Pescara, falso allarme alla stazione: "Ci sono quattro bombe nucleari"

La linea ferroviaria ha avuto delle notevoli ripercussioni: l'allarme è rientrato dopo un paio d'ore

"Ci sono quattro ordigni nucleari pronti ad esplodere". È questo il contenuto di una chiamata anonima che ha causato il panico totale nella stazione ferroviaria di Pescara. La telefonata ha provocato la sospensione del traffico dei treni a partire dalle ore 13.50: l'autorità giudiziaria ha avuto così modo di procedere con gli accertamenti del caso.

Allarme rientrato

Dopo un paio d'ore l'allarme è rientrato: dopo aver transennato la zona e provveduto a far allontanare le persone presenti, è stato accertato che delle bombe non vi è alcuna traccia. È stato evacuato anche il Posto Centrale, da cui viene controllato il traffico ferroviario di diverse linee in Abruzzo, Marche, Molise e Umbria. Sul posto si sono recati velocemente gli uomini del nucleo NBCR dei vigili del fuoco e gli artificieri della polizia. Sono giunti anche l'assessore Di Nisio e il consigliere comunale Pignoli che hanno distribuito delle bottiglie d'acqua alle persone sotto il sole battente costrette ad evacuare.

Inizialmente il sito ufficiale della Rete Ferroviaria Italiana aveva annunciato: "Dalle 13.50 il traffico ferroviario sulle linee Terni – Sulmona, Pescara – Sulmona, Civitanova Marche – Albacina, Porto d’Ascoli – Ascoli, Giulianova – Teramo, Pescara – Ancona è sospeso per accertamenti tecnici dell’Autorità Giudiziaria". Intanto però il traffico ferroviario sta tornando progressivamente alla normalità.

Commenti

lorenzovan

Lun, 09/09/2019 - 17:39

solo quattro ???

cgf

Lun, 09/09/2019 - 20:57

non uno o due, quattro! Qualcuno ha voluto fermare un treno, vuoi che fosse in ritardo a prenderlo oppure impedire qualcun altro di partire.