La prima penale pagata da Salvini è il rinvio Tav

La Tav va in freezer in cambio del salvataggio sul caso Diciotti

La prima fotografia del nuovo rapporto che lega Matteo Salvini all'anima doroteo-governativa del grillismo, quella capeggiata da Giggino Di Maio, l'avremo oggi alla Camera, sulla mozione fortissimamente voluta dalle opposizioni sulla Tav. I gialloverdi hanno trovato già un accordo per una mozione che rinvia al contratto di governo, il quale rinvia ad un'analisi costi-benefici che, corredata da relazioni e contro-relazioni, rimbalzerà ancora per un po' di tempo da un ministero all'altro, passando per Palazzo Chigi. Il risultato sarà quello preferito dai democristiani di un tempo: il rinvio appunto. «Ci sarà una mozione di maggioranza confida Luca Carabetta, vicepresidente grillino della commissione Attività produttive di Montecitorio e dirà solo che sarà il governo a decidere. Una soluzione di sapore dc? Ma io sono sempre stato democristiano». Più o meno il discorso che fa, nel gergo più brutale dei leghisti, il presidente dei deputati del Carroccio, Maurizio Molinari: «Rinviamo il tutto a dopo le elezioni europee e le regionali del Piemonte». Così appare sempre più chiaro come il «no» dei filo-governativi 5Stelle al processo a Salvini sulla Diciotti abbia ancor più cementato l'alleanza di governo: con il «rinvio», il leader della Lega paga la prima cambiale al suo salvatore, Di Maio. Ma, a dir la verità, parlare di baratto è riduttivo, c'è qualcosa di più nell'aria: la genesi di un comune sentire all'insegna del «pragmatismo» che mette a dura prova l'identità dei due partner. «La Tav la rinviamo a dopo le europee - ha spiegato ad alcuni senatori Paola Taverna, che da pasionaria grillina dal vaffa facile si è trasformata in una pretoriana di Di Maio -, mentre sull'Autonomia di Lombardia e Veneto allungheremo il brodo e la porteremo, se ci riesce, al prossimo anno».

E già, sarà per il rapporto di amorosi sensi tra Salvini e Di Maio, per le difficoltà dei 5 stelle, per una situazione economica sempre più complessa che spinge la maggioranza a stringere i ranghi, ma è sempre più difficile distinguere i grillini di governo dai leghisti di stretta osservanza salviniana. Si muovono all'unisono dove è possibile, dove è impossibile rinviano e dove debbono dividersi privilegiano le ragioni dell'alleanza addirittura all'unità del movimento. Se nella Lega, infatti, l'unità è garantita dal «culto del capo», nel movimento 5 stelle, versione Giggino Di Maio, il valore principale è l'alleanza gialloverde. Al punto che pure l'ipotesi della «scissione» del movimento è considerata un prezzo accettabile da pagare sull'altare della sopravvivenza del governo. «Noi - osserva senza giri di parole Vito Petrocelli, presidente grillino della commissione Esteri del Senato e grande supporter di Di Maio - restiamo al governo. Elezioni non ce ne saranno. Se qualcuno nel movimento non è d'accordo, si accomodi fuori. È l'unica rotta da seguire, che segna anche una maturazione del movimento e vale tutti i possibili drammi».

Insomma, un inno «al governo per il governo» degno di Antonio Gava. Una filosofia che ha il suo «tornaconto»: il nuovo presidente dell'Inps è Pasquale Tridico, superconsulente di Di Maio per il reddito di cittadinanza. E i suoi prezzi da pagare, come l'addio, se non oggi domani, dell'ala ortodossa interpretata da parlamentari come la Nugnes o la Fattori. Eh sì, uno può dirla come vuole, ma di fronte al crollo di consensi, probabilmente irreversibile, la coppia Di Maio-Casaleggio sembra aver individuato nella «simbiosi con Salvini» l'unica scialuppa di salvataggio. E il vicepremier leghista non ha nessun problema a tendergli la mano. A lui conviene, eccome. Forte dei sondaggi che lo danno ben al di sopra dei grillini, Salvini sa benissimo che l'identità della Lega è ben più forte di quella grillina, specie se spogliata dei caratteri identitari dell'ala ortodossa. Inoltre, più perderà consensi e più Di Maio nel suo avvitamento si stringerà al governo per non andare alle elezioni: per cui il «no» di oggi alla Tav, potrebbe diventare un «sì» domani. Stesso discorso si può fare sull'Autonomia. Ecco perché è disposto ad assecondare nei tempi la metamorfosi di questa costola del grillismo. «C'è fermento - assicura il presidente dei senatori leghisti, Massimiliano Romeo -, ma dopo le elezioni non ci saranno elezioni, crisi o rimpasti. Anche perché, di fronte alla crisi economica, una compagine di governo è costretta a stringere le fila, altrimenti si soccombe tutti».

