Papa Francesco: "Persecuzioni 'in guanti bianchi' contro gli obiettori di coscienza"

Papa Francesco difende gli obiettori di coscienza e denuncia: "C'è un'altra persecuzione della quale non si parla tanto"

Nell'omelia (i cui stralci vengono pubblicati da Radio Vaticana) della messa quotidiana a Santa Marta, Papa Francesco denuncia con forza chi vuole impedire l’obiezione di coscienza su temi "morali" come aborto e eutanasia: "La persecuzione, io direi, - ha commentato il Papa - è il pane quotidiano della Chiesa. Gesù lo ha detto. Noi, quando facciamo un po' di turismo per Roma e andiamo al Colosseo, pensiamo che i martiri erano quelli uccisi con i leoni. Ma i martiri non sono stati solo quelli lì o quegli altri. Sono uomini e donne di tutti i giorni: oggi, il giorno di Pasqua, appena tre settimane fa? Quei cristiani che festeggiavano la Pasqua nel Pakistan sono stati martirizzati proprio perché festeggiavano il Cristo Risorto. E così la storia della Chiesa va avanti con i suoi martiri".

E aggiunge, con altrettanto vigore: "C'è un'altra persecuzione della quale non si parla tanto", una persecuzione "travestita di cultura, travestita di modernità, travestita di progresso". "È una persecuzione, io direi un po' ironicamente, "educata". È quando - ha spiegato il Pontefice - viene perseguitato l'uomo non per confessare il nome di Cristo, ma per voler avere e manifestare i valori di Figlio di Dio. È una persecuzione contro Dio Creatore nella persona dei suoi figli! E così vediamo tutti i giorni che le potenze fanno leggi che obbligano ad andare su questa strada e una nazione che non segue queste leggi moderne, colte, o almeno che non vuole averle nella sua legislazione, viene accusata, viene perseguitata educatamente. È la persecuzione che toglie all'uomo la libertà, anche della obiezione di coscienza!".

Il Pontefice prosegue poi delineando il profilo del "mandante" della persecuzione: "Il capo della persecuzione "educata", - ha rimarcato il Papa - Gesù lo ha nominato: il principe di questo mondo. E quando le potenze vogliono imporre atteggiamenti, leggi contro la dignità del Figlio di Dio, perseguitano questi e vanno contro il Dio Creatore. È la grande apostasia. Così la vita dei cristiani va avanti con queste due persecuzioni. Anche il Signore ci ha promesso di non allontanarsi da noi."

Papa Francesco ha poi concluso lanciando un monito: "State attenti, state attenti! Non cadere nello spirito del mondo. State attenti! Ma andate avanti, Io sarò con voi".

Commenti
Ritratto di Valance

Valance

Mar, 12/04/2016 - 16:55

La chiesa, da sempre palla al piede della civiltà, con questo papa si è sdoppiata in du’ palle (al piede).

Luigi Farinelli

Mar, 12/04/2016 - 17:05

Finalmente un discorso chiaro, senza "se" e senza "ma".

venco

Mar, 12/04/2016 - 17:06

E qui sono d'accordo col papa sugli obiettori dell'aborto.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 12/04/2016 - 17:26

Caro Papa, sono d'accordo, l'obiezione di coscienza all'aborto, per gli operatori sanitari cristiani, è sacrosanta. Ma solo se sono veri obiettori. Se invece sono obiettori nelle strutture pubbliche, e poi praticano aborti nelle cliniche private (per guadagnarci di più, e ce ne sono tanti ...), allora raggiungili con i tuoi anatemi ...

tonipier

Mar, 12/04/2016 - 17:29

" COME MAI IL" PAPA " Non parla mai di una ingiustizia sociale? come mai si astiene su questo tasto?. La sfiducia, progressivamente crescente come merea montante, dei cittadini nella giustizia procede e si sviluppa anche dalla manifesta carenza di interventi diretti a ricondurre nell'alveo della legalità coloro che da guardiani o custodi della legge diventano sovvertitori o assassini della legge.

Raoul Pontalti

Mar, 12/04/2016 - 17:39

Pienamente d'accordo con papa Francesco.

milope.47

Mar, 12/04/2016 - 17:48

.....Ma dai !. NON MI SEMBRA VERO !. Quanto hai detto, può non piacere a tanti, ma - in questo caso - hai parlato da VERO cristiano.

epc

Mar, 12/04/2016 - 18:10

Si continua a guardare il problema da una prospettiva errata. Il medico deve CURARE, non soddisfare i desideri (legittimi o meno) di chiunque arrivi. Un aborto NON E' UNA CURA. Quindi nessun medico puo' o deve essere obbligato a prticarlo. Punto.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 12/04/2016 - 18:27

-----strano che proprio ieri il Consiglio d’Europa ha accolto un ricorso della Cgil per la mancata applicazione della norma sull’interruzione volontaria di gravidanza e stabilito che nel nostro Paese le pazienti continuano a incontrare “notevoli difficoltà” nell’accesso ai servizi, nonostante quanto previsto dalla Legge 194.---pare insomma che siano proprio i medici non obiettori ad essere discriminati e "perseguitati"---qual'è la campana che suona per il verso giusto???---hasta siempre

Happy1937

Mar, 12/04/2016 - 18:33

Se uno che ha fatto il giuramento di Ippocrate ritiene immorali l'aborto e l'eutanasia e' giusto che si rifiuti di praticarli. Quelli di Bruxelles hanno come al solito il pancotto al posto del cervello.

java

Mar, 12/04/2016 - 18:38

giusto per rinfrescare la memoria, questo è lo stesso Franceschiello che si premura di telefonare ai malati di cancro Pannella e Bonino (noti promotori e fautori di aborto pret a porter)?

Ritratto di llull

llull

Mar, 12/04/2016 - 20:03

Mi pare che finalmente si stia svegliando