Permasteelisa, lo storico marchio italiano è stato venduto ai cinesi

Il gruppo italiano leader mondiale nei rivestimenti architettonici all'avanguardia è passata nelle mani della cinese Grandland per 467 milioni di euro

La multinazionale italiana di costruzioni Permasteelisa è stata ceduta al gruppo cinese Grandland per 467 milioni di euro.

Il gruppo di Vittorio Veneto, che è stato fondato nel 1973 da Massimo Colomban, è uno tra i leader mondiali nei rivestimenti architettonici in vetro e acciaio per edifici. Tra le sue realizzazioni più importanti ci sono le coperture in vetro della Sydney Opera House, il grattacielo Shard a Londra e la nuova sede del centro direzionale della Apple a Cupertino, in California.

La multinazionale, che ha un giro d'affari di 1,4 miliardi di euro, era già stata acquistata nel 2011 dalla conglomerata giapponese Lixil Corporation. Ora i giapponesi hanno ceduto il 100% del capitale sociale di Permasteelisa per 467 milioni di euro alla cinese Grandland, che nel 2016 ha registrato un fatturato di 10,86 miliardi ed è considerata tra le 500 società cinesi più influenti a livello di costruzioni decorative e architettoniche.

L'acquisizione del marchio - si spiega in un comunicato - consentirà a Permasteelisa di unire le proprie complementarità con un'altra azienda leader di mercato di dimensioni globali. L'attuale amministratore delegato di Parmasteelisa, Riccardo Mollo, che ricoprirà lo stesso ruolo dopo il completamento dell'integrazione, ha assicurato che la società italiana manterrà la sua autonomia a livello operativo.

Permasteelisa sarà gestita come entità separata e la sua indipendenza sarà garantita dal nuovo socio. L'attività della società, che manterrà la sua sede centrale storica in Italia, a Vittorio Veneto, resterà concentrata sulla realizzazione di architetture all'avanguardia e progetti di alta qualità nel settore del lusso, che sono diventati il suo marchio.

Commenti
Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 21/08/2017 - 17:11

I giapponesi hanno venduto ai cinesi un'azienda situata in Italia. E solo un cambio di padrone, non era più italiana da tempo. Dov'è la notizia?

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 21/08/2017 - 19:52

Era già in mani straniere? Va bene, ma il nostro è e rimane un paese in svendita. La Cina è destinata a diventare proprietaria di tutte le nostre aziende e non c'è da stupirsi se potrà intervenire a livello politico nelle scelte di economia.