«Stringere le fila», certo, ma sempre più attorno ad una compagine a forte egemonia salviniana. Restano, però, una serie di «variabili» che potrebbero mettere in crisi un simile disegno. Intanto bisogna vedere quanto sarà cruenta «la crisi economica»: se saranno superati i livelli di guardia dell'emergenza finanziaria probabilmente sarà necessario allargare la maggioranza. L'ipotesi di una «manovra correttiva» gettata in mezzo al dibattito politico dal sottosegretario Giancarlo Giorgetti, ne è la premessa. Si parla di un innesto dei parlamentari della Meloni. Addirittura c'è chi azzarda possibili inserimenti nella compagine di governo con il ministro Trenta al posto di Savona e Guido Crosetto, in rappresentanza di Fratelli d'Italia, alla Difesa. Ma potrebbero essere necessari altri numeri, se la possibile scissione dell'ala ortodossa dei 5 stelle avrà un forte seguito nei gruppi parlamentari.

È l'ipotesi su cui scommette Silvio Berlusconi, che proprio per questo incalza la Lega: «Se Salvini asseconda la follia grillina che ispira l'attuale governo, ne diventa complice». Ecco perché la mozione sulla Tav. Ecco perché gli azzurri hanno incardinato ieri alla commissione Affari costituzionali della Camera, un loro cavallo di battaglia come la separazione delle carriere in magistratura. Una buona fetta del Pd è d'accordo. «Perfetto», dice la Boschi. Come pure il candidato alla segreteria, Maurizio Martina: «È nella mia mozione congressuale». «Dovrebbe esserlo anche Salvini insinua con una punta di malizia, il forzista Enrico Costa , visto che ha firmato ai banchetti la proposta di legge». Ma il vicepremier leghista si rifugia ancora nel «rinvio». «Resta una battaglia storica della Lega si rifugia in corner l'esperta del Carroccio in materia, Giulia Buongiorno , ma per il momento non si pone visto che non è nel contratto».

Già, per Salvini il rapporto con Di Maio è sacro. «Io Salvini lo capisco pure è il commento dell'ex premier, Paolo Gentiloni , ma non capisco Di Maio. Su questa politica i grillini stanno crollando. È impressionante: se uno guarda le curve dei sondaggi i 5 stelle si stanno avvicinando a questo Pd. Il che è tutto dire. Ripeteranno la parabola del movimento dell'uomo qualunque. Rischiano di sparire. Ora stanno perdendo anche la loro trasversalità, cioè il non essere catalogabili nella destra o nella sinistra. Salvini li sta risucchiando a destra, lasciando un grande spazio a sinistra al Pd: malgrado il Pd».

Commenti

VittorioMar

Gio, 21/02/2019 - 08:38

..forse non ve ne siete accorti,ma in una COALIZIONE ,si deve CEDERE QUALCOSA PER AVERE QUALCOSA,in una COALIZIONE..!!

Duka

Gio, 21/02/2019 - 08:51

Salvini sei peggio del previsto: Bauscia e Buffone!!!!

giovanni951

Gio, 21/02/2019 - 08:52

temo che cosí Salvini perderá un bel po di voti......

paolo1944

Gio, 21/02/2019 - 08:56

Salvini, stai sbroccando di brutto. La gente ti appoggia affinché tu BLOCCHI i 5 stalle, non perché tu li assecondi nelle loro follie. Tu fai finta di non capirlo, con questa boiata della parola data e dei 5 anni, ma con i 5 stalle i tuoi elettori NON ti ci vogliono. Bisogna smettere di votarlo, altrimenti non capisce.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 21/02/2019 - 09:20

Peccato che in realtà ieri la società che la deve fare la TAV ha per l'ennesima volta rinviato gli appalti per fare importanti cantieri. Cosi si rischia di perdere oltre 300 dei 800 milioni dell'Europa. E di certo non per colpa del governo. Ma di questo Minzolini non parla e preferisce inventarsi ipotesi di scambio tra Salvini ed il M5s. E sarebbe questa informazione ?

