Perugia, follia in carcere: un detenuto nigeriano morde agente al collo

Delirio per evitare il trasferimento a Verona, nigeriano morde e picchia gli agenti della polizia penitenziaria

Ancora un episodio di violenza nel carcere di Perugia. E a farne le spese sono di nuovo i poliziotti. Un detenuto nigeriano, per evitare il trasferimento a Verona, si è scagliato contro gli agenti della polizia penitenziaria. Calci, pugni e anche morsi al collo. Come riporta PerugiaToday sono tre gli agenti rimasti feriti nella colluttazione con il detenuto. E tutti sono dovuti ricorrere alle cure dei medici dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Secondo la denuncia del Sappe - il sindacato autonomo di polizia penitenziaria - lo straniero ha ferito in tutto tre agenti procurando ad un poliziotto la sospetta frattura del polso. “Così facendo ha ottenuto quel che voleva – spiega il segretario nazionale Fabrizio Bonino – ossia non partire per Verona e rimanere a Perugia. Ora, infatti, è ristretto nella sezione isolamento. E’ assurdo essere ostaggio di criminali e delinquenti incalliti, senza alcun rispetto di regole, ordine e sicurezza”.

Sempre secondo il sindacato “gli agenti di Polizia Penitenziaria devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o peggio,aggrediti da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno”.

Ad esprimere solidarietà agli agenti feriti anche il parlamentare umbro di Fratelli d'Italia Emanuele Prisco: “In carcere convivono i buoni e i cattivi ma molte volte non si capisce lo Stato da quale parte sta. Chi delinque, infatti, ha troppe garanzie mentre gli agenti che sono lì per lavorare e servire il Paese ne hanno sempre troppo poche”.

E ancora: “I detenuti stranieri devono scontare pene nei loro Paesi in seguito alla sottoscrizione di accordi internazionali. Alla mancanza di personale e alle condizioni di disagio dei poliziotti - spiega Prisco - si aggiungono, purtroppo sempre più frequenti, aggressioni da parte di reclusi violenti. E’ intollerabile che gli agenti penitenziari, che svolgono un ruolo difficile e molto complesso, corrano continuamente rischi per la loro incolumità. La sicurezza degli agenti dovrebbe essere una delle prerogative essenziali in ambienti delicati quanto esposti come le carceri. Episodi come quest’ultimo di Perugia, dove un poliziotto è stato morso al collo da un recluso che si è opposto con violenza al trasferimento in un altro istituto di pena, non devono più accadere”.

Commenti

DRAGONI

Mer, 20/06/2018 - 10:38

DIMOSTRATO CHE I VAMPIRI NERI ESISTONO E SONO TRA DI NOI!!

FRATERRA

Mer, 20/06/2018 - 10:50

........Vampiro????........

ciruzzu

Mer, 20/06/2018 - 10:57

“In carcere convivono i buoni e i cattivi ma molte volte non si capisce lo Stato da quale parte sta" Ci sono ancora dubbi???????????

steacanessa

Mer, 20/06/2018 - 11:21

Retaggio tribale cannibalesco. È la loro “cultura” dobbiamo rispettarla. Maledetti sinistri e antipapisti (nel senso di seguaci dell’antipapa)

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 20/06/2018 - 11:36

Drakulibalì il vampiro.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 20/06/2018 - 12:08

Se questi continui episodi di aggressione alle forze dell'ordine non bastano a far capire a qualcuno CHE È ORA DI USARE LE MANIERE FORTI,forse basterà la guerra civile con forconi e folla inferocita. E dopo saranno guai per tutti.

Boxster65

Mer, 20/06/2018 - 12:39

Sentenza del giudice. Al suo paese si fa così. Assolto!!

Gianni11

Mer, 20/06/2018 - 12:44

I selvaggi devono stare nella giungla, non nella nazione civile da piu' di 2000 anni che ha civilizzato il resto dell'Europa. Catene e espulsioni forzate.

Vostradamus

Mer, 20/06/2018 - 13:04

Ognuno di questi "migranti" in carcere costa alla collettività circa 4500 & al mese, come nove pensioni minime. Non sarebbe più logico che ad ospitarlo fossero le carceri del suo paese?

ziobeppe1951

Mer, 20/06/2018 - 13:28

In un Paese civile, la bestia sarebbe stata abbattuta

venco

Mer, 20/06/2018 - 13:49

E secondo i massoni che ci han governato fino adesso questi sono il nostro futuro da accogliere.

01Claude45

Mer, 20/06/2018 - 13:57

A parte il "trasferimento" obbligatorio, ma una passatina alla "guantanamo" NO? Gli STRANIERI che delinquono in ITALIA devono godere di meno diritti degli ITALIANI che bene o male hanno anche pagato tasse in ITALIA e lo stesso trattamento che subirebbero al loro paese nelle medesime condizioni.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 20/06/2018 - 14:00

Sono peggio delle scimmie rabbiose. Come si può pensare di aggredire uno attaccandolo con morsi sul collo? Indifendibile.

Divoll

Mer, 20/06/2018 - 15:02

Io non lascerei entrare piu' nessun africano. Nessuno di loro proviene da zone di guerra e ben pochi sono persone per bene (perche' le persone per bene e i veri poveri rimangono a casa loro).

CidCampeador

Mer, 20/06/2018 - 16:24

poveretto aveva fame e ha nostalgia delle sua cultura

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 20/06/2018 - 19:25

amico di gino strada e del cadaverico speranza, il comunista che sembra un due di picche.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Mer, 20/06/2018 - 19:33

Ancora non se ne prende provvedimento ????