Pestato a sangue dagli immigrati: ora deve anche pagare il conto

A Calais un camionista dell’Alto Mantovano fu aggredito da un gruppo dirichiedenti asilo. Adesso l'ospedale gli chiede 800 euro

A Calais un camionista è stato brutalmente pestato da un gruppo di immigrati. La sua unica "colpa" è stata unicamente di passare nelle vicinanze del campo profughi. Adesso, oltre al danno deve subire pure una beffa senza precedenti. Come riporta la Gazzetta di Mantova, dall'ospedale francese dove i medici gli hanno dato ben quaranta giorni di prognosi gli è stata spedita una fattura di quasi 800 euro per le cure che gli sono state prestate.

"È questa l’Europa?", sbotta il camionista che, intervistato dalla Gazzetta di Mantova chiede l'anonimato perché la vicenda non lo lascia dormire la notte. "Ho chiesto di essere rimborsato per i danni subiti ed invece mi trovo a dover pagare le prestazioni mediche - commenta - è assurdo". L'autista stava portando il camion dalla Francia alla Gran Bretagna. Non era la prima volta che faceva quel viaggio. "Mi trovavo a Calais – spiega – sulla strada a quattro corsie i profughi avevano messo dei massi per far rallentare i camion. Faccio un po’ di gimkana e poi mi accorgo dallo specchietto retrovisore che quattro o cinque stanno cercando di salire sul rimorchio". Erano sbucati dal vicino campo, che ospita decine di migliaia di immigrati, dopo aver rotto le barriere di sicurezza. "Freno e accelero per evitare che mi assalgano, ma è inutile – prosegue l'autista nell'intervista alla Gazzetta di Mantova - a quel punto scendo dal camion ed inizio a parlare con quelli che sono lì. Ma dal nulla ne sbucano altri che mi aggrediscono e si avventano sul camion, rompendo vetri e specchietti".

Solo l'intervento della gendarmerie aveva salvato l'autista dalla furia dei quindici immigrati. Subito dopo era stato portato in ospedale a Calais. "Ho fatto domanda di rimborso al tribunale di Boulogne-sur-Mer – conclude il camionista –, perché sono dovuto stare fermo più di un mese dal lavoro". Ma, dopo un anno, la risposta dei giudici francesi lo ha lasciato senza parole. "Mi dicono che non mi devono niente e anzi devo pagare l’ospedale per aver usufruito delle cure, come se fossi andato in una clinica privata. La mia azienda è stata chiusa un mese fa e non ho più lavoro. Ma anche li avessi, quei soldi non li pagherei perché è ingiusto".

Commenti

Guido_

Ven, 22/07/2016 - 16:02

Quante frottole: nell'Europa comunitaria si può essere curati in qualsiasi ospedale pubblico e sarà la propria sanità nazionale a pagare il dovuto. Mi piacerebbe poi vedere la sentenza del giudice, non è che magari non è stato riconosciuto nessun risarcimento perchè non sono stati individuati i responsabili?

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 22/07/2016 - 16:02

ma cosa pretendi italiano disoccupato malmenato. ringrazia e china la schiena di fronte ai tuoi governanti che passano la loro sacro tempo a cercare di coccolarti, considerarti e proteggerti. sei solo un ingrato che pensa al vil denaro.

Raoul Pontalti

Ven, 22/07/2016 - 16:05

Bastava esibire la tessera sanitaria. In ogni caso non deve pagare: o ignora il conto (se all'ospedale pubblico francese presentò tessera sanitaria italiana) o, meglio, lo gira alla propria ASL di competenza.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/07/2016 - 16:14

Se questa è l'Europa del FUTURO AUGURIII !!!!! Saludos dal Nicaragua.

cgf

Ven, 22/07/2016 - 16:18

MAI fermarsi, SONO RISORSE!! c'era da proseguire e poi fermarsi alla gendarmeria dicendo di nutrire forti sospetti che qualcuno fosse salito al volo sul camion.

Trifus

Ven, 22/07/2016 - 16:20

C'è poco da dire.... forza Marine Le Pen.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 22/07/2016 - 16:21

... sti cxxxi. E dopo quello che è successo al Bataclan e a Nizza credete ancora che la Francia sia la paladina della libertà fraternità e uguaglianza e farò dell'Europa? DEGLI AMICI MI GUARDI IDDIO CHE AI NEMICI CI PENSO IO.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/07/2016 - 16:49

E te pareva che non interveniva il Prof so tutto io, secondo Te un camionista va in giro con la tessera sanitaria!!!! Magari non ce l'ha neanche!!!! Stammi bene li in TRENTINAFRICA!!!!lol lol

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 22/07/2016 - 17:14

Prendete la vostra tessera sanitaria con codice fiscale, guardate il retro, c'è scritto "Tessera Europea Assicurazione Malattia" ed è valdi per tutte le emergenze sanitarie (da un incidente d'auto a un'aggressione a un ascesso dentale a un'appendicite) in tutti i paesi dell'Unione Europea, in Svizzera, Norvegia e Islanda.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 22/07/2016 - 17:15

hernando45: non dire sciocchezze!!! Il camionista la tessera sanitaria ce l'ha perché è tutt'uno col codice fiscale ed è rilasciata dal Ministero delle Finanze. E senza codice fiscale in Italia non puoi nemmeno lavorare!

Rossana Rossi

Ven, 22/07/2016 - 17:24

Non sia mai.....il camionista è italiano e quindi comunque colpevole di qualsiasi cosa, le 'risorse' invece vanno sempre e comunque difese, protette, pagate, mantenute, scusate, scarcerate, ospitate,nutrite, ecc.ecc. come vuole la sboldrina.........