rokko

Gio, 21/02/2019 - 09:22

Se la TAV la rinviamo non la faremo più. Io non capisco proprio come ci possa essere gente che ama darsi mazzate nei testicoli, ed ancora di più non capisco perchè il resto degli italiani (il 90%, quelli che vogliono la TAV) devono subire questa decisione del 10% scarso.

matteo lamanna

Gio, 21/02/2019 - 09:28

Matteo Lamanna: caro Salvini non solo stai tradendo il programma del centrodestra utilizzando I nostri voti ma sei cosi' attaccato alla poltrona che esegui I voleri dei cinquestallati, non illuderti tanto dei sondaggi cosi' tanto favorevoli alla lega e ricorda che gli italiani non dimenticano facilmente I traadimenti!

aleppiu

Gio, 21/02/2019 - 09:30

ma non e' un voto di scambio......no il felpino aveva detto che non si sarebbe mai abbassato a tanto..... Cari leghisti questa e' la prova, che la fifa di andare a processo era GROSSA e la ripaga al movimento 5S ci doveva essere, e c'e' stata!

aleppiu

Gio, 21/02/2019 - 09:38

@vittoriomar un conto e' cedere su proposte di legge un conto fare marcia indietro sulla tav che fino a ieri era definita una priorita' dal felpino e dopo il voto di scambio per non andare a processo e' stata surgelata. Ci sara' da ridere quando ci toglieranno i fondi e ci chiederanno i danni....chi paghera' poi???

filder

Gio, 21/02/2019 - 09:47

SE SALVINI PENSA DI BARATTARE IL FAVORE RICEVUTO INTERVENENDO PESANTEMENTE SUL TAV, OLTRE A CHE AVERE TRADITO PARZIALMENTE GLI IMPRENDITORI DEL NORD (Italia produttiva)CON LA FLAT TAX, ADESSO SI ATTINGE A RITRADIRLA CON IL TAV,OLRE A PERDERE QUELLO CHE HA GUADAGNATO SUI CONSENSI ,PERDERA' ANCHE LA FACCIA E COSI' NON AVRA' IL MIO VOTO CHE LO DIROTTERO' SULLA MELONI (persona a mio parere più sobria )PERCIO' SALVINI PENSACI BENE SE TI CONVIENE PROSEGUIRE SULLA STRADA INTREPRESA O MANDARE AL DIAVOLO QUESTA CIURMA DI INCOMPETENTI.

INGVDI

Gio, 21/02/2019 - 10:17

"Il culto del capo", sta proprio qua il male del Paese. Quell' atteggiamento acritico da parte degli estimatori di Salvini che permette a questi di approvare assieme ai 5s qualsiasi porcheria. Anche Minzolini sembra voler accettare quasi come strategia il fare di Salvini. La realtà parla solo di tradimento.

schiacciarayban

Gio, 21/02/2019 - 10:24

In una parola, che skifo di governo, non pensavo che si riuscisse ad arrivare così in basso. Veramente un gruppo di buffoni da internare, maneggioni, incapaci, incollati al loro stipendio a costo di far esplodere il paese. Roba da fare una rivoluzione in stile sud america.

Gianx

Gio, 21/02/2019 - 10:25

Com'è che non ci credo...? Com'è che Salvini continua a dire di voler la tav? Quante palle si leggono sui giornali?

mzee3

Gio, 21/02/2019 - 10:28

Sapete cosa si sono detti, secondo me! Tu mi salvi dal processo, io mi accordo di rivedere tutto il progetto TAV nel frattempo votiamo la legittima difesa e l'autonomia delle regioni, quindi si arriva alle elezioni, incassiamo le promesse e poi ….liberi tutti.

mzee3

Gio, 21/02/2019 - 10:33

filder ### veda egregio, lei dirotta il suo voto sulla Meloni? Non cambierà nulla perché Er Divisa si alleerà con la Meloncina e il barzellettiere, poi non raggiungendo il 51% dovrà dirottare sul M5SS...tanto il vecchio vuole andare a Bruxelles per salvare il mondo dalla Cina!

lavieenrose

Gio, 21/02/2019 - 10:39

Ma qualcuno aveva dei dubbi sul voto di scambio? Ma almeno salvy la piantasse di fare quello che "tiene fede alla parola data" e con gli atteggiamenti da finto gandi di periferia. Poi per favore la smetta di baciare il Santo Rosario come ha fatto da Giletti, non se ne può più di tanta spdoratezza nel promuovere se stessi.

giangar

Gio, 21/02/2019 - 10:40

Naturalmente Forza Italia si presenterà alleato con la Lega alle Regionali in Piemonte. Veramente da ridere.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Gio, 21/02/2019 - 10:41

Solo una opinione! Quanti Soloni d'accatto!

