Perugia, ora i legali abbandonano Guede

L'ivoriano va in tv e apre una pagina Facebook, ma si ritrova senza avvocato difensore. Amanda e Raffaele pronti a chiedere danni, i Kercher: "Dichiarazioni di pessimo gusto"

L'intervista alla Rai andata in onda ieri sera è costata la difesa a Rudy Guede, condannato a 16 anni di reclusione per l'omicidio di Meredith Kercher. Gli avvocati Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, infatti, hanno rinunciato al proprio mandato "ritenendo ormai esauriti tutti gli aspetti tecnico-processuali che lo hanno coinvolto nella vicenda" e spiegando che l'intervista non era stata concordata con loro.

Intanto Guede ha aperto una propria pagina Facebook per ribadire la propria innocenza e puntare il dito contro gli altri indagati, Raffaele Sollecito e Amanda Knok, prosciolti dopo un lungo e contestato processo. La pagina è gestita dal Centro per gli Studi Criminologici di Viterbo ed è ha esordito con un post che recita: "Da oggi inizio a raccontarvi la mia storia". L'ivoriano ha inoltre mandato un messaggio agli avvocati di Sollecito, che avevano diffidato la Rai dal mandare in onda la puntata: "Perché non aspettare che la trasmissione sia finita piuttosto che diffidare la Rai dal mandarla in onda?", spiega, "Laddove ce ne fosse bisogno e se ne riscontrasse l'ipotesi, chi oggi chiede la diffida potrebbe tranquillamente denunciarmi per diffamazione. Ma dovrebbe ascoltare prima quello che anche io ho da dire".

La sua versione di quanto accadde nella notte tra l'1 e il 2 novembre di 9 anni fa al numero 7 di Via della Pergola, a Perugia, Guede l'ha raccontata ieri sera: "Sono fuggito perché avevo paura che non mi avrebbero creduto. Non sono io a dire che le indagini sull'omicidio sono state condotte in modo disdicevole. Sono i giudici della Cassazione. Io non sono l'unico colpevole dell'omicidio di Meredith. Sono l'unico condannato. Perché i ragionevoli dubbi contano solo per alcuni e per qualcun altro no?"

Raffaele Sollecito "avvierà un’azione di risarcimento danni", ha detto oggi l’avvocato Giulia Bongiorno, "Reputo di una gravità inaudita il mancato rispetto di una sentenza ormai definitiva che ha accertato la totale innocenza di Raffaele Sollecito. Arrivata al termine di un lunghissimo calvario giudiziario, reso ancora più duro dall’amplificazione mediatica. Esiste un limite alla spettacolarizzazione delle vicende giudiziarie. E questa volta è stato ampiamente superato".

"Non posso passare la mia vita a difendermi da una cosa che non ho fatto...", ha commentato, mentre il padre Francesco - sentito dall'Ansa - si è detto "scandalizzato e indignato" per quanto successo.

"È il primo caso di revisione mediatica di un processo fatto con un mezzo pubblico e con soldi pubblici", ha aggiunto l’avvocato Luciano Ghirga, difensore di Amanda Knox, "Valuteremo i contenuti dell’intervista in relazione alla posizione di Amanda Knox". E l'intervista non è piaciuta nemmeno ai legali della famiglia Kercher: "Continua a giocare con menzogne e verità", ha detto l’avvocato Francesco Maresca, "Ormai però i giochi sono finiti ed è opportuno che una volta per tutte assuma un atteggiamento definitivo e completo su quella tragica notte. Ho trovato di pessimo gusto tutte le dichiarazioni relative all’incontro tra Guede e Meredith Kercher".

Annunci
Commenti

Renny60

Ven, 22/01/2016 - 12:18

Ragazzo caro, quelli avevano la Bongiorno. Ti hanno incastrato.

PORTAVOCE

Ven, 22/01/2016 - 12:56

Povero Rudy, ho visto la puntata di ieri sera, mi immaginavo come ho sempre pensato che lui e' innocente a quanto avvenuto sull'omicidio Meredith. Una persona molto semplice, ma molto operativa anche nel carcere. Il problema secondo il mio giudizio e' che se invece di essere livoriano,fosse stato Italiano o comunque non nero di pelle, e avesse avuto i soldi per pagarsi il processo sarebbe sicuramente fuori, perche' e' innocenre. C'E' un detto che i soldi mandano l'acqua in su.

Maura S.

Ven, 22/01/2016 - 13:04

ma basta, prima confessa poi ritira, poi ricomincia...... tutti soldi nostri.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 22/01/2016 - 14:10

Guedè è CERTAMENTE colpevole a prescindere se abbia o non abbia confessato. Le tracce del suo DNA sono sia dentro la vittima (sperma), sia in tuta la stanza dell'omicidio, (sangue e tracce di altra natura) sia nel cesso dove è andato di corpo. Sulla sua colpevoleza non ci possono essere dubbi di sorta, vada o non vada a dire frescacce in televisione. Aveva certamente un complice che non ha mai denunciato e che nessuno è riuscito a identificare (sicuramente africano come lui). Sollecito non lo conosceva nemmeno e Amanda l'aveva visto casualmente nel locale di Lumunba dove lavorava, motivo per cui Amanda pensò che Lumunba fosse coinvolto. Fare di questo criminale, che ha scontato una pena ridotta, una star televisiva per far incrementare gli asscolti, è solo sciacallaggio mediatico.

Carlo_Rovelli

Ven, 22/01/2016 - 14:50

ho visto l'intervista, potrebbe anche essere il solo colpevole. tutto punta su di lui e non ci sono tracce degli altri due (impossibile cancellarle, se coinvolti). la storia che ha raccontato sembra (parzialmente) inventata. se c'e' concorso, sta coprendo qualcun'altro e non dice chi.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Ven, 22/01/2016 - 15:41

Obiettivo: riabilitarsi presso la comunità di don Mazzi! Della intercettazione nella quale scagiovana a priori i due ex imputati non si ricorda più, ovviamente.

Dordolio

Ven, 22/01/2016 - 15:41

Caro Stock....il processo si poteva risolvere con il Guede. Ma sarebbe stato solo ordinaria amministrazione. Con Sollecito & C è stato però un trionfo mediatico e non solo. Capito mi hai....

ggaggio

Ven, 22/01/2016 - 20:13

Tu non hai capito un tubo.....

pbartolini

Sab, 23/01/2016 - 12:03

Se quanto detto nell'intervista, da RUDY, corrisponde, anche, alla verità dei fatti processuali, siamo in presenza di un vero PARADOSSO (nel giudizio di sentenza ), ovvero l'assoluzione per mancanza di prove di due persone che erano presenti nella casa, la condanna di una terza persona in quanto ha concorso all' omicidio........con le due persone assolte. Non sono stati capaci di trovare le prove (CRITICA evidenziata nella sentenza finale) su chi ha effettivamente ucciso e quindi « questi » sono liberi, ma al contempo condannano chi ha presumibilmente concorso......con quelli assolti. E' incredibile !!!!!!!!!!!