Perugia, aggressione e rapina: fermato marocchino pregiudicato

Dopo aver avvicinato un gruppo di minorenni italiani, lo straniero ha improvvisamente attaccato uno dei tre, colpendolo con una bottiglia, per sottrargli un borsello

Ha aggredito un giovane colpendolo con una bottiglia di vetro per rapinarlo, per questo motivo è finito dietro le sbarre a Perugia un pregiudicato marocchino di 30 anni.

L’episodio si è verificato qualche giorno fa a Fontivegge, per la precisione in piazza Vittorio Veneto, quando lo straniero, un clandestino senza fissa dimora, aveva avvicinato tre ragazzi italiani.

Una volta agganciato il gruppo di minorenni, il magrebino aveva improvvisamente attaccato uno di loro, colpendolo al petto con una bottiglia, per sottrargli con la forza un borsello contenente portafogli e telefono cellulare. Dopo aver minacciato anche gli altri due amici per soffocare ogni tentativo di reazione, il nordafricano si era dato alla fuga, facendo perdere ogni traccia.

Immediata la segnalazione delle vittime alle forze dell’ordine, che hanno raccolto la loro deposizione e preso nota delle descrizioni del responsabile. Grazie ad esse, e col prezioso contributo delle immagini riprese da alcune videocamere di sorveglianza installate nella zona, gli agenti della squadra mobile di Perugia sono riusciti a individuare il colpevole in meno di 24 ore.

Il marocchino, irregolare e con una lunga lista di precedenti per reati contro il patrimonio e spaccio di sostanze stupefacenti, è stato dunque arrestato.

Commenti

kennedy99

Mar, 12/03/2019 - 18:12

una lunga lista di precedenti e irregolare nessun problema basta dirlo all signora boldrini e lei provvederà con un bel permesso uminatario. piu semplice di cosi.