Paolo17

Gio, 21/02/2019 - 11:01

E bravo il nostro COMUNISTA PADANO. Complimenti!!!!! Quando il Nord si sveglierà dal torpore sarà troppo tardi. Bravo. Fai rinviare la Tav. Nel frattempo aiuta Di Maio a nazionalizzare Alitalia, Telecom e fai entrare Cassa Depositi e Prestiti nelle aziende. Bravo COMUNISTA PADANO. Soldi, soldi, soldi a beneficio dello Stato. Ma tu sei stato un grande a distrarre il popolo su quattro barconi fermati al largo e i tuoi slogan contro tutto e contro tutti. Pietoso politicante vigliacco e affabulatore.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 21/02/2019 - 11:07

X VittorioMar: primo, non è una coalizione, ma il frutto di un contratto (?). Secondo è un contratto quantomeno anomalo in cui la parte minoritaria sta soverchiando e prosciugando totalmente quella maggioritaria ..... avanti così.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 21/02/2019 - 11:09

X Maximilien1791: boh.

VittorioMar

Gio, 21/02/2019 - 11:14

..AVVISO AI NAVIGANTI !!...in Parlamento il M5S HA IL 34 %...la LEGA HA SOLO IL 17% .e pur essendo in MINORANZA, GOVERNA ALLA PARI...cosa che con FI non potrebbe FARE !!..FATEVENE UNA RAGIONE ...!!! quando sarà al 51% ne RIPARLEREMO....!!

mzee3

Gio, 21/02/2019 - 11:18

Il COMUNISTA PADANO, ER DIVISA DETTO ANCHE FELPINI, pensa di aver superato il processo! Povero illuso, la gente o meglio IL POPOLO come ama chiare lui i CITTADINI (termine amato dal M5SS)lo accuseranno sempre di essersi difeso con l'immunità e non c'è tribunale che eliminerà questa onta. Lui è già stato condannato dal POPOLO che ha capito la porcata dello scambio con la TAV.Poi potrà dire tutto quello che vuole, che hanno rivisto il programma il progetto che Gesù è morto di freddo ma se anche cambiassero il progetto la o la TAV se verrà realizzata porterà sempre una mozzarella a Lione...cosa che non va giù a Grillo & C.

INGVDI

Gio, 21/02/2019 - 12:16

Vergogna Salvini! Traditore! Comunista con i comunisti stellati.

batpas

Gio, 21/02/2019 - 12:20

Quindi il capo della polizia, che deve difenderci dalla delinquenza, si sarebbe svenduto ? Che non capisse nulla di gestione e di economia lo si sapeva da sempre, ma che fosse anche disponibile a certi tipi di accorsi.... no.. io votero' Silvio e cosi' non sbaglio.

INGVDI

Gio, 21/02/2019 - 12:25

Cari estimatori di Salvini, un sussulto di dignità, non vi rendete conto di essere presi in giro continuamente?

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 21/02/2019 - 12:33

X VittorioMar: governa per fare qualche cosa di buono o per assecondare politiche disastrose? P.S. per raggiungere il 51%, spero per la Lega, bisogna passare per democratiche elezioni, reali, non via sms o sondaggio .....

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 21/02/2019 - 12:48

Salvini, rendendo possibile il governo giallo(peste a bordo)-rosso(scarlato)-verde(spento), cambiali in bianco ne ha firmato parecchie. Nemmeno lui se quante: a Di Maio, all’estrema sinistra, alle toghe rosse... Ha solo cominciato a pagarle. Non può che sputare dolce e ingoiare amaro. Alle ultime elezioni politiche ha firmato una cambiale anche al CDX. Non in bianco, con ben scritta la cifra dovuta: il programma comune concordato tra FI, Lega e FdI. Non ha Pagato. La consultazione abruzzese, con il quasi 10% di FI, non è un buon segnale per l’ubicuo leoncavallino. Significa cha molti voti del centro moderato sono tornati a casa. È cresciuto vistosamente anche lui, drenando il 5stelle. Ma proprio questo gli rende ancor più difficile tenere il piede in due staffe... Gli elettori non ideolocizzati il calcolo «costi-benefici» lo fanno a memoria.

