è ciò che sembra. I terroristi non sono terroristi, ma sono ragazzi che "soffrono di disagio sociale". I pedofili non sono pedofili, ma sono persone che "Soffrono di un conflitto interiore". Oh, poverini, quanta sofferenza.

nopolcorrect

Ven, 22/06/2018 - 22:31

Purtroppo la Chiesa insiste nell'obbligare al celibato e alla castità con i bei risultati che continuamente vediamo. Gli esseri umani hanno tutti i loro organi per usarli, dalle mani agli occhi alle orecchie agli organi sessuali. Pretendere di non usarli è semplicemente una pretesa ixxxxxxxe.

uberalles

Sab, 23/06/2018 - 00:01

Nomen omen, con quel cognome...

Ritratto di daybreak

daybreak

Sab, 23/06/2018 - 00:17

@nopolcorrect Ma veramente pensi che il celibato sia la causa della pedofilia?I pedofili sono dei malati incurabili altro che matrimonio che non servirebbe ad altro che nascondere la loro natura e credimi lo dico con cognizione di causa avendo subito abusi all'eta' di 8 anni da un orco pure sposato quindi il problema non e' il celibato ma il fatto che sono malati che dovrebbero essere rinchiusi per sempre e sono buona a dire cio' perché meriterebbero di crepare.

Duka

Sab, 23/06/2018 - 06:33

SCHIFOSO!!!!!!

pier1960

Sab, 23/06/2018 - 06:36

dove è il problema? per i politici italiani avvisi di garanzia e condanne sno titoli di merito, e per i preti essere pedofilo spiana la via ad una brillante ascesa nelle gerarchie...

pier1960

Sab, 23/06/2018 - 06:36

un nome una garanzia

umberto nordio

Sab, 23/06/2018 - 09:14

Buffone ,cialtrone ed ipocrita.