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 22/07/2016 - 17:29

Raoul: il lavoro da "influencer" ti porta ad una visione della realtà decisamente distorta. Comprendo che c'è l'input di intervenire su argomenti per supportare sempre le versioni ufficiali ma delle volte è meglio tacere. Il problema non è tanto gli 800 euro da pagare ma l'assenza delle nostre istituzioni in casi simili. Questo signore è stato assaltato come una diligenza nel far west da quelle "risorse" che la maggior parte dei governi europei protegge. Penso che per una persona normale dopo un fatto simile che non è nella normalità degli eventi quotidiani, la tessera sanitaria sia l'ultima cosa che pensi di presentare per le cure mediche. Purtroppo viviamo in un paese dove le istituzioni si presentano ai funerali di un clandestino e invece non di presentano ai funerali di Italiani ammazzati dai fondamentalisti islamici. Siamo abbandonati dalle nostre istituzioni, questa è l'amara realtà che non puoi distorcere. Per fortuna la gente inizia a prendere coscienza di questo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/07/2016 - 17:38

Omar il poliglotta Non fare il SAPUTELLO, io il codice fiscale ce l'ho, ma la tessera sanitaria NO. La tessera sanitaria viene rilasciata dalla Regione dietro OK dell'agenzia delle entrate, che certifica che paghi l'addizionale IRPEF in quella Regione. Tutto il resto è NOOOIAAA!!! Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 22/07/2016 - 17:48

USCIAMO DALL'EUROPA......è tutta una fregatura.

Una-mattina-mi-...

Ven, 22/07/2016 - 17:57

Che mandi il conto alla boldrini, che sarà fierissima di contribuire

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/07/2016 - 18:04

Egregio pontalti non tutti sono fresconi come gli italiani che fanno di tutto per favorire chi ci danneggia.I francesi per prima cosa tengono le parti dei francesi e se non sei dei loro cercano come tutti i governi che si rispettano di non renderti facili le cose.I fresconi invece scaricano le navi di tutti i paesi,degli invasori a scapito degli italiani che si sono fatti un mazzo per portarci fuori dalla miseria.

paolobc

Ven, 22/07/2016 - 18:19

E' falso che in europa si può essere curati negli ospedali pubblici senza pagare per esperienza diretta sia in Germania che in Polonia ti presentano il conto.

paolobc

Ven, 22/07/2016 - 18:23

Sia in Germania che in Polonia, per esperienza diretta, se sei italiano devi PAGARE!!!! l'assistenza sanitaria dell'ospedale pubblico

Raoul Pontalti

Ven, 22/07/2016 - 18:25

@hernando45 'mbriago di limoncello, la tessera sanitaria la devono avere tutti e deve essere esibita ad ogni richiesta di prestazione sanitaria in Italia e all'estero (strutture sanitarie convenzionate con il locale servizio sanitario pubblico a sua volta convenzionato con il nostro SSN). Puoi di fatto circolare senza documenti, compresa la patente di guida, ma se ti pesca la polizia cosa racconti? @gabriele74-cina premesso che la versione ufficiale è che il camionista deve pagare e io sostengo il contrario (non pagai nemmeno io la fattura dell'ospedale di Aix-en-Provence nel 2006 dopo avervi fatto ricorso per gli esiti di una rapina ai mie danni), le istituzioni intervengono se sollecitate, nel caso poi l'autista, con pessimo avvocato, ha perso la causa intentata in Francia e ora, se è nei termini, può ricorrere e avvalendosi dei servizi consolari del caso.

Zizzigo

Ven, 22/07/2016 - 18:29

Perfino in Svizzera (non UE) i servizi ospedalieri NON sono direttamente a carico del paziente italiano... basta la tessera sanitaria.

asalvadore@gmail.com

Ven, 22/07/2016 - 18:33

Il mio motto é sempre lo stesso fino a che tutti i governu capiscano CHE BISOGNA FARLA FINITA CON QUESTA PESTE: ZEROMIGRANTI.

Martinico

Ven, 22/07/2016 - 18:35

IL camionista ha la sua responsabilità e questo è innegabile. Non doveva trovarsi la con il camion a quell'ora. Poi che pretesa voleva andare in Gran Bretagna. Vietato. Poi chiedere il rimborso, assurdo, anche perché magari non era neppure un pochino abbronzato.

claudioarmc

Ven, 22/07/2016 - 19:07

Consigliategli di qualificarsi per cittadino della repubblica del bingo bongo così avrà assistenza gratis e forse anche un diaria giornaliera così potra fare un cxxxo come i clandestini che abbiamo importato noi

Happy1937

Ven, 22/07/2016 - 19:11

Sarebbe la Francia a dover pagare i danni al camionista per la mancanza di controllo dominante nel Paese.

Linucs

Ven, 22/07/2016 - 19:18

"Richiedenti asilo" -> scimmie.

Cheyenne

Ven, 22/07/2016 - 19:18

tutti ci sputano in faccia e renzie mostra il culo

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 22/07/2016 - 19:48

Ti presentano il conto sempre. La fattura la porti alla Asl che poi provvede. Punto.

wrights

Sab, 23/07/2016 - 08:06

Se TUTTE le prestazioni sanitarie usufruite nella UE (e paesi collegati) fossero gratuite, manderebbero il conto direttamente alla AUSL. Invece la mandano alla persona che provvederà poi a farsela rimborsare dalla AUSL regionale, se rientra in quelle rimborsabili. Unica eccezione gli extracomunitari illegali, che hanno diritto a tutte le prestazioni e non avendo i documenti o avendoli falsi, non arriva niente a nessuno. Ha solo sbagliato il camionista a dire che era italiano ed ad avere la tessera sanitaria e i documenti in regola con se.