nopolcorrect

Gio, 21/02/2019 - 13:28

"Se qualcuno nel movimento non è d'accordo, si accomodi fuori. È l'unica rotta da seguire, che segna anche una maturazione del movimento e vale tutti i possibili drammi». Giustissimo. La maggioranza dei grillini, guidati dal più bravo, il più intelligente e il più pragmatico di loro, Giggino Di Maio, hanno capito benissimo che quando si va al Governo bisogna maturare, passare dall'adolescenza con i suoi sogni alla realtà. E la realtà è che per il M5S l'alleanza col potente alleato, la Lega, è essenziale da ogni punto di vista. E, vedrete, anche nella minoranza tutti si accoderanno, per amor di poltrona, tranne qualche dissidente. Che verrà sostituito dall'ingresso nel Governo di Fratelli d'Italia cosicché i dissidenti saranno alla fine cornuti e mazziati.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 21/02/2019 - 13:34

X etaducsum: ricorda anche a salvini, che spesso si riferisce al mondo del religioso brandendo anche il rosario, che il monito evangelico recita: "non si può essere servitore di due padroni, Dio e mammona". Amen.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 21/02/2019 - 13:34

Ritengo sia giunto il momento per Salvini di smetterla di raccontare frottole ai cittadini, l'unica cosa positiva al momento da lui ottenuta è il rallentamento dell'invasione dei clandestini, tutti quelli (circa 600000 che erano già entrati, sono ancora tutti qui, nonostante i roboanti proclami). Legge 100, una tragedia per quelli che non ne fruiranno, e che verranno fregati ancora di più, legge sulla legittima diefa, rinviata, flattax, sparita, TAV, rinviata, e così. Quanto ci vorrà ancora perché gli italiani comprendano la colossale presa in giro? Poco, molto poco.

Libero 38

Gio, 21/02/2019 - 13:56

Chi si era illuso(non io)che il traditore salvini fosse una persona e un politico onesto e affidabile dovra'ammettere di essersi sbagliato di grosso.Non solo ha tradito e rinnegato chi lo aveva votato, ma anche tanti italiani che si erano illusi di aver trovato in lui un politico onesto che gli avrebbe difeso.

oracolodidelfo

Gio, 21/02/2019 - 13:58

Da un po' di tempo, guardo chi ha scritto l'articolo dopodichè decido se vale la pena leggerlo o no.

trasparente

Gio, 21/02/2019 - 14:10

Quanti troll che scrivono oggi in questo articolo. Vi rendete conto che siete ridicoli?

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 21/02/2019 - 14:14

xMaximilien 1791: come diffondere false notizie, tipico dei tifosi del pensiero unico. Vero è che la Società ha deciso di rinviare gli appalti, ma, su richiesta del Governo!!! Poteva mai mettersi in competizione con chi fornisce i fondi? Suvvia, mistificare sempre e costantemente non va bene.

mainardi2000@gm...

Gio, 21/02/2019 - 14:18

mainardigiacomo Mi rispondano gli estimatori di Salvini additato come uomo del fare e di destra: cosa significa ridiscutere la TAV, si fa o no? Ridiscutere significa prendere in considerazione anche l'ipotesi del non realizzarla. Oppure prendere tempo a dopo le elezioni secondo la scuola di stile democristiano. P.S.Salvini penso tu sia vicino alla...frutta in analogia con quanto accaduto all'altro Matteo (forse è il nome che porta sfiga). Mi piacerebbe sapere qualcosa in merito dal sempre critico TOTI

buonaparte

Gio, 21/02/2019 - 19:32

quanto caos per un buco . è stato progettato nel 1986 anche se si aspettano 4 anni in piu cosa cambia ?

oracolodidelfo

Gio, 21/02/2019 - 20:32

mainardi2000@gm 14,18 - un'estimatrice del buon senso, le fa osservare che "ridiscutere", secondo il dizionario Treccani, significa riesaminare attentamente ed in modo approfondito, un problema, un argomento, fra più persone, in modo che si possa raggiungere una decisione collegiale...Ben venga la ridiscussione del progetto TAV (sul quale c'è già stato il magna magna e tanti vogliono che continui) con l'auspicio che sia una "ridiscussione" seria e responsabile......

FlorianGayer

Gio, 21/02/2019 - 20:47

Più le cose vanno male, più l'economia si avvita, tanto più questi si incollano sulla sedia. Quando poi saremo al -1% di PIL mentre gli altri cresceranno, per impedire che la gente voti secondo il volere delle lobby e degli stranieri, si abolirà lo scrutinio